Cerca

Do ut des

Gli islamici si prendono Alitalia
Letta gli regala un museo a Venezia

Il premier da Doha: il Qatar interessato a finanziare la nuova istituzione sul Canal Grande. La Lega: non lo permetteremo mai

Gli islamici si prendono Alitalia
Letta gli regala un museo a Venezia

Sa di resa "l’impegno di esplorare l’opportunità di costruire un museo islamico a Venezia nel Canal Grande", assunto nel corso della visita nel Qatar dal presidente del Consiglio Enrico Letta. Il capo del governo, durante una conferenza stampa a Doha trasmessa dalla televisione, premette che il Qatar potrebbe investire in questo progetto così come sta facendo con l’ospedale di Olbia. Purché si sobbarchino i conti di Alitalia, va bene tutto, anche l’egemonia culturale dei musulmani. 

Il compromesso trova un entusiasta sindaco Pd di Venezia, Giorgio Orsoni, dal quale arriva "un ringraziamento particolare al presidente del Consiglio Enrico Letta per il suo interesse verso la realizzazione di un museo islamico di grande respiro internazionale a Venezia, nel segno della storia di questa Città e della sua apertura verso il dialogo tra culture e religioni". Insomma, se navi da crociera e transatlantici non potranno più passare dalla Laguna, occorrerà trovare qualche altra fonte di guadagno. Così Orsoni si attribuisce il merito dell’iniziativa: "Il museo islamico, del quale ho parlato con il Presidente Letta nel corso di alcuni colloqui", ha aggiunto il sindaco, "si inserisce in quella politica che l’Amministrazione comunale persegue da sempre: portare le grandi istituzioni culturali di caratura internazionale a Venezia".

Non trova però d’accordo le altre istituzioni, a partire dalla Regione. "Sorprende che il presidente del Consiglio, Enrico Letta di fronte alle enormi emergenze del Paese abbia soldi da buttare per fare un Museo Islamico a Venezia", lo critica il  presidente del Veneto, Luca Zaia. Il governatore, alle prese con l’evoluzione del maltempo, si era convinto "che le priorità fossero altre", ma "la dichiarazione del premier sulla necessità di un museo islamico mi sembra il segno di un paese ormai allo sbando di fronte a   emergenze epocali". Zaia rinvia al mittente le possibili accuse di   chiusura sul fronte immigrazione: "In Veneto non siamo chiusi al dialogo. Infatti, siamo la prima regione per livello di  integrazione, ma ci sono priorità che un governo dovrebbe avere invece che perdere tempo realizzando un museo islamico. Non vorrei che  con la scusa della bandiera del dialogo si cogliesse un’ulteriore occasione di spreco di risorse".

Orsoni, che evidentemente si trova a suo agio con i petrodollari, ribatte svelando i colloqui in corso con un comitato di privati in contatto con istituzioni arabe, che ha visitato Venezia alcuni mesi fa e spera nella prosecuzione dei contatti. Chiusura totale, invece, per la "cultura leghista retrograda, che non ha nulla a che fare con la nostra città, che da sempre è un luogo aperto al dialogo e crocevia di culture. Bene quindi che possa sorgere un museo   islamico come ce ne sono in tante città europee, ad esempio a Parigi. Se vogliamo che Venezia continui a essere crocevia di culture nel mondo, dobbiamo essere aperti", ha concluso.

Quel che lo attende, in realtà, è una dura opposizione, anticipata dall’europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, vice segretaria veneta della Lega Nord, che annuncia: "Non permetteremo mai di costruire un museo islamico a Venezia: siamo pronti alle barricate per fermare un simile progetto". È una nuova linea del Piave, che adatta il mormorio al nuovo invasore. Ora non passa il beduino. E Massimo Bitonci, capogruppo della Lega Nord al Senato, se ne fa portavoce: "Da veneto mando al premier un   messaggio chiaro: non vogliamo alcun museo islamico a Venezia. Letta  farebbe meglio a concentrarsi sulla crisi economica invece di pensare a come favore e diffondere l’islam. Francamente in questo momento il Veneto ha bisogno di altro". Glielo ricorda, nel caso in cui le trasferte sul Golfo gli abbiano fatto perdere la memoria dei drammi locali: "Se poi pensa di distrarre qualcuno dai fallimenti del suo governo, ultimo in ordine di tempo la vicenda Electrolux, si sbaglia di grosso", conclude Bitonci, accusando l’esecutivo di essere "degno proseguimento di Monti", perché "ha messo il  Nord sul lastrico. Per quanto ci riguarda, se davvero ci sono forze e risorse per promuovere musei, allora pensiamo a un progetto per diffondere la cultura e la tradizione veneta". Non ci sarà petrolio, sotto la Laguna. Ma c’è un giacimento ben più importante e inesauribile.

di Andrea Morigi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    04 Febbraio 2014 - 21:09

    Presentandosi ai vari magnati islamici esordisce così: Vu cumprà? La vendita a pezzi dell'Italia continua, servono soldi per sanare il pauroso buco di bilancio causato dai mal governi che si sono succeduti fino ad oggi, nessuno escluso. Noi intanto ci impoveriamo sempre di più.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    04 Febbraio 2014 - 15:03

    avremo le hostess dell'Alitalia con il velo.

    Report

    Rispondi

blog