Cerca

Codarda

Fornero frigna e scappa dalle Iene: Elsa, ma perché non ci rispondi?

Incalzata da un cronista delle Iene sui precari che lavorano al ministero del lavoro, il ministro fugge e annulla la conferenza. Non riesce più a stare in pubblico

Fuga, silenzio e nessuna risposta. Il ministro è in confusione totale. Ormai non risponde più a nessuna domanda dei giornalisti
Elsa Fornero

Elsa Fornero ormai non riesce più a parlare in pubblico. Questa mattina era attesa al ministero della Salute per un incontro con la stampa per presentare con il titolare del   dicastero Renato Balduzzi la Seconda conferenza sull'amianto. Ad  attenderla i giornalisti fra cui la troupe delle Iene capeggiata da  Filippo Roma. Il giornalista ha rincorso e incalzato la Fornero per porgli alcune domande "sulle condizioni di lavoro dei dipendenti dell’Isfol, istituto di ricerca controllato dal ministero del Lavoro", ha riferito  la Iena, ma il ministro, dopo aver avuto un colloquio con Balduzzi, ha preferito abbandonare la conferenza. "Voglio stigmatizzare questo modo di fare informazione, sono solidale con il ministro Fornero. Certo che se ne è andata e mi dispiace molto, ma comprendo anzi manifesto tutta la mia solidarietà. La Fornero è oggetto di una persecuzione". Il ministro della Salute Renato Balduzzi commenta così l’uscita di scena di questa mattina del ministro del Lavoro. 

 

Vota il sondagigo di Libero: secondo voi la Fornero non risponde alle domande dei giornalisti?

Giustificazione - "Per correttezza nei confronti del Ministro Balduzzi e dei giornalisti convocati - riferisce una nota del ministero- il Ministro Fornero aveva deciso di rispettare l’appuntamento nonostante questa mattina non fosse in buona salute. Di fronte però alla prevaricazione della troupe televisiva nei confronti dei giornalisti presenti e l’insistenza nel voler porre questioni che nulla avevano a che fare con i temi previsti, il Ministro Fornero ha dovuto lasciare l’auditorium. Non si può che stigmatizzare simili comportamenti che nulla hanno a che fare col diritto di cronaca". Insomma la Fornero scappa e va via perchè non vuole rispondere alle domande di un giornalista. La scena non è nuova.

Il no a Libero  -  Libero da settimane chiede alla fornero un'intervista per avere risposte sul provvedimento sui ricongiungimeti per le pensioni. Ma nulla. Il ministro non vuole concedere nessuna intervista. Intanto chi deve andare in pensione attende risposte che non arrivano. E i poveri lavoratori con contratti co.co.co. che lavorano per il ministero continuano a non sapere cosa ne sarà del loro futuro. Un ministro della Repubblica non può sottrarsi alle domande dei giornalisti. Fuggire non serve a nulla. Per i cittadini avere una risposta è un diritto. Per la Fornero darle è un dovere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    22 Novembre 2012 - 11:11

    Meglio che non risponda ad alcuna domanda, se no va a finire che spara l'ennesima c......ta! E questa sarebbe la Professoressa che ha fatto la riforma delle pensioni? Una triste bacchettona frignante! Intanto, con la sua incapacità ha condannato milioni di italiani, soprattutto le nuove generazioni,alla fame..complimenti!

    Report

    Rispondi

  • matteoesuberato

    22 Novembre 2012 - 11:11

    Il problema della classe dirigente è che davvero non ha coraggio. E si ritrovano a fare riforme che sono graffianti come unghie di un neonato. http://esuberati.blogspot.it/2012/11/lavoro-20-cambiano-i-nomi-ma-non-i.html

    Report

    Rispondi

  • davidegrrr

    21 Novembre 2012 - 21:09

    Un comento che mi è piaciuto sul tema: La Fornero non mi è simpatica, ma le Iene al solito ci marciano e hanno stufato. Due punti vanno sottolineati: 1) Filippo Roma non è un giornalista iscritto all'Albo. E' un attore e come tale non ha alcun diritto di importunare chicchessia con domande, specie riprendendo la scena con una telecamera. Dato che la sua attività, pagata da Mediaset, è svolta in maniera stabile, continuativa e sistematica, si configura il reato di esercizio abusivo della professione giornalistica. 2) Il giochetto delle Iene, force de frappe berlusconiana, è quello dell'imboscata. Se uno GIUSTAMENTE rifiuta la violenza mediatica che le Iene vorrebbero imporre, parte la rappresaglia a mezzo stampa e video: LA FORNERO SCAPPA. I mezzi di informazione danno la notizia in questo modo, ma dovrebbero essere più attenti e non prestarsi acriticamente al giochetto violento e auto-promozionale delle Iene.

    Report

    Rispondi

  • ghiretto

    21 Novembre 2012 - 19:07

    Volete altre prove relative alla dittatura dei tecnici? Basta guardare lil modus operandi del Governo, come si è insediato, la pletora della farsa dei deputati che lo sostengono. Ma, tutto questo, è secondo voi, molto diverso dal regime sovietico? da quello cambogiano?, da quello cinese? SI lì erano o sono oppressi, il popolo sapevadi stare sotto, qui, tentenniamo, aspettiamo, gli diamo tutti gli strumenti per schiacciarci, pur potendo ribellarsi senza tanti problemi. CACCIAMOLI!! Lo hanno capito che non li vogliamo o che li vogliamo prendere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti