Cerca

Le reazioni

Il Csm sta con Napolitano: "Attacchi tanto infondati quanto strumentali"

Il Comitato di presidenza del Consiglio superiore della magistratura: telefonate ancora sottoposte a segreto di indagine attinenti alle prerogative istituzionali del presidente

Il Csm sta con Napolitano: "Attacchi tanto infondati quanto strumentali"

"Piena solidarietà al presidente della Repubblica, oggetto da tempo di attacchi tanto infondati quanto strumentali". Con queste parole il Comitato di presidenza del Consiglio Superiore della Magistratura ha commentato la pubblicazione da parte di Panorama di alcune indiscrezioni sull'intercettazione della telefonata tra Giorgio Napolitano e l'ex ministro Nicola Mancino, indagato dalla procura di Palermo nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta trattativa stato-mafia del 1992-93. “Nel dare atto al proprio Presidente della assoluta correttezza dei suoi comportamenti in tutta la vicenda - sottolineano in una nota il vicepresidente del Csm Michele Vietti, il primo presidente della Cassazione Ernesto Lupo e il procuratore generale della Cassazione Gianfranco Ciani - oggetto, ancora di recente, di pretese rivelazioni giornalistiche, il Comitato di Presidenza ricorda in particolare che le conversazioni intercettate non sono nella disponibilità del Capo dello Stato sia perché ancora sottoposte a segreto di indagine che certo non si potrebbe istigare a violare, sia perché oggetto del conflitto di attribuzioni sollevato dinnanzi alla Corte Costituzionale che ne deve decidere liberamente il destino, sia perché la loro riservatezza attiene direttamente alle prerogative istituzionali e non  personali del Presidente della Repubblica". "Pertanto - conclude la nota del Csm - ogni appello a divulgare o a consentire la divulgazione delle intercettazioni sarebbe allo stato irricevibile”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    30 Agosto 2012 - 16:04

    mai visto che il capo non venga difeso? direi ai signori del csm , che si fottano , incomincino a guardare nelle loro tasche e poi dicano se meritano i soldi che prendono a fine mese . solo in italia abbiamo una marea di mantenuti magistrati che fanno un cavolo , e non diano colpa agli avvocati se esiste un arretrato che nemmeno in togo esiste . indipendentemente che si tratti di napolitano , ma la stessa regola deve valere pe tutti , non solo per i vostri amici . mi auguro , si fa per dire , che la terra sprofondi e vi inghiotti tutti in massa .

    Report

    Rispondi

  • marco1927

    30 Agosto 2012 - 16:04

    e allora? se fosse anche questa analisi giusta la cosa non cambia mica per noi cittadini! Napolitano prima di ogni altra carica è un semplice cittadino e come tale avrebbe potuto o meglio dovrebbe avvalersi del diritto di difesa più logico: far trascrivere le telefonate e renderle pubbliche al fine di far conoscere la verità. Inoltre lui stesso non facendo quanto sopra alimenta il circuito mediatico in un momento oltremodo di scarsa popolarità e danneggia la sua immagine, sempre che ne abbia ancora una da difendere dopo le cazzate fatte nell'ultimo anno del suo mandato, Monti in primis.

    Report

    Rispondi

blog