Cerca

La sentenza

Cassazione: lui ha cambiato sesso, ma il matrimonio resta valido

Cassazione: lui ha cambiato sesso, ma il matrimonio resta valido

Chi cambia sesso conserva "diritti e doveri" conseguenti al "vincolo matrimoniale legittimamente contratto". Così la prima sezione civile della Cassazione, applicando i principi dettati dalla Consulta lo scorso giugno, si è definitivamente pronunciata sul caso della coppia emiliana che, dopo il cambio di sesso effettuato dal marito nel 2009, si era opposta alla cessazione degli effetti civili del matrimonio annotata nel registro degli atti del Comune di Bologna. La Suprema Corte ha così accolto il ricorso presentato dalla coppia, sottolineando che "la conservazione dello statuto dei diritti e dei doveri propri del modello matrimoniale" è tale "fino a quando il legislatore non consenta" ai due "di mantenere in vita il rapporto di coppia giuridicamente regolato con altra forma di convivenza registrata che ne tuteli adeguatamente diritti ed obblighi".

Nessun divorzio imposto - La Cassazione è partita dalla decisione della Consulta dell’11 giugno 2014 che aveva stabilito che la norma che prevede l’annullamento del matrimonio (legge 164 del 1982 che contiene le norme in materia di cambio di sesso e che fa scattare il cosiddetto "divorzio imposto") nel caso in cui uno dei due coniugi cambi sesso è incostituzionale, perché non prevede per la coppia che voglia continuare una vita assieme un’altra forma di convivenza giuridicamente regolata, un’unione alternativa a cui deve prevedere il legislatore. Una porta spalancata a favore delle unioni civili sulla quale oggi è intervenuta nuovamente la Cassazione (è la seconda volta che si pronuncia sulla vicenda, la prima volta è accaduto nel 2012),  invitando il Parlamento a legiferare.

Diritto costituzionale - La Suprema Corte, nelle motivazioni redatte da Maria Acierno, ha ricordato che "un sistema legislativo che consenta soltanto alle coppie eterosessuali di unirsi in matrimonio può legittimamente  escludere che si possano mantenere unioni coniugali divenute a causa della rettificazione del sesso di uno dei componenti non più fondate sul predetto paradigma". Detto questo, la Suprema Corte ha messo nero su bianco che "ciò che non può essere costituzionalmente tollerato, in virtù della protezione costituzionale di cui godono le unioni tra persone dello stesso sesso, è che per effetto del sopravvenuto non mantenimento del modello matrimoniale tali unioni possano essere private del nucleo di diritti fondamentali e doveri solidali propri delle relazioni affettive sulle quali si fondano le principali scelte di vita e si forma la personalità sul piano soggettivo e relazionale".
Da qui la decisione di piazza Cavour di ritenere "autoapplicativa e non meramente dichiarativa" la pronuncia.

Nozze gay - La Cassazione ha chiarito a più riprese nella sentenza che non si tratta di estendere il modello di unione matrimoniale alle coppie gay, tuttavia è necessario garantire i diritti. "Tale opzione ermeneutica", si legge nelle motivazioni, "è costituzionalmente obbligata e non determina l’estensione del modello di unione matrimoniale alle unioni omoaffettive, svolgendo esclusivamente la funzione temporalmente definita e non eludibile di non creare quella condizione di massima indeterminatezza stigmatizzata dalla Corte Costituzionale in relazione ad un nucleo affettivo e familiare che, avendo goduto dello statuto matrimoniale, si trova invece in una condizione di assenza radicale di tutela".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • graziac2000

    21 Aprile 2015 - 18:06

    Questa volta concordo con la cassazione, si continua a sacmbiare il sesso con l'amore e ad associare il matrimonio con la procreazione. A mio modesto parere, il matrimonio, al di là dell'aspetto contrattuale, per funzionare, va inteso come profonda comunicazione di due entità che si fondono mantenendo nel contempo la propria autonomia. Diciamo che ci si sposa con la "testa" , non coi "genitali"!

    Report

    Rispondi

    • roberto19

      roberto19

      21 Aprile 2015 - 20:08

      L’etimologia della parola matrimonio è mater - monium dove mater è madre e moniun è azione … indica l’unione tra uomo e donna con l’intento di generare la prole. Sarebbe opportuno non cambiare il significato etimologico della parola o almeno non usarla con un significato diverso dal suo originale.

      Report

      Rispondi

  • air79

    21 Aprile 2015 - 15:03

    fanta giurisdizione... ormai la possiamo equiparare le leggi al fantacalcio... tuttavia visto che i giudici delle supreme corti ormai si elevano al disopra del parlamento dovrebbero essere eletti dal popolo e non auto proclamati...

    Report

    Rispondi

blog