Cerca

Due piccioni con una fava

Berlusconi ha un piano segreto per silurare Monti e primarie

Intesa tra il Cavaliere e Alfano: "Election day o molliamo il governo". No alla tassa Bersani da 100 milioni
Berlusconi ha un piano segreto per silurare Monti e primarie

di Brunella Bolloli 


Il governo stavolta rischia. Silvio Berlusconi è tornato dal soggiorno di Malindi più carico di prima e ha ricevuto i suoi a Palazzo Grazioli. Due notizie sul tavolo. La prima: «Basta con il governo Monti. Non ci sto più». La seconda: rifondazione del Pdl anche senza passare dalle tanto contestate primarie. E poi una sorpresa: è tutto pronto per il suo grande ritorno in tv. Andiamo con ordine. O si anticipano le politiche, o si posticipano le regionali, ma ci vuole l’election day, è il succo. Altrimenti il Pdl è pronto a staccare la spina e a mollare il governo dei tecnici al proprio destino, altro che Monti bis. L’idea di chiudere con questo esecutivo, dunque, non è più solo appannaggio degli ex An, pronti alla mossa subito dopo il varo della legge di stabilità, ma perfino di  Udc e Fli, cioè Casini e Fini. Il Cavaliere è d’accordo, cerca la sponda della Lega e ieri si è fatto sentire duramente contro il Pd di Bersani anche il segretario Angelino Alfano. Il quale ha mal digerito la decisione del Viminale di fissare al 10 e 11 febbraio la data delle regionali nel Lazio, in Lombardia e in Molise, anticipandole di circa 50 giorni rispetto alle politiche. Bisogna accorpare, anche per evitare di sperperare denari pubblici. «Non è che ci vuole il direttore del Fondo monetario per trovare questo risparmio», ha detto ironico l’ex Guardasigilli. Il governo deve rimediare a un «errore grossolano e madornale». Se Monti non interverrà entro venerdì, è l’avvertimento, il Pdl valuterà il da farsi «nel corso di sabato e domenica». Contro quella che viene definita «la tassa Bersani», valutata in circa 100 milioni di euro, si schierano anche Maurizio Gasparri e Mariastella Gelmini, che parlano di mossa «semplicemente folle che va nella direzione di favorire Grillo e l’astensionismo». Bersani ha replicato che si tratta di «banalità» e ha invitato Alfano «a non fare il mestiere del Presidente della Repubblica, perché ne abbiamo un altro che fa benissimo il suo mestiere». Il duello tra i due segretari passa quindi per il sostegno al governo Monti con il Pd a sostenere l’esecutivo fino a scadenza naturale. D’altra parte l’esponente pidiellino rintuzza sulle tasse e annuncia: «Se vinciamo noi niente aumento dell’Iva». 

Il Popolo della Libertà si è quindi dato appuntamento a domani, giorno del Consiglio dei ministri, prima di prendere qualunque decisione. Il Cavaliere, raccontano i fedelissimi, che l’hanno incontrato ieri (tra cui Daniela Santanchè) vuole aspettare anche l’esito delle primarie del Pd prima di sciogliere definitivamente i nodi sul futuro del centrodestra. Il Pdl, infatti, non più tardi di una settimana fa, ha annunciato le proprie primarie per decidere il candidato premier. Berlusconi, dopo vari tentennamenti, aveva dato il placet richiesto da Alfano. Ma lo scenario che si potrebbe prefigurare, in caso di elezioni anticipate e fine di questa esperienza di governo, fa presupporre che non vi siano più i tempi tecnici per tale competizione. 

