Cerca

In Parlamento

Senato, sì a emendamento M5S che cancella il reato di immigrazione clandestina

Senato, sì a emendamento M5S che cancella il reato di immigrazione clandestina

Dopo la tragedia di Lampedusa e la campagna d'opinione orchestrata dalla sinistra, Laura Boldrini e Cécile Kyenge in prima linea, inizia lo smantellamento della legge Bossi-Fini. La Commissione Giustizia del Senato ha infatti approvato un emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle, a firma di Maurizio Buccarella e Andrea Cioffi, che abolisce il reato di immigrazione clandestina. I grillini precisano che rimangono in piedi tutti i procedimenti per l'espulsione e tutte le altre fattispecie di reato collegati compresi dalla Bossi-Fini stessa.

Le ragioni - La commissione, dunque, si esprime a favore dell'eliminazione del reato di immigrazione clandestina. L'annuncio è stato dato dal sottosegretario Ferri: "La sanzione penale appare sproporzionata e ingiustificata, e la sanzione penale pecuniaria è di fatto ineseguibile considerato che i migranti sono privi di qualsiasi bene. Oltretutto - prosegue Ferri - il numero delle persone che potrebbero essere potenzialmente incriminate sarebbe tale da intasare completamente la macchina della giustizia penale, soprattutto nei luoghi di sbarco".

Lega sulle barricate - Contraria all'abolizione del reato di immigrazione clandestina la Lega Nord. Il capogruppo del Carroccio, Erika Stefani, ha spiegato: "Ci siamo fermamente opposti a queste modifiche proposte dal Movimento 5 Stelle e passato con il parere favorevole del governo e i voti Pd e Pdl. A questo punto - ha aggiunto - il ministro dell'Interno Alfano chiarisca la sua posizione visto che il governo sembra andare nella direzione opposta rispetto alle sue dichiarazioni. Questo irresponsabile buonismo alimenterà ancora il disastro umanitario al quale stiamo assistendo perché gli immigrati arrivano sulle nostre coste attratti da false speranze. Scelte politiche simili - ha concluso la Stefani - sono un vero e proprio richiamo per gli ingressi clandestini che, come Lampedusa insegna, possono trasformarsi in tragedia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    10 Ottobre 2013 - 19:07

    I tuoi picchiatori fascisto-comunisti fanno ben di peggio. Ma questo eviti di scriverlo, eh? Come mai, o mente rovinata da una falciata col martello?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    10 Ottobre 2013 - 19:07

    sottotitolo: Leghista piromane accusava gli extracomunitari. Stefano Chelazzi, stimato professionista, si era anche candidato alle elezioni nel 2007, arrestato; recidivo: aveva già patteggiato una condanna presa mesi addietro per lo stesso reato (sette episodi)

    Report

    Rispondi

  • routier

    10 Ottobre 2013 - 17:05

    Strategia perfetta per.....perdere le elezioni!

    Report

    Rispondi

  • tuttialavorare

    10 Ottobre 2013 - 12:12

    Gli idioti che non sanno leggere,perché prevenuti verso il M5S,ne capire un semplice emendamento. L'emendamento dice:non mettiamo in galera(nelle nostre galere)i clandestini perché cosi li teniamo comunque sul groppone della spesa pubblica,bensì,rispediamoli immediatamente al mittente e se hanno commesso reati in Italia,che scontino la pena nelle carceri dei loro Paesi di appartenenza. Cari caproni disinformati,questo e il modo per eliminare gli esuberi carcerari che affliggono le patrie galere, non prendendo 500 congolesi e sbatterli in gattabuia a mangiare,essere curati,essere vestiti,dargli energia elettrica,dargli acqua corrente, la tv satellitare(e si, in alcuni carceri vi è pure quella)e magari pure un contributo economico a spese del popolo Italiano.Ora,razza di ipocriti,vi e chiaro l'emendamento?No?Allora mettete mano al portafogli e sfamate orde di immigrati, senza per questo rompere il cazzo al prossimo.E poi, mi pare che l'emendamento e stato votato anche da pd+l e pd-l.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog