Cerca

Maturità: ecco la versione di Platone

Questa è la seconda prova che hanno affrontato i ragazzi del liceo classico

Maturità: ecco la versione di Platone
Ecco il testo del liceo classico -γ γάρ, νδρες θηναοι, λλην μν ρχν οδεμίαν [32β] πώποτε ρξα ν τ πόλει, βούλευσα δέ: κα τυχεν μν φυλ ντιοχς πρυτανεύουσα τε μες τος δέκα στρατηγος τος οκ νελομένους τος κ τς ναυμαχίας βουλεύσασθε θρόους κρίνειν, παρανόμως, ς ν τ στέρ χρόν πσιν μν δοξεν. τότ γ μόνος τν πρυτάνεων ναντιώθην μν μηδν ποιεν παρ τος νόμους κα ναντία ψηφισάμην: κα τοίμων ντων νδεικνύναι με κα πάγειν τν ητόρων, κα μν κελευόντων κα βοώντων, μετ το [32ξ] νόμου κα το δικαίου μην μλλόν με δεν διακινδυνεύειν μεθ μν γενέσθαι μ δίκαια βουλευομένων, φοβηθέντα δεσμν θάνατον. κα τατα μν ν τι δημοκρατουμένης τς πόλεως: πειδ δ λιγαρχία γένετο, ο τριάκοντα α μεταπεμψάμενοί με πέμπτον ατν ες τν θόλον προσέταξαν γαγεν κ Σαλαμνος Λέοντα τν Σαλαμίνιον να ποθάνοι, οα δ κα λλοις κενοι πολλος πολλ προσέταττον, βουλόμενοι ς πλείστους ναπλσαι ατιν. τότε μέντοι γ [32δ] ο λόγ λλ ργ α νεδειξάμην τι μο θανάτου μν μέλει, ε μ γροικότερον ν επεν, οδ τιον, το δ μηδν δικον μηδ νόσιον ργάζεσθαι, τούτου δ τ πν μέλει. μ γρ κείνη ρχ οκ ξέπληξεν, οτως σχυρ οσα, στε δικόν τι ργάσασθαι, λλ πειδ κ τς θόλου ξήλθομεν, ο μν τέτταρες χοντο ες Σαλαμνα κα γαγον Λέοντα, γ δ χόμην πιν οκαδε

La traduzione - Infatti, cittadini ateniesi, io [32b] non ho mai esercitato nessuna carica in città se non come membro della Bulé; e capitò che la mia tribù Antiochide avesse la pritania quando decideste di giudicare tutti insieme, illegittimamente (paranomos), come sembrò in un secondo momento a tutti voi, i dieci strateghi che non avevano raccolto [i naufraghi] della battaglia navale. Ma in quel momento io solo fra i pritani mi opposi a voi, per non fare niente contro la legge, e votai contro. E mentre c'erano oratori pronti a denunciarmi e a trascinarmi in giudizio e voi gridavate e li incitavate, [32c] io pensavo che era per me doveroso rischiare il tutto per tutto con la legge e la giustizia, piuttosto che stare con voi deliberando cose ingiuste, per paura della prigione o della morte. E questo fu quando la città aveva ancora una costituzione democratica. Ma quando si affermò l'oligarchia, i trenta mi rifecero chiamare al Tholo con altri quattro, e mi ingiunsero di portar via da Salamina Leonte di Salamina per metterlo a morte. Essi davano molti ordini del genere a numerosi altri, perché volevano contaminare con le loro colpe più persone possibili. E anche allora, [32d] tuttavia, provai non a parole ma con i fatti che della morte non m'importa - se non è detto troppo rusticamente - proprio nulla, mentre non agire in modo ingiusto ed empio mi sta del tutto a cuore. Perciò quel governo, pur essendo così potente, non mi turbò tanto da indurmi a fare qualcosa di ingiusto, e, uscito dal Tholo, mentre gli altri quattro erano andati a Salamina a prendere Leonte, io mi ero allontanato e me ne ero andato a casa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog