Cerca

Morti d'amianto

Eternit, Renzi: "Cambiare la prescrizione, così è un incubo"

Eternit, Renzi: "Cambiare la prescrizione, così è un incubo"

Il giorno dopo l'annullamento della condanna da parte della Cassazione, quello che resta del processo Eternit, caduto in prescrizione secondo la legge, è la rabbia dei familiari delle vittime. La portavoce della sofferenza di tutti è Romana Blasotti Pavesi: vedova di Mario Pavesi, ex operaio dell’Eternit di Casale Monferrato, sorella di Libera Blasotti, morta di mesotelioma, il 9 giugno 1990; lei è zia di Giorgio, morto di mesotelioma, il 10 dicembre 2004, cugina di Anna, morta di mesotelioma poco tempo dopo, ed è madre di Maria Rosa, morta di mesotelioma il 24 agosto 2008. "Ho una grande rabbia addosso. Non pensavo di provarla ancora, e invece mi sento una forza tenace per andare avanti. Tutto quel che abbiamo fatto, partendo da Casale, per decenni, deve lasciare un segno, deve servire da esempio per tutti i casi come questo. Nessuno più deve permettersi di fare, impunito, quel che è stato fatto a noi e solo per profitto. Il disastro che abbiamo patito e continuiamo patire non può sfumare così", confida in un’intervista a La Stampa. Di fronte a tutta questa sofferenza, il premier Renzi ammette la necessità di rivedere la legge sulla prescrizione.

Condanna annullata - E' stata revocata la condanna a 18 anni del magnate svizzero Stephan Schmidheiny, condannato per disastro ambientale doloso, dovuto all'emissione di polveri killer da quattro stabilimenti italiani: Casale Monferrato e Cavagnolo (Piemonte), Rubiera (Emilia) e Bagnoli (Campania). La Cassazione, dopo solo due ore di consiglio, prescrive il reato, segnando, così, un altro caso giudiziario in cui nessuno è colpevole.

Lutto cittadino - E' stato dichiarato lutto cittadino a Casale Monferrato, nell'Alessandrino, dopo la sentenza Eternit della Cassazione che ha annullato la sentenza di condanna a 18 anni per il magnate  Schmidheiny, accusato di disastro doloso relativo alla morte di oltre duemila persone per inquinamento da amianto, dichiarando il reato prescritto. Lo ha proclamato il sindaco, Titti Palazzetti, che questa mattina, 20 novembre, è in piazza con i suoi concittadini per protestare contro l'annullamento per prescrizione.

Renzi e la prescrizione - "La giustizia deve essere tempestiva. Non possiamo cedere davanti alla prescrizione. I processi devono essere veloci e giusti", con un tweet il premier Matteo Renzi prende posizione sulla decisione della Cassazione sul caso Eternit. "Da cittadino mi colpiscono le interviste ai familiari e mi fanno venire anche un po’ di brividi. Perché mostrano un’abilità straordinaria e perché credono nella giustizia più di quanto ci creda talvolta un servitore dello Stato e continuano a combattere non perché le morti siano consolate - sono inconsolabili - ma per l’idea di attaccarsi fortemente alla giustizia come etica di un Paese. È un dolore e una bellezza senza fine", dice Matteo Renzi alla stazione radio Rtl. "Non è possibile", contiua il premier, "su alcune vicende avere regole che col tempo fanno saltare la domanda di giustizia, perché ci sono dei dolori che non hanno tempo; dobbiamo far sì che i processi siano più veloci e non ci sia modo di chiudere la partita più velocemente perché è passato tanto tempo come se le domande di giustizia venissero meno. No, non vengono meno".

I magistrati - Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Rodolfo Sabelli ricorda che "i magistrati hanno sollevato da anni il problema della prescrizione; già nel 2005, quando venne approvata la ex Cirielli, dicemmo che era una pessima riforma che avrebbe creato tanti problemi".

Camere accelerano - Il senatore di FI, Francesco Nitto Palma, nell'ambito del dibattito Eternit, aveva accennato alla necessità che un'intesa tra i presidenti Grasso e Boldrini che decidesse se i disegni di legge in tema di prescrizione, inclusi nel pacchetto della riforma della giustizia varato dal governo, partiranno dalla Camera o dal Senato.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    21 Novembre 2014 - 21:09

    Invece di cambiare la prescrizione, caro Renzi, perché invece non su accelerano i processi? Visto che contro Berlusconi in tre mesi si è fatto appello e cassazione, non vedo perché non debba essere così anche per altri casi.

    Report

    Rispondi

  • soleados

    21 Novembre 2014 - 12:12

    Per l'intelligentissimo/idiotone grisostomo: a chi dobbiamo la legge attuale sulla prescrizione, in base alla quale e' stato prescritto il processo di Torino?

    Report

    Rispondi

    • frabelli

      21 Novembre 2014 - 21:09

      La colpa non è della prescrizione, che esiste in gran parte del mondo, ma della lungaggine del nostro sistema giudiziario.

      Report

      Rispondi

  • arwen

    21 Novembre 2014 - 10:10

    E Renzi ha il coraggio di accusare Grillo di populismo? E queste sue affermazioni come le vogliamo chiamare? Populismo spicciolo per cercare di raccattare un po' di visibilità. Il problema nn è la prescrizione, ma i tempi biblici della magistratura che, peraltro, nn è stata in grado nemmeno di indicare chiaramente il capo di imputazione. Questo è il vero incubo!

    Report

    Rispondi

  • soleados

    21 Novembre 2014 - 09:09

    Scusate ma non e' la legge cirielli? E da quale governo e' stata promulgata questa legge che regola la prescrizione attuale? Signori IDIOTI che ancora votate il PREGIUDICATO, me lo dite?

    Report

    Rispondi

    • Anna 17

      Anna 17

      21 Novembre 2014 - 13:01

      Io ho votato il pregiudicato, come lo chiami tu dalla dura cervice, e non sono un idiota, mentre noto nel tuo commento una marea d'idiozie che senza ombra di dubbio rispecchiano la tua cara testa di c.... Vedi se riesci a far lavorare questi giudici che con i loro tempi secolari ammazzano la giustizia. Tonto.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog