Cerca

Il voto a Montecitorio

Italicum, la riforma elettorale passa alla Camera

Italicum, la riforma elettorale passa alla Camera

Dopo una serata al cardiopalma, una votazione sul tema delle preferenze che ha messo in evidenza tutta la spaccatura e i malumori interni al Pd, questa mattina l'Aula di Montecitorio ha approvato la legge elettorale con 365 sì. I no sono 156, 40 astenuti. Scorrendo i tabulati della votazione emerge che sono mancati soltanto 24 voti alla maggioranza politica sull'Italicum: di questi 23 i voti mancanti del Pd (9 in missione, 14 assenti al momento del voto), mentre sono 8 quelli mancanti per Forza Italia. Tra le assenze che spiccano al momento del voto, nelle file del Pd mancano all’appello Rosy Bindi e Francesco Boccia, che però risultano entrambi in missione, anche se già ieri avevano manifestato la loro contrarietà al testo della riforma. E ancora: mancano all’appello i lettiani Anna Ascani, Marco Meloni e lo stesso Enrico Letta. Tra gli altri, non votano l’Italicum Pippo Civati e la bersaniana Enza Bruno Bossio. Volendo allargare il calcolo, la maggioranza che ha votato la fiducia al governo Renzi, lo scorso 25 febbraio alla Camera, perde 72 voti. In sostanza, Renzi incassò 378 voti sulla fiducia al governo. Oggi l’Italicum ha ottenuto 365 sì. Se a questi si sottraggono i 59 voti di Forza Italia che oggi hanno approvato la riforma ma che non votarono la fiducia a Renzi, alla maggioranza mancano 72 voti. A venir meno in maggior numero sono stati i voti di Scelta civica e Popolari per l’Italiascegliersi i parlamentari". "Grazie ai deputati e alle deputate, oggi hanno dimostrato che è davvero possibile cambiare l'Italia".

 

La riforma della legge elettorale ha quindi superato lo scoglio della Camera. Anche se, nei quattro giorni di votazioni e stop and go alla Camera, non sono mancate tensioni e spaccature interne ai due partiti maggiori che sostengono L’Italicum, Pd e Forza Italia. Regge il patto siglato tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi e dopo il via libera di Montecitorio, la parola passa al Senato. Dove, però, si profila un percorso non privo di ostacoli e insidie: la minoranza Pd e le donne democrat sono pronte a dare battaglia sulla parità di genere. Ncd mira a incassare le preferenze che, a Montecitorio, sono state bocciate per un soffio: l’ultimo emendamento sulla doppia preferenza di genere non è stato approvato per soli 20 voti e grazie all’aiuto del governo, presente in Aula con tre ministri e ben 11 sottosegretari. E poi cresce il malumore dei piccolì, che gridano alla "cannibalizzazione" dei loro voti. Al Senato le insidie potrebbero causare non pochi problemi alla tenuta del patto Renzi-Berlusconi: a palazzo Madama, infatti, i numeri della maggioranza assieme a Forza Italia sono più risicati. Anche se al Senato non c'è l’incognita del voto segreto. Anche Berlusconi non nasconde i problemi che potrebbero subentrare al Senato, ma per ora l’importante è mantenere fede alla parola data e restare centrale nel percorso delle riforme. Anche perchè, è il ragionamento, così si evidenziano le spaccature del Pd, ha riflettuto con i fedelissimi, mentre emerge la nostra compattezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    13 Marzo 2014 - 12:12

    Doveva essere legge a gennaio. Poi, causa accoltellamento alle spalle di Letta, è scalato a febbraio, poi a marzo. Ora il passaggio al senato, ammesso che non venga cambiato il testo, ma ci credo poco, si finirà per fine marzo, se no andremo avanti con questa legge citrulla e inutile per il paese fino a maggio.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Marzo 2014 - 23:11

    Non è che io guardi molto "le Iene" per TV ma mi ci sono soffermato in quanto chiedevano ai nostri cari parlamentari cosa avessero votato. Risultato ? Nessuno sapeva cosa avesse votato e nello stesso tempo si innervosivano se si andava nel dettaglio. MA CHE CAZZO CI STANNO A FARE QUESTI ALLA CAMERA DEI DEPUTATI? A rubare i soldi alla povera gente.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    12 Marzo 2014 - 14:02

    Di bestialità, in italia, ne vediamo da decenni, ma che una legge elettorale sia valida solo per la camera prima ancora che il senato venga cancellato, e che per essere valida debba essere votata dal senato è il colmo... se poi si troverà qualche pagliuzza (PD) per Rimandarla alla camera, continuando a GIOCARE A PALLA con questa legge, sarebbe il massimo della bestialità italiana.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Marzo 2014 - 13:01

    Le forche caudine. Che il PD fosse composto per la maggior parte da inconcludenti chiacchieroni era ormai cosa nota, ma scoprire che questi imbelli sono pronti a far guerra a Renzi pur nel momento in cui lo stesso sindaco confeziona una legge elettorale a loro uso e consumo consegnandogli in mano la possibilità di vincerle le elezioni, è veramente ridicolo e dà la misura della loro insipienza.

    Report

    Rispondi

    • pinux3

      12 Marzo 2014 - 14:02

      Sarebbe stata "ad uso e consumo" del PD (e anche nell'intesse dell'Italia...) una legge di tipo "francese", ma con l'Italicum mi pare che siamo abbastanza lontani...

      Report

      Rispondi

blog