Cerca

Oggi in San Pietro

Dittatori e imbucati
alla messa solenne
d'insediamento
di papa Francesco

Arrivati per la messa solenne il dittatore dello Zimbabwe, Mugabe, e il discusso indiano P.J. Kurien. Padre Lombardi: «Non facciamo inviti, chi vuole viene»

Dittatori e imbucati
alla messa solenne
d'insediamento
di papa Francesco

 

«La Santa Sede non fa inviti. Chi vuole venire è il benvenuto».  Così il portavoce della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi. Morale: questa mattina in Vaticano  ad assistere alla messa solenne d’inizio del Ministero petrino ci saranno due personaggi dal presente e dal passato molto discusso. Il dittatore Robert Gabriel Mugabe, presidente dello Zimbabwe, considerato sia dall’Unione europea che dagli Stati Uniti «persona non gradita». E il vicepresidente del Senato indiano, P.J Kurien, personaggio che nel 1996 fu coinvolto - e poi assolto - dalle accuse di stupro collettivo nei confronti di una minorenne nel Kerala. 

Mugabe, controverso dittatore africano, sbarcato a Roma ieri mattina alle 7 con un volo speciale dell’Air Zimbabwe proveniente da Harare, ha il divieto di viaggiare e transitare in Europa, fatta eccezione per inviti ad eventi organizzati dalle Nazioni Unite o per «obblighi religiosi». Ecco perché oggi sarà in piazza San Pietro. A Fiumicino, ieri mattina, Mugabe è sceso dall’aereo accompagnato da una folta  delegazione, tra funzionari ministeriali e guardie del corpo. In abito e cappotto grigio,  con un mazzolino di fiori in mano, è passato attraverso il «cerimoniale di Stato», l’area dello scalo riservata al passaggio delle personalità politiche e religiose. 

Mugabe  - accusato di violenze e abusi e bandito dall’Ue con il divieto di ingresso e con il congelamento dei beni - non vuole mancare all’avvenimento, perché dice di aver studiato da gesuiti e di ritenersi molto cattolico. Grazie alle deroghe per gli obblighi religiosi il presidente dello Zimbabwe presenzierà in Vaticano per la terza volta, come accadde per i funerali (nel 2005) e la beatificazione (nel 2011) di Papa Giovanni Paolo I. 

Leggi l'articolo integrale di Chiara Pellegrini

su Libero in edicola martedì 19 marzo

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    19 Marzo 2013 - 13:01

    io credo che tanti di quelli che piacciono a loro sono uguali o peggio di mugabe.

    Report

    Rispondi

blog