Firme e documenti - Il regolamento, dopo varie discussioni, è stato completato. Ci vogliono 10mila firme per correre, da raccogliere in dieci giorni, un massimo di 2000 firme per regione. Una clausola che alcuni degli sfidanti reputano proibitiva e fatta apposta per favorire i big. I votanti non possono essere finti: devono indicare la mail e il telefono, anche se non è richiesto un documento d’identità. Oltre ad Alfano, che parte in vantaggio, e alla Satanché, gli altri candidati sono: Giancarlo Galan, Guido Crosetto, Alessandro Cattaneo, Michaela Biancofiore, il banchiere Giampiero Samorì e new entry il consigliere comunale di Vigevano, Andrea Di Pietro, quello che su Twitter aveva lanciato una battuta di fuoco su Nichi Vendola definendolo «viscido come la vaselina che usa», oltre ad Alfonso Marra. Altri sono incerti, in fin dei conti c’è tempo fino al 19 novembre per farsi avanti. Ma, a questo punto, cambiando gli scenari parlamentari è probabile che la competizione in programma sul modello americano salti. Oppure, opzione allo studio, si trasformi in altra cosa,  comprimendo sensibilmente i tempi per consentire la campagna elettorale per le Politiche. Le primarie azzurre, infatti, sono previste dal 16 dicembre agli inizi di febbraio, con convention finale, ma se incombono le urne, è normale che si debba anticipare tutto. Si vedrà.  

I transfughi - Altra grana di via dell’Umiltà quella dei transfughi. Il gruppetto di almeno dieci parlamentari pidiellini in fuga per altri lidi, forse attratti da Casini e dal suo listone per l’Italia, ma intanto propensi a sbarcare nel Gruppo Misto. A guidare la fronda ci sarebbero Isabella Bertolini e Giorgio Stracquadanio (che già aveva fatto sapere di volere fare altro nella vita), cui si sarebbero aggiunti Roberto Tortoli, Gaetano Pecorella, Maria Teresa Armosino e altri da aggiungere ai «montezemoliani» per formare un gruppo nuovo. Tra loro era stato infilato pure Giuseppe Cossiga, il quale però ha smentito dicendo che rimane nel Pdl e appoggia Crosetto alle primarie. Ma gli altri? Tensioni nel partito, con le solite correnti e i forti malumori tra ex An ed ex Fi. Forse anche per questo Silvio è tentato dallo strappo, per ora frenato dal gran mediatore Gianni Letta.     

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TheUndertaker

    19 Novembre 2012 - 17:05

    Mi trovo in un notevole imbarazzo. Tu o Voi? Per ora continuerò col Lei e, per aiutarla a risolvere l'arcano, le confesserò che i miei rapporti diretti col Poeta risalgono a circa 50 amni fa e non ho alcun ricordo di un fratello di nome Gherardo. Dovremmo però scoprire su cosa si basi questa nostra reciproca "infatuazione", non certo su comuni opinioni politiche...

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    18 Novembre 2012 - 13:01

    naturalmente possiamo darci del tu se credi.....sempre che io non scopra di essere più grande di te....allora, in quel caso, doverosamente, pretenderò il...voi...ahaah ahahahhh... buona giornata francesco.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    17 Novembre 2012 - 19:07

    Lei può continuare ad avere quella buona opinione di me, almeno per quanto si riferisce al mio ultimo post. Mi sono.....esibito in una figura retorica che lei non ha afferrato sicuramente perchè non mi ha letto con maggiore attenzione. Per essere ancora più esplicito ritengo che il PDL, partito creato da una elite e venuto dall'alto e non dal basso (come il PD erede diretto del vecchio PCI e, per restare a destra,la Lega)non potrà mai essere un partito di popolo, come si suol dire, e non per per incapacità dei suoi dirigenti, ma per la sua stessa ragion d'essere. Il PDL è nato per essere elitario questa è stata la sua forza, ma ora, per me, ne sancisce anche la sconfitta. Molti italiani hanno scoperto che dietro la creatura berlusconiana c'era il vuoto quando non sono state mentenute le promesse fatte e, in piena crisi, non la si è saputa (o voluta?) gestire passando la patata bollente ai professori. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • TheUndertaker

    17 Novembre 2012 - 19:07

    Non ha confermata la sua abilitazione all'insegnamento della lingua italiana (preferirei liceo classico o università). Per quanto riguarda i pagamenti, dipende dalle tariffe e, naturalmente, rigorosamente a fronte di regolare fattura. Sul tema "a o ad" le avevo risposto, ma non è passato. Credo siano corretti entrambi i modi, a me MI suona meglio "ad". Il soprannome "underbiri" personalmente non mi dà alcun fastidio, ma potrebbe non essere gradito al signor Biri, che conosco solo di nome (o meglio pseudonimo) e per qualche post qui letto. Non posso comunque obbligarla a non utilizzarlo, quindi... faccia un po' come le pare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog