Cerca

Anti-tasse

Berlusconi: Capisco Depardieu, ha dato una lezione alla sinistra francese

Il Cav: "Non ho mai approvato la pressione fiscale, ma se la pressione fiscale è al 65% giusto trovare un escamotage"

Depardieu e Berlusconi

Depardieu e Berlusconi

 

Dopo il Belgio e Vladimir Putin, al fianco di Gerard Depardieu si schiera anche Silvio Berlusconi. Il nemico comune? Le tasse. O meglio, una pressione fiscale insostenibile. Proprio come quella che affligge l'Italia. Proprio come quella sdoganata dal socialista Francois Hollande in Francia. Depardieu ha provato a fuggire dalle tasse cercando rifugio in Belgio. Non lo ha trovato. Putin così gli ha offerto la cittadinanza russa per sfuggire alla ghigliottina fiscale. Poi la Corte Costituzionale transalpina ha bocciato la norma di Hollande che prevedeva una tassazione superiore al 75% per i redditi superiori al milione di euro. E così, per ora, Depardieu resta in Francia (Hollande ha comunque già promesso una riedizione della super tassa).

Il Cav: "Capisco Depardieu" - Intervistato da Telenord, entra in campo anche Berlusconi. Si parte da una premessa sulla tassa sulle transazioni finanziarie: "In Europa io ho detto no alla Tobin tax. Ora l'hanno approvata, ma è una stupidaggine enorme". Sempre in tema di Fisco, fa capolino la questione della "tentata fuga" dell'attore francese: "Depardieu - ha spiegato l'ex premier - ha dato una bella lezione alla sinistra francese. Non ho mai approvato l'evasione fiscale - ha chiarito Berluscopni -, ho soltanto detto che capisco che un cittadino che deve pagare il 65% dei prelievi si senta giustificato nel caso in cui un dottore commercialista gli proponga un escamotage".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    07 Gennaio 2013 - 09:09

    Chi altri se non lui? Ha passato un'intera vita a corrompere giudici, testimoni, ufficiali della guardia di finanaza,falsificare bilanci e frequentare minorenni. Bananas!

    Report

    Rispondi

  • paolospyder

    06 Gennaio 2013 - 21:09

    E' del 75 % la tassa che la sinistra aveva creato in Francia e non del 65 %.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    06 Gennaio 2013 - 12:12

    se fosse stato un imprenditore con qualche decina di stipendi da pagare avrei capito il francese.... ma si tratta solo di un istrione da palcoscenico che ha guadagnato molto facendo molto poco, e ritornato oggi ad essere anche in questo frangente il buffone che è. La società và Protetta per quel che serve e per l'utilità che riserva agli altri cui si appoggia nelle sue difficoiltà, e non SOLO in quanto esiste e basta, come dice il parassita vaticano.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    06 Gennaio 2013 - 11:11

    se ero io il presidente francese, a Depardieu non lo farei più entrare il francia, dove si è creato la popolarità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog