Cerca

Toga rossa

Gagliano, il giudice che ha concesso il permesso è di Magistratura Democratica

Daniela Verrina rivendica la sua scelta: "Meritava una chance, tutto lasciava presagire che non sarebbe successo nulla"

Gagliano, il giudice che ha concesso il permesso è di Magistratura Democratica

"Aveva bisogno di una chance". Il magistrato di sorveglianza che ha firmato il permesso premio per Bartolomeo Gagliano, il serial killer che ora è in fuga dopo non aver fatto ritorno nel carcere di Genova dove era detenuto, non vuole ammettere le sue responsabilità. Anzi, Daniela Verrina, rivendica la sua scelta: "Tutto ma proprio tutto - ha raccontato al Secolo XIX - lasciava pensare che non sarebbe accaduto nulla, che Gagliano fosse ormai completamente recuperato e non avrebbe più rappresentato un pericolo per nessuno". Insomma per la Verrina è tutto in regola. Uccidere cinque o sei volte non è certo un indicatore di pericolosità, secondo la Verrina. Il giudice comunque per formazione ideologica e culturale, come racconta il Giornale,  appartiene a Md, Magistratura democratica, la corrente di sinistra delle toghe italiane, ed evidentemente il curriculum "rosso" avrà di certo pesato sulla sua scelta di dare una "chance" a Gagliano.

Il killer libero, il poliziotto dentro -  A quanto le toghe di sorveglianza applicano due pesi e due misure. Infatti se Gagliano ora è libero di andarsene in giro a bordo di una panda verde semionando il panico in tutta Italia, Gilberto Caldarozzi uno dei superpoliziotti finiti nel mirino delle toghe per il g8 di Genova del 2001 è blindato in casa a Roma per scontare una pena residua di 8 mesi. Chiunque altro avrebbe ottenuto una misura alternativa, come l'affidamento ai servizi sociali. Caldarozzi invece no. Insomma a quanto pare la magistratura di sorveglianza ha qualche meccanismo che non funziona a dovere. Intanto mentre la Verrina si preoccupa di dare "nuove opportunità di riscatto" ad uno come Gagliano, un poliziotto è ai domiciliari. Chi uccide è fuori, chi ha fatto il suo lavoro invece è dentro...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sfeno

    05 Maggio 2014 - 15:03

    si e' maledetta da sola e la sua coscienza per tanti sforzi che possa fare la consumera'.

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    21 Dicembre 2013 - 08:08

    Perché meravigliarsi ed arrabbiarsi? Il direttore del carcere è stato immediatamente trasferito, la giudichessa non la si tocca e, forse, verrà col tempo promossa.....

    Report

    Rispondi

  • danianto1951

    21 Dicembre 2013 - 06:06

    stronza terrorista togata!

    Report

    Rispondi

  • LudovicoR

    20 Dicembre 2013 - 20:08

    Un criminale , in un modo o nell'altro dà sempre degli indizi su cosa è veramente. Lo stesso una persona onesta dà degli indizi che dicono che è onesto. Se un magistrato non sa riconoscere questi indizi, allora dovrebbe o imparare oppure lasciare il posto a chi lo sa. Perchè commetterà altri errori mettendo in galera persone innocenti e liberando criminali. Il fatto che dica che niente lasciava presagire che questo scappasse, dimostra quanto dilettantesca possa essere nel suo lavoro, e come tale, pericolosa per la società, in quanto il suo lavoro deve garantire la giustizia e l'equità. Inoltre questo succede perchè la gerarchia sopra di lei agisce nello stesso modo. E questo non è un'opinione. I fatti che vediamo ogni giorno in cui la giustizia è distorta e serve non il cittadino, ma l'autocompiacimento di qualcuno che sta vivendo fuori dalla realtà della vita. la quale realtà si può vedere soltanto aprendo gli occhi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog