Cerca

Roma Capitale

L'ultima del sindaco Marino: le case del Comune ai rom

L'ultima del sindaco Marino: le case del Comune ai rom

Il primo annuncio lo ha fatto davanti alle telecamere, quelle di Announo giovedì scorso, spinto dal furore della polemica: i campi rom «vanno smantellati», ha dichiarato il sindaco di Roma, Ignazio Marino. Sì, ma dove andrebbero i nomadi? Ecco l’idea che si fa strada in Campidoglio: dobbiamo smantellare questi campi, che rappresentano uno dei motivi di maggior espasperazione per i cittadini residenti nei pressi - siamo nella zona di Tor Sapienza, teatro delle recenti proteste e violenze e in questo quadrante della Capitale i campi rom sono due (va considerato che in tutta la città i campi, tra regolari e abusivi, sono una ventina, concentrati soprattutto nelle periferie) di cui uno abusivo - e i nomadi dove li mettiamo? L’escamotage è semplice: togliamoli da un posto, mettiamoli in un altro, dandogli una casa. «Mettere queste persone nei luoghi dove si possa fare autocostruzione, cioè recupero di edifici abbandonati», ha spiegato Marino. Nelle prossime settimane dagli uffici partirà una ricognizione del patrimonio immobiliare. Cioè degli stabili comunali che al momento sono vuoti.

No ai ghetti - Non è necessario elencare le numerose obiezioni che vengono in mente immediatamente al progetto, già fallito in altri tentativi del genere. Tuttavia Marino sembra avere le idee chiare. Intanto, ha sostenuto, ormai è tolleranza zero verso chi sbaglia. Con questo principio: «Le popolazioni rom o si mantengono da sole o se ne vadano». Ma chi non delinque e vuole mandare i figli a scuola, chi insomma decide di vivere nella legalità potrà andare a vivere negli immobili recuperati. «Dimostrando i requisiti del caso». Tutto nasce da una convinzione: «Non è accettabile spendere milioni di euro per tenere le persone in veri ghetti», ha spiegato il primo cittadino capitolino, «bisogna separare le persone per bene che aspirano ad avere una vita e che sono assolutamente integrate, queste persone devono avere gli stessi diritti».

Le obiezioni - E obiezioni varie a parte, è facile comprendere che una simile proposta, mentre è sempre più difficile la gestione delle periferie, può diventare in quattro e quattr’otto un vero e proprio detonatore. E sono arrivate subito le prime reazioni ad alto tasso polemico. Una vera follia, definisce il tutto l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, secondo il quale, «se risponde al vero la notizia», significa che «un nuovo clamoroso pericolo rischia di abbattersi sulla città di Roma. Promettere le case ai nomadi della nostra città significa due cose: innanzitutto dare uno schiaffo in faccia alle migliaia di romani che da anni attendono una casa popolare o anche semplicemente una qualche forma di assistenza alloggiativa. Ma soprattutto significa attrarre nella nostra città altre migliaia di nomadi provenienti da tutta Europa». E Federico Rocca, responsabile enti locali Fratelli d’Italia - Alleanza Nazionale, conclude il suo intervento di forte critica così: «Marino abbia pietà dei romani e si dimetta». Tutto questo in una ennesima giornata di fuoco, per la Capitale, sotto il profilo delle proteste e delle violenze: a Tor Bellamonaca, sempre periferia sudest, un uomo è stato colpito alle gambe in un agguato per strada, mentre al quartiere Infernetto si è svolto un sit-in di protesta contro il centro di accoglienza immigrati, a cui ha partecipato anche l’eurodeputato leghista Mario Borghezio. E due giorni fa, è sceso in campo il Coordinamento di ribellione contro il degrado dei rioni e quartieri di Roma che riunisce 45 comitati di abitanti, che lanciano una sfida da concretizzare a breve: occupare la stazione Termini e poi anche «sette-otto stazioni della metropolitana».

di Caterina Maniaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tadeopontecorvo

    27 Novembre 2014 - 01:01

    Sig.ra Maniaci lei lo sa quali sono le direttive europee in merito alla gestione dei rom? Sa che in Spagna, Francia, Germania e Regno Unito (per citare i paesi simili all'Italia perche' ce ne sarebbero altri 9) la popolazione di rom e' superiore a quella italiana? Sa come gestiscono il problema, e con successo, questi paesi? Secondo me si (almeno spero)ma purtroppo non e' pagata per fare informare

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    25 Novembre 2014 - 08:08

    Marino, buono per la sagra dell'uva che fa del buon vino!

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    24 Novembre 2014 - 23:11

    Eè come se gli italiani avessero fatto una assicurazione per eventuali danni subiti (pagamento ex gescal ecc) e poi il premio va a chi il danno lo ha provocato. Marino rafforza la leggenda che dice: "Roma ladrona governata da ladroni". Certi fatti sono incontrovertibili per giudicare l'affermazione come vera.

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    24 Novembre 2014 - 22:10

    Mi viene la battuta leghista: "Roma ladrona". Quindi chi potevano votare i romani? L'eletto a chi può dare benefici, case, sussidi ecc. Agli onesti? Meglio darla a chi un giorno sta lì, un'altro giorno da altra parte e al suo posto mette il parente o l'amico. I lavoratori dipendenti pagavano una tassa dal loro stipendio per le case popolari, era sottinteso che dovevano occuparle zingari ecc.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog