Cerca

Il commento

Mughini: rispediamo Priebke in Germania, conviene a tutti

Il criminale nazista compie cento anni, mentre i “buoni” muoiono presto. Ma ci costa un milione l'anno e dà fastidio a troppi

Giampiero Mughini

È un’immagine apparentemente qualsiasi e che invece ci racconta tutto il grottesco e l’insensatezza della vita, ma anche della giustizia umana quando cerca di quantificare delle pene per crimini che sono oltre ogni possibile conteggio. È la foto di un uomo segnato dagli anni e tuttavia dal portamento eretto che passeggia per una via di Roma appoggiato al braccio di una badante. Abbigliato sportivamente di una polo blu e di un berretto da baseball, quell’uomo sta per compiere cento anni e ha l’aria di portarli bene. Il suo nome è Erich Priebke. Il pomeriggio del 24 marzo 1944 da capitano delle SS di stanza a Roma fece parte del plotone tedesco che alle Fosse Ardeatine maciullò 335 italiani colpevoli di nulla e che i nazi avevano raccattato in tutta furia nelle varie carceri romane, fra i quali oltre 70 ebrei. Li uccisero cinque alle volta, sparando loro un colpo alla nuca. Cominciarono attorno alle 16 e finirono alle prime luci del crepuscolo. Infine i nazi misero la dinamite in quelle che erano originariamente delle cave, nella speranza di occultare un massacro di cui forse si vergognavano. 

La cattura
Catturato in Argentina nel 1994, Priebke venne estradato in Italia nel 1995. Dopo un tortuosissimo iter giudiziario (cominciato con un’assoluzione perché il reato era andato prescritto), un tribunale italiano lo ha condannato all’ergastolo, pena poi commutata in arresti domiciliari in ragione della sua età. Nei vari processi lui s’era difeso dicendo che alle Ardeatine non era altro se non un ufficiale che eseguiva ordini, e l’ordine della «rappresaglia» romana era venuto direttamente da Hitler. La passeggiata di cui alla foto fa parte dei suoi diritti, uscire per andare in farmacia, per fare la spesa, per una passeggiata quotidiana, per andare a messa. Per un tempo Priebke aveva avuto il permesso di andare a sbrigare delle faccende in casa di un avvocato romano suo amico, ma le proteste della Comunità ebraica romana fecero revocare quel permesso. E siccome la sorte del vivere (quella sorte maledetta che ha ucciso di un tumore, pochi giorni fa, una bella e giovane violinista italiana di 24 anni) gli fa compiere 100 anni in discreta salute il prossimo lunedì 29 luglio, l’ex capitano delle SS accoglierà in casa alcuni amici per un brindisi. 

Protezione costosa
Sia detto tra parentesi, la protezione di cui abbisogna Priebke sia quando sta in casa sia quando esce costa ai contribuenti italiani qualcosa come un milione di euro l’anno. Ne vale la pena pur di tenere ai domiciliari un colpevole-simbolo, uno che s’è reso corresponsabile di una delle centinaia e centinaia di «rappresaglie» attuate durante la Seconda guerra mondiale, talune e spaventose fatte dai soldati italiani che scorrazzavano in terra slava? Siamo o no nel regno del grottesco e dell’insensatezza, quando restano fra le sbarre non ricordo più se quattro o cinque dei milioni di uomini che hanno sparato a donne e bambini, ucciso prigionieri che si erano arresi, torturato durante quella Seconda guerra mondiale costata 50 milioni di morti? Ciascuno di voi scelga la sua risposta. La mia è semplice. Restituire Priebke alla sua terra natale, porre un termine al grottesco della sua detenzione né carne né pesce. Perché non può non essere né carne né pesce il tenere in detenzione un uomo di cento anni. A quanti mi stanno già guardando in cagnesco, e temono che io stia bestemmiando i morti delle Ardeatine (non c’è targa romana di quei morti innanzi alle quale io ogni volta non mi fermo e leggo), voglio ricordare che il partigiano comunista italiano detto «Giacca» che guidò il massacro di partigiani liberali fra cui il fratello di Pier Paolo Pasolini e lo zio di Francesco De Gregori, a un certo punto ebbe la grazia e si godé gli ultimi anni della sua vita in Jugoslavia. 

L’accanimento
Credo di conoscere come pochi i fatti e i dettagli della razzìa degli ebrei romani il 16 ottobre 1943, una razzìa che si concluse con la deportazione ad Auschwitz di 1020 di loro e ne tornarono vivi 17. E con tutto questo non capisco l’accanimento della Comunità ebraica romana contro un uomo di cento anni, e come se il nazismo lo avesse inventato lui. 

Coprotagonista
Alla «Judenaktion» del 16 ottobre 1943 parteciparono oltre 300 SS, alcuni militi fascisti li coadiuvarono, non un uomo politico della Repubblica di Salò alzò la voce contro quel crimine, in molti aiutarono gli ebrei a fuggire ma qualcuno li denunciò. Vi ricordate di qualcuno di loro che abbia pagato quel crimine? Stenterete a trovare un paio di nomi. È la tragedia della guerra, sono gli orrori specifici alla Seconda guerra mondiale. Priebke è un coprotagonista troppo piccolo e troppo vecchio per portare sulle spalle il peso simbolico di un tempo tra i più orridi del Novecento. Davvero troppo piccolo e troppo vecchio. A insistere così tanto nel fargli scontare la pena per fatti di 70 e passa anni fa, siamo nel regno del grottesco e non in quello della giustizia umana.

di Giampiero Mughini

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • locatelli

    05 Ottobre 2013 - 14:02

    auguri. noi che teniamo un centenne agli arresti .noi ebrei siamo peggio di priebke

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    05 Ottobre 2013 - 14:02

    tenere prigioniero un centenne vergogna nazionale

    Report

    Rispondi

  • ryckard56

    05 Ottobre 2013 - 08:08

    ai signori comunisti,signori si fa per dire, che nel lontano 1943/44 la stragrande maggioranza di coloro che diventarono partigiani venivano dalle camicie nere,e come sempre succede in italia un secondo dopo la caduta del fascismo cambiarono casacca,per quelli di corta memoria voglio ricordare le stragi nel triangolo rosso,avvenute a guerra finita,dove morirono persone che la cui unica colpa era di non essere comunista,se poi vogliamo ricordiamoci delle stragi dei partigiani titini con la complicità di togliatti e dei partigiani comunisti nelle foibe friulane.ricordiamoci anche che i comunisti a detto di non essere mai stati comunisti un secondo dopo che era crollato il muro di berlino!chissa come mai il cervello dei comunisti è lobotomizzato?oppure si deve nascere già lobotomizzati per essere comunisti

    Report

    Rispondi

  • AcualPain

    29 Luglio 2013 - 11:11

    regna sovrano anche nel suo articolo, credo. Cosa c'entra il partigiano comunista? Facciamo uno di qua e uno di là? Davvero non abbiamo più bisogno della solita retorica "alla Pansa"...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog