Cerca

Non è Mario Monti

Merkel a Ischia, visita al dipendente licenziato dall'hotel

Ischia, Cancelliera in visita al maître licenziato dall'hotel che la ospita ogni anno. Angela si sente in colpa per le manovre lacrime e sangue che ci ha imposto?

Angela Merkel

Angela Merkel a Ischia

 

Barlumi di umanità anche da parte di Angela Merkel, "impegnata" nel suo soggiorno a Ischia. La Cancelliera, da anni, è habituè dello stesso hotel di Sant'Angelo, il Miramare. Ma quest'anno Frau Merkel ha notato l'assenza di un dipendente, il maître con il quale aveva stretto un rapporto cordiale durante i suoi ripetuti soggiorni. Così Angela ha chiesto di lui e ha scoperto la cruda realtà: è stato licenziato. Dribblando fotografi e giornalisti, la Merkel sabato pomeriggio si è recata a trovarlo.

La malignità - Forse, si può ipotizzare con un pizzico di malignità, quello della Merkel è stato un gesto "distensivo" nei confronti dei tre milioni di disoccupati che, oggi, ci sono in Italia. La grande crisi ha messo in ginocchio il Belpaese, ma la mazzata finale è arrivata con le manovre e le tasse del governo di Mario Monti, l'esecutivo voluto dall'Europa e, appunto, dalla Merkel. Durante l'epopea montiana i disoccupati hanno raggiunto i massimi da vent'anni a questa parte. La "manina" della Merkel e i diktat germanici hanno avuto un ruolo in questo tracollo. Forse, come detto, la Cancelliera è andata a visitare il cameriere perché è una delle sue tante "vittime". Forse è andata da lui per scusarsi.

"Fuga" nel sentiero - Nella mattinata di sabato Frau Merkel è stata avvistata imboccare il vecchio sentiero che da Sant'Angelo sale fino alla frazione di Serrara. Si pensava che quella della Cancelliera fosse una semplice passeggiata. E invece, con il passare delle ore, si è scoperto che Angela si era recata dal dipendente licenziato, Cristoforo Iacono, 59 anni. La notizia dell'incontro è stata confermata dalla figlia dell'uomo, Marianna Iacono.

"A pranzo con noi" - "La signora Merkel non ha trovato mio padre in albergo, e avendo saputo che era stato licenziato è venuta fino a casa a trovarlo - ha raccontato la figlia -. Si è seduta e ha pranzato con noi. La Merkel conosce mio padre da una vita, anche prima che diventasse capo del governo. Siamo stati felicissimi di averla qui a casa nostra". Sul "caso" ha detto la sua anche il sindaco di Serrara Fontana, Rosario Caruso: "E' stato un bel gesto, che denota un'attenzione ai rapporti umani da parte della signora Merkel ed una sua particolare sensibilità".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Logmain

    02 Aprile 2013 - 11:11

    Non è mai colpa loro ... Paese di coglioni senza speranze.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    02 Aprile 2013 - 10:10

    Adesso la crisi non è colpa delle banche, delle finanziarie e di una classe politica ignobile ... è colpa di questa qua. Cerebrolesi.

    Report

    Rispondi

  • noinciucio

    02 Aprile 2013 - 08:08

    guarda che è solo andata a trovarlo, in senso di amicizia, ma col cavolo che gli ha offerto un posto di lavoro! Guarda che anche Hitler, Stalin, Pol Pot, Mao e Mussolini avevano un cuore!

    Report

    Rispondi

  • noinciucio

    02 Aprile 2013 - 08:08

    se la Merkel è una signora io sono Richard Gere! Ma per favore! Se dipendesse da me neanche la farei entrare sul territorio italiano e la inserirei nella lista nera delle persone indesiderate, perchè grazie a lei ci troviamo in questa situazione economica! Andasse a trascorrere le ferie in Baviera e non rompesse i pampacioni in Italia, visto che per i tedeschi gli italiani sono tutti mafiosi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog