Cerca

Il caso

Yara, Massimo Bossetti aveva un complice: due Dna su Yara

Yara, Massimo Bossetti aveva un complice: due Dna su Yara

Non c’è solo la traccia di Massimo Giuseppe Bossetti su Yara. Sul corpo della ragazzina di Brembate, rapita il 26 novembre 2010 e trovata morta 3 mesi dopo, ci sarebbe infatti il Dna anche di una seconda persona, al momento sconosciuta. Da questo dato gli inquirenti sarebbero arrivati a ipotizzare un complice. Bossetti avrebbe rapito e ucciso la ragazzina con la complicità di un’altra persona? Questo sostiene il settimanale Giallo in edicola con un articolo dedicato proprio alla questione. Bossetti dal carcere continua a dirsi innocente. Recentemente sua madre, Ester Arzuffi, lo ha difeso pubblicamente: “Voglio far capire alle persone com’era mio figlio da piccolo, da adulto, da sposato. Che modello di papà è e che marito è. Che gli assassini si facciano avanti o, se c’è qualcuno che sa qualcosa, lo dica”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog