Cerca

Di Filippo Facci

Quando Grillo e Di Pietro
votavano per Berlusconi

10
Beppe Grillo e Antonio Di Pietro

Beppe Grillo e Antonio Di Pietro

 

di Filippo Facci

Aspettando di capire se Ingroia sia davvero di sinistra (radicale, come si dice oggi) va ricordato che Di Pietro e Grillo nel 1994 votarono per Berlusconi. Tonino lo scrisse sulla Stampa l’8 ottobre 1995 (la notizia fu ripresa dal Tg2) e Repubblica lo confermò il 3 gennaio 1996. Alle regionali dell’aprile 1995, invece, Di Pietro votò il Centro Cristiano Democratico di Casini e Mastella: questo almeno dedusse il Corriere della Sera nel conteggiare le due sole preferenze che suo cognato, quel Gabriele Cimadoro ora inquisito, raccolse nel seggio di Curno dove votarono Tonino e sua moglie. E Grillo? Lui disse nel dicembre 1993: «Sono da mandare via, da mandare via questa gente qua, da votare gli imprenditori, ecco perché sono contento che è venuto fuori Berlusconi: lo voglio andare a votare». Nella primavera successiva aggiunse questo: «Candidarmi sarebbe un gioco da ragazzi, prenderei il triplo del Berlusca», disse a Curzio Maltese su Repubblica. «Mi presento in tv e dico: datemi il vostro voto che ci divertiamo, sistemo due o tre cose. Un plebiscito». Già covava. 

Ps: si consiglia vivamente, alle femministe indignate per la battutona sul «punto g», l’intervista che Grillo rilasciò al più diffuso quotidiano israeliano, Yedioth Ahronot, il 25 giugno scorso: laddove giustificava il ruolo della donna in Iran (sua moglie è iraniana) e spiegava che il problema dei discorsi di Bin Laden era che erano tradotti male.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    09 Novembre 2012 - 17:05

    Il presente é troppo brutto . Si dimentica di scrivere che Di Pietro fu convocato ad Arcore e che ne usci'0 anti-berlusconiano, rifiutando il Ministero della Giustizia. Perché? La voce corrente , vista la presenza di Previti, é che avrebbe dovuto addomesticare i processi, uso diffuso dal PDL e da Previti.

    Report

    Rispondi

  • KARLOS-VE

    08 Novembre 2012 - 00:12

    Quale sarebbe il sottointeso del fatto che anche GRillo e Di Pietro possano avere votato una volta Berlusconi salvo poi pen tirsenene e fargli la guerra?

    Report

    Rispondi

  • bepper

    07 Novembre 2012 - 19:07

    Infatti il 25% degli elettori del M5S proviene dal PDL. Silvio è come la Fiat, non sa mantenersi la clientela che, se si trova male, cambia marca.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media