Cerca

Spending Rewiew

Spending Rewiew

Cento miliardi subito, trecento nel medio periodo: sono queste le basi da cui il ministro Giarda partirà per realizzare la spending review necessaria per impedire l'aumento delle aliquote Iva

Spending Rewiew

 

La metafora è quella del buon padre di famiglia. Il ministro Piero Giarda si appresta a sforbiciare la spesa pubblica e si affretta a chiarire che non si taglieranno i servizi ai cittadini, bensì a ridurre gli sprechi. Sprechi che nel breve periodo saranno ridotti di 100 miliardi la spesa pubblica "potenzialmente aggredibile nel breve periodo», mentre è di 300 miliardi quella che richiede un intervento al lungo periodo. Da qui devono saltar fuori risparmi di 4,2 miliardi per evitare l'aumento dell'Iva dal primo ottobre. Intervistato da Radio Vaticana, Giarda ha spiegato che si sta puntando la lente su tre tipi di spese: sprechi, inefficienze, ma anche su «interventi che facevamo prima e che oggi sono più costosi e comportano oneri che non possiamo più affrontare". 

Cifre notevoli visto che la spesa pubblica totale sfiora gli 800 miliardi, compresi i circa 70 per gli interessi. In settimana arriverà al Comitato interministeriale la prima relazione del commissario Enrico Bondi, che si incentrerà sulla spesa per acquisti di beni e servizi, non solo dei Ministeri, ma anche di Regioni (con la Sanità che è il grosso del budget), Enti pubblici e Comuni. L'idea di fondo è che tutti i centri di spesa acquistarino beni e servizi (compresa l'elettricità) al minor prezzo disponibile. In questo la Consip, la centrale unica di acquisti, avrebbe un ruolo fondamentale. Una Tac o una garza dovranno costare la stessa cifra sia in Calabria che in Lombardia, e una cartuccia per stampante dovrà essere pagata al miglior prezzo sia da un Ministero che dall'Inps. 

L'area di intervento, ha detto Giarda, è ampia: "Tutto il settore pubblico, dallo Stato fino all'ultimo dei comuni. Tutto il Paese non si è ancora adattato alle nuove condizioni". Nè "ci sono posti o sezioni dove si annidano sprechi maggiori, è tutto il comparto che va rivisto e analizzato". "Alcuni aggiustamenti si possono fare nel breve periodo", ha detto ancora il ministro, e "la massa di spesa" che oggi è «potenzialmente aggredibile nel breve periodo ammonta a circa un centinaio di miliardi, divisa tra Stato, Enti previdenziali, Regioni ed Enti locali". Poi "se si guarda un po' più lontano la spesa su cui si può intervenire è di importi notevolmente più ampi, pari a circa 300 miliardi di euro". 

Entrando nel merito, secondo Giarda, i comuni e le provincie di minori dimensioni potrebbero essere accorpate per risparmiare. Tagli in vista anche per i giudici di pace che passeranno da 848 a 174, Spese per gli affitti, sistemi informatici, razionalizzazione: saranno queste le leve di risparmio nel settore istruzione. Per quanto riguarda i trasporti sarà riorganizzato il sistema che ruota intorno al ministero, dalla Motorizzazione alle autorità portuali. Il comparto sicurezza vedrà messa sotto la lente la spesa di Vigili del Fuoco e polizia che assorbe l'80% di quella del ministero dell'Interno.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rovera

    30 Maggio 2012 - 17:05

    PAROLE, PAROLE, PAROLE.....

    Report

    Rispondi

  • arch

    30 Maggio 2012 - 12:12

    ma a noi temo che rimarranno le spine.

    Report

    Rispondi

  • pasquino del3mi

    30 Maggio 2012 - 11:11

    Cominciamo a togliere tutti i parlamentari, ne bastano due per regione.Togliamo i consigleri, la maggioranza si fa con tre.non con centinaia di persone.Leviamo le macchine blu, a questo punto ne bastano poche.Leviamo le scortele persone oneste non ne hanno bisogno.con i soldi che prendono questi capi di casa! possono pagarsi il taxi.Mettiamo delle persone che lavorano sul serio ne vari settori,medico,turistico,economia,lavoro.Mandiamo a casa tutti quelli sponsorizzati dai partiti.Questa ITALIA funzionerebbe!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • encol1

    30 Maggio 2012 - 09:09

    Ha ragione "ariete84" LA SANITA' E’ MARCIA Lo è in tutto il paese e lo sarà fino a quando saranno dei politici a gestirne le sorti. Raccomandati e corruzione sono la regola di ogni giorno. Al pronto soccorso chi trovi? spesso i figli di.... Risultato: autentici somari che in molti casi vengono vergognosamente coperti dal termine MALASANITA' . Quelli bravi ma senza raccomandazione ? SE NE VANNO ALL’ESTERO - Nessuno bada al merito di fronte al raccomandato. Come è possibile che la Sanità Pubblica assuma elementi con alle spalle anni di fuoricorso, punteggio di laurea appena sufficiente, spesso di dubbia provenienza e nessuna specializzazione? Eppure è così e succede in ogni presidio sanitario.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog