Cerca

Rivoluzione

Accorpamento delle regioni: ecco come può cambiare la mappa d'Italia

Accorpamento delle regioni: ecco come può cambiare la mappa d'Italia

Via 8 regioni, ne resteranno solo 12. Se l'idea così com'è stata concepita dai parlamentari Pd Roberto Morassut e Raffaele Ranucci andasse in porto, dovremmo prepararci a dire addio alla cartina dell'Italia per disegnarne una nuova.  A Nord, l'unica amministrazione a rimanere inalterata sarebbe la Lombardia. Al suo fianco, oltre all'Alpina, nascerebbe il Triveneto, unione di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige. Al centro Italia, l'Emilia guadagnerebbe dalle Marche la provincia di Pesaro e accanto alla già citata Adriatica, nascerebbe l'Appenninica, unione di Toscana, Umbria e provincia di Viterbo. Il Lazio scomparirebbe, diventando un unico grande Distretto di Roma Capitale, lasciando le province meridionali alla neonata regione Tirrenica, insieme alla Campania. Sempre al Sud, la Puglia guadagnerebbe dalla Basilicata - soppressa - la provincia di Matera, trasformandosi in Levante. Mentre la Calabria. Immutate, infine, Sicilia e Sardegna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • latunerdover

    21 Gennaio 2015 - 19:07

    Si potrebbe accorpare la Sicilia alla Svizzera?

    Report

    Rispondi

  • dario.moiso

    20 Gennaio 2015 - 11:11

    ...e mi che parlu mac al piemunteis, andua che vadu?...

    Report

    Rispondi

  • Friggha

    20 Gennaio 2015 - 03:03

    Io son per il Granducato do Toscana!!! ...Ma che la facciano finita ridicoli... Buffoni, non hanno niente di meglio da fare...

    Report

    Rispondi

  • aemil

    19 Gennaio 2015 - 22:10

    Anche meno; Nord Centro Sud Isole

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog