Cerca

Il cervello del maschio non è programmato per tradire "

Lo studio: "sguardi lunghi" per spirito d'osservazione, non per conquista

Il cervello del maschio non è programmato per tradire "
Chissà se sarà usata come giustificazione da parte dei maschi scoperti dalla partner a "lanciare l'occhiatina" verso nuovi lidi, ma sembrerebbe che anche la scienza arrivi in loro soccorso.
Un nuovo studio rivela infatti che il maschio ha sì lo “sguardo lungo”, ma non è programmato per tradire. A causa del risultato di un mix ormonale e dell'influenza della cultura sulla crescita, la sua natura è quella di “osservatore” di belle donne, ma non per questo di traditore perché non tutti sono come Tiger Woods.
La rassicurazione emerge dal libro “Il cervello dell'uomo” (The Male Brain), della psichiatra Louann Brizendine che dirige la Women's Mood and Hormone Clinic a San Francisco e insegna all'Università della California a San Francisco, resa tra l’altro famosa dal suo libro precedente, “Il cervello della donna”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Argonauta

    13 Aprile 2010 - 12:12

    Grazie! qualcosa di serio in un mare di fesserie, ma vi era bisogno di ricordare ce appartegnamo al regno animale. Forse l'unione fra due soggetti nasce si per le pulsioni biologiche ma in seguito arrivano anche altri interessi per cui diventa la più antica delle società di fatto. Il tradimento sta nelle premesse di questa società non certo nella reltà biologica.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    12 Aprile 2010 - 22:10

    Non occorre scomodare psicologi per capire che le occhiate dei maschi umani alle femmine sono di origine.......biologica. E' proprio per questioni di conservazione della specie che i maschi lanciano occhiate alle femmine calcolandone, inconsapevolmente ed istantaneamente, le caratteristcihe biologiche più idonee per la la perpetuazione del genere umano. Quello che gli umani chiamano "tradimento" è invece l'esigenza biologica di diversificare il più possibile il corredo genetico. L'evoluzione sociale ha poi creato sovrastrutture etiche e morali, quali la monogamia, l'amore e tutto quel patrimonio di convenzioni che tuttavia non riescono ad eliminare definitivamente (e per fortuna!) l'aspetto puramente biologico dell'occhiata maschile alla femmina.

    Report

    Rispondi

  • GPdogg

    09 Aprile 2010 - 16:04

    Sa il nome di tal casta donzella ? "CASTA"

    Report

    Rispondi

blog