Cerca

La fine di Roma?

Vaticano, dimissioni Ratzinger e profezie: senza il Papa è iniziata l'era dei demoni

Da Fatima a Malachia, per tutti i grandi veggenti la rinuncia del capo della Chiesa avrebbe gettato il mondo nelle tenebre: "La città dei sette colli cadrà"

Vaticano, dimissioni Ratzinger e profezie: senza il Papa è iniziata l'era dei demoni

 

di Caterina Maniaci

 

 

Un fulmine colpisce la cupola di San Pietro, mentre finisce il giorno in cui papa Benedetto XVI annuncia al mondo la propria decisione di dimettersi. Una foto immortala il fatto e diventa, rapidamente, l’immagine-simbolo dell’evento storico. E anche il simbolo di una diffusa sensazione di cataclismi incombenti. Perché le dimissioni papali ben si associano a interpretazioni apocalittiche per il futuro prossimo venturo. E quindi stanno fioccando le citazioni di profezie, visioni premonitrici, interpretazioni cabalistiche e complottistiche. 

Vengono riesumate visioni terrificanti di un «Vescovo vestito di bianco», il Pontefice probabilmente, che arranca su un colle coperto di rovine e di cadaveri, su cui anche lui troverà la morte, così come si legge nelle descrizioni del terzo segreto di Fatima, rivelato dalla Vergine Maria ai tre pastorelli portoghesi nel 1917. 

«Anche per la Chiesa verrà il tempo delle sue più grandi prove. Cardinali si opporranno a cardinali; vescovi a vescovi. Satana marcerà in mezzo alle loro file, e a Roma ci saranno cambiamenti». Questo si annuncia appunto nell’ultima profezia di Fatima e  la cronaca di oggi può facilmente creare nessi con quanto sta succedendo tra le mura vaticane. Un leitmotiv ricorrente in occasione di decesso di un Pontefice - ma già adattato ad un Papa dimissionario - è quello attribuito a San Malachia e perciò definito profezia di Malachia. Un elenco di 112 motti che sarebbero attribuibili ad altrettanti pontefici a partire da Celestino II. Benedetto XVI era il 111°. Il prossimo, quindi, esaurirebbe la lista, Pietro Romano. Dopo, più niente: nell’interpretazione millenaristica della lista, il prossimo Pontefice sarebbe quindi l’ultimo prima del secondo ritorno di Cristo e della successiva fine del mondo. 

Nella profezia di Malachia si legge dunque che l’ultimo Papa, Petrus Romano, siederà sul soglio pontificio nel corso dell’ultima persecuzione della Chiesa. Al termine del suo papato, «la città dai sette colli cadrà, e il giudice tremendo giudicherà il suo popolo». Il giorno del giudizio, insomma. Qualcuno parla già del prossimo pontefice come «il papa nero», che nella profezie di Nostradamus sarebbe l’ultimo prima dell’apocalisse. Ma attenzione: in nessuna centuria di Nostradamus si parla del papa nero. E non c’è alcun riferimento a tale profezia nella lista di San Malachia.

Quando poi è stato proprio un Pontefice ad avere visioni apocalittiche sul futuro della Chiesa non si può non rimanerne profondamente colpiti. Il  13 ottobre 1884 papa Leone XIII finì di celebrare la Santa Messa nella cappella vaticana. Poi restò immobile per almeno dieci minuti.

Ridestandosi da quel momento di immobilità, il Papa si precipitò verso il suo ufficio senza dare la minima spiegazione a chi era vicino a lui e che l’aveva visto divenire livido. Leone XIII compose immediatamente una preghiera a san Michele Arcangelo, dando istruzioni perché fosse recitata ovunque al termine di ogni Messa bassa. Successivamente il Papa darà la sua testimonianza raccontando (sinteticamente) di aver udito Satana e Gesù e di aver avuto una terrificante visione dell’inferno : «Ho visto la terra avvolta dalle tenebre e da un abisso, ho visto uscire legioni di demoni che si spargevano per il mondo per distruggere le opere della Chiesa ed attaccare la stessa Chiesa che ho visto ridotta allo stremo. Allora apparve San Michele e ricacciò gli spiriti malvagi nell’abisso. Poi ho visto San Michele Arcangelo intervenire non in quel momento, ma molto più tardi, quando le persone avessero moltiplicato le loro ferventi preghiere verso l’Arcangelo». Significativo che nel 1994, Papa Giovanni Paolo II abbia chiesto che questa preghiera tornasse ad essere recitata, affinché  «la preghiera ci fortifichi per la battaglia spirituale... Papa Leone XIII ha ha certamente avuto un vivo richiamo di questa scena quando ha introdotto in tutta la Chiesa una speciale preghiera a San Michele Arcangelo. Chiedo a tutti di non dimenticarla e di recitarla per ottenere aiuto nella battaglia contro le forze delle tenebre e contro lo spirito di questo mondo». Il nove febbraio scorso Mjriana, una delle veggenti di Medjugorie, si trovava per un incontro a Trieste. Nel parlare dei contenuti del nuovo messaggio che la Madonna le avrebbe riferito, c’è anche questa frase: «Figli miei, quello che ho iniziato a Fatima, terminerò a Medjugorje, il mio cuore trionferà... questo tempo, è un tempo di decisioni. Cari figli, anche oggi in modo particolare vi invito a pregare per i miei sacerdoti, per i miei diletti, a pregare per i Vescovi e per il Santo Padre. Pregate, cari figli, per i miei pastori, pregate più che mai».

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    03 Marzo 2013 - 16:04

    dare più voce alle apparizioni della Madonna a Medjugorje e non farle passare come fantasie popolari. La Chiesa deve essere sempre pronta e non sottovalutare certi eventi mariani. Nelle apparizioni mariane c'è sempre il richiamo alla fede alla conversione e le apparizioni di Medjugorje sono la testimonianza che oggi La Chiesa è in pericolo di fronte all'ateismo che sta avanzando nel mondo, quindi occorre la pregare. Ecco le dimissioni del Papa, per dedicarsi completamente alla preghiera per la salvezza dell'umanità intera, sia intesa spiritualemnte che intesa per allontanare il rischio di calamità apocalittiche. Che ne pensano le veggenti di Medjugirie ed in particolare la veggente che custodisce i segreti della Madonna? Forse è il momento di saperne di più?

    Report

    Rispondi

  • spalella

    03 Marzo 2013 - 13:01

    ma ce ne sono di scemi, in giro....

    Report

    Rispondi

  • allianz

    16 Febbraio 2013 - 22:10

    Prima il fulmine sul Cupolone,poi la meteora sugli Urali....Mai che non venga giù qualche cosa sul quirinale.palazzo Madama,o palazzo chigi...Aspettiamo comunque fiduciosi l'evento.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    15 Febbraio 2013 - 13:01

    Chissà se è il caso di sentire che ne dicono le veggendi di Medjugorje per quanto sita succedendo, sia per le dimissioni del Papa e sia per la pioggia di meteoriti in Russia ed altri fenomeni meno eccladanti ma a seguito delle dimissioni del Papa. Tra l'altro negli Urali ci sono le centrali nucleari che al pensiero, ci fanno tremare. I dieci segreti che le veggenti custodiscono parlano di questi avvenimenti oscuri che stanno avvenendo? Eè l'inizio dell'Apocalisse?Intanto accogliamo il messaggio della Madonna: Pregate per la selvezzza dell'umanità intera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog