Cerca

Ma quale tecnico...

Monti sobrio sa solo insultare: Berlusconi, Brunetta, Vendola, Bersani

Monti sobrio sa solo insultare: Berlusconi, Brunetta, Vendola, Bersani

Alla fine una cosa giusta Nichi Vendola, in fondo in fondo, l'ha detta: "Mario Monti sa solo dire 'inchinatevi davanti al totem della mia agenda'. Questa è la spocchia tipica della borghesia conservatrice". Al netto del gergo stantìo da lotta di classe dell'800, il leader di Sel ha centrato il punto: dietro la sua sobrietà da (ex) tecnico-professore, il premier sta scoprendo l'alterigia, la superbia, l'arroganza del politico. Peggio, del candidato premier che si aspettava di essere accolto tra ali di folla esultanti e che invece sta provando con mano la fatica della campagna elettorale. Per Vendola Monti, con le sue punzecchiature e i suoi diktat su Nichi e il responsabile economico Pd Stefano Fassina, sta facendo la "danza della morte" intorno a Pierluigi Bersani. E in fondo lo sa anche il segretario del Partito democratico, che purtroppo per lui deve fare orecchie da mercante o quasi. Bersani sa che volente o nolente, se vincerà, dovrà governare con Monti (e non con Vendola). Per questo, quando il professore lo provoca ("Deve silenziare le ali estreme, Vendola e Cgil"), può solo far finta di arrabbiarsi: "Noi non tappiamo la bocca a nessuno". Nota sottile di Jacopo Iacoboni su La Stampa: il termine "silenziare" non risulta essere mai stato usato da un politico negli ultimi 23 anni, mentre lo usò, strane coincidenze, Benito Mussolini a proposito dell'oppositore socialista Giacomo Matteotti



 



Insulti a Brunetta
- Perlomeno, Silvio Berlusconi si sarà giocato l'alleanza con i Centrini ma può parlare pane al pane e vino al vino. Monti si è preso la libertà di ripunzecchiare il Cavaliere ("volatile di fronte alle vicende umane e politiche") e Renato Brunetta, su cui ha poco elegantemente ironizzato sulla "statura" (più che una gaffe, un esempio di umorismo impassibile). E se l'economista ha risposto per le rime ("Monti è un piccolo premier, non mi farà stare zitto"), anche Silvio ha ribattuto: "Sono attacchi meschini, Monti sta polemizzando con i partiti che lo hanno sostenuto, avrebbe dovuto dimettersi anche da senatore a vita". Piccole soddisfazioni, per ora, in attesa che siano gli italiani a giudicare il premier il 24 e 25 febbraio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mpassarelli

    16 Gennaio 2013 - 22:10

    Ma lasciatelo sfogare......abboccano o lo accettano solo personaggi insipidi, falsi e raggiratori. Presto sparirà ma prima deve lasciare la poltrona di senatore a vita (AVUTA SENZA MERITI)

    Report

    Rispondi

  • stefanopiero

    04 Gennaio 2013 - 14:02

    ... rappresenta il male assoluto. Il bello del male è che si autodistrugge.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    04 Gennaio 2013 - 13:01

    Sarà, ma certamente ha una lingua oltremodo velenosa!!!!

    Report

    Rispondi

  • pascal4U

    04 Gennaio 2013 - 12:12

    Quello spocchioso di Monti rimanendo attaccato a quel mostro sacro in decadenza irreversibile verso il disfacimento politico, sapete a chi mi riferisco, fa lo strafottente verso tutti, prendendo in prestito le qualità fisiche e morali dei suoi avversari. Ma gli ITALIANI sapranno metterlo in minoranza alle prossime elezioni. La festa è incominciata da un pò, e se ne vedranno di cotte e di crude!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog