Cerca

La politica estera secondo il comico

Delirio di Grillo sul Medio Oriente
Bin Laden tradotto male, Iran come gli Usa

Da Ahmadinejad alla lobby ebraica, Beppe attacca Israele e scoppia la polemica

Intervistato da Yediot Ahronot Grillo straparla sull'attualità internazionale e italiana
Il matrimonio di Beppe Grillo e l'iraniana Parvin Tadjk

“I massacri in Siria? Non sappiamo se sia una vera guerra civile o di infiltrati nel Paese” . L’Iran di Ahmadinejad? “Anche gli Stati Uniti hanno la pena di morte”. I diritti delle donne: “Mia moglie è iraniana. La donna in Iran è al centro della famiglia. Le nostre paure nascono da cose che non conosciamo”. Delira Beppe Grillo in una intervista al più diffuso quotidiano israeliano, Yedioth Ahronot, in cui risponde a domande di politica estera e Medio Oriente.

Bin Laden - Come riporta il Corriere della Sera, il comico, incalzato dalle domande del giornalista, molto severo con lui per alcuni post sul suo blog anti-israeliani, giustifica la politica iraniana e pure Bin Laden. In Iran “l'economia va bene, le persone lavorano. È come il Sudamerica: prima si stava molto peggio. Ho un cugino che costruisce autostrade in Iran. E mi dice che non sono per nulla preoccupati”.  Ahmadinejad vuole cancellare Israele dalle mappe? “Cambierà idea. Non penso lo voglia davvero: lo dice e basta. Del resto, anche quando uscivano i discorsi di Bin Laden, mio suocero iraniano m'ha spiegato che le traduzioni non erano esatte...”. 

Lobby ebraica - Addirittura, secondo Grillo c’è una lobby ebraica che controlla il sapere: “Tutto quel che in Europa sappiamo su Israele e Palestina, è filtrato da un'agenzia internazionale che si chiama Memri. E dietro Memri c'è un ex agente del Mossad. Ho le prove: Ken Livingstone, l'ex sindaco di Londra, ha usato testi arabi con traduzioni indipendenti. Scoprendo una realtà mistificata, completamente diversa”. 

Mai premier - Ma il delirio non finisce in Medio Oriente, perché il comico parla anche dell’Italia “siamo sotto occupazione dell'America, colpevole di parte della crisi economica europea” e del Movimento 5 stelle: “La verità è che non abbiamo esperienza di governo. Entrare in Parlamento sarà un'altra faccenda. Anch'io non capisco del tutto il movimento. Forse, che cos'è, lo capiremo tra 15 anni “. Grillo premier? “Non ne ho la statura”. 

L’articolo si conclude con il giudizio dell’intervistatore: “Grillo è un buon attore che sa che cosa vuole il suo pubblico. Ma non sa dire che cosa vuole”.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • honhil

    26 Giugno 2012 - 09:09

    Una volta i vari Napolitano e Diliberto ci parlavano del loro paradiso russo o cubano. Ora Grillofelix ci parla del paradiso iraniano. Con una piccola differenza. Ad aprire gli occhi a Napolitano & Co era stata mamma Russia, mentre a prendere Grillo sulle ginocchia, per spiegargli come davvero vanno le cose al mondo, è il suocero. Gli italiani sono avvisati.

    Report

    Rispondi

  • Bacillo48

    26 Giugno 2012 - 01:01

    Esatti USA come IRAN per quanto riguarda la pena di morte.. o non è vero?

    Report

    Rispondi

  • Bacillo48

    26 Giugno 2012 - 01:01

    Grande Grillo, come al solito dice cose vere che tutti sanno, ma non hanno il coraggio di esporre.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    25 Giugno 2012 - 20:08

    meglio e.t. che un cazzone come lei,dopodichè, se fossimo suoi adepti non avremmo le palle per mandarlo a fanculo e cioè quello che non può fare lei con i suoi padroni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog