Cerca

Coincidenze a 5 Stelle

Quando Casaleggio lavorava al ministero con Di Pietro

Gianroberto Casaleggio

«Ho avuto un rapporto di stima e di collaborazione con Di Pietro», ha detto Gianroberto Casaleggio a Marco Travaglio nella lunga e discussa intervista rilasciata al Fatto Quotidiano due giorni fa: la stessa in cui non ha escluso, salvo poi smentirlo, di fare il ministro assieme a Beppe Grillo, con lui fondatore del Movimento 5 Stelle. Libero è in grado di documentare in maniera meno vaga la natura di questa collaborazione tra Tonino e il «padre» del movimento politico che rischia di scombinare i piani di Matteo Renzi alle Europee.


I documenti in pagina recano la data dell’8 febbraio 2007: al ministero delle Infrastrutture del governo Prodi siede l’ex pm di Montenero di Bisaccia. Beppe Grillo è un comico di successo che da un paio d’anni ha patrocinato, sulla scorta di un modello in voga negli Usa, i meet-up: raduni su Internet per sollecitare una sorta di democrazia dal basso. Conosce Casaleggio nel 2004. Tre anni più tardi nasce l’idea che darà la svolta al movimento: il Vaffa-day dell’8 settembre 2007. Esattamente sette mesi prima, Gianroberto Casaleggio diventa consigliere del ministro Di Pietro, come sancisce il documento controfirmato dal Tesoro, allora occupato da Tommaso Padoa-Schioppa. Il link Di Pietro-Casaleggio non è nuovo: la società del padre ideologico dei 5 Stelle gestiva la piattaforma dei siti di Grillo e di Tonino. «Quando ho cominciato io a fare politica, per schiacciare i bottoncini di Twitter e di Facebook sono andato a scuola da lui. E lui è quello che per primo mi ha costruito la macchina informatica ed è stato pagato per questo, ha fatto un servizio», spiegò il fondatore dell’Italia dei Valori parlando del «guru». E proprio la gestione del sito, e i suoi costi, sarebbero stati all’origine della rottura tra i due, come ha raccontato un retroscena dell’Unità nel giugno 2013.

Perché Antonio Di Pietro ha voluto con sé Casaleggio? L’incarico affidatogli non è di secondo piano: non prevede compensi ma un rimborso di missione secondo il trattamento per i dirigenti di prima fascia. La «missione» affidatagli in qualità di esperto è relativa allo «studio [...]delle attività relative alla comunicazione istituzionale nei diversi settori dell’informazione: stampa, radiotelevisione e Internet». Casaleggio viene affiancato, con le stesse mansioni e «per l’esperienza e la comprovata competenza» posseduta «nelle strategie della comunicazione», dal dottor Mario Bucchich e dall’ingegner Luca Eleuteri. Entrambi risultano soci fondatori della Casaleggio&associati, nata tre anni prima dei fatti, nel 2004. I tre diventano così «Consiglieri del Ministro delle Infrastrutture per lo studio delle attività inerenti la comunicazione istituzionale» in uno dei dicasteri con la maggior disponibilità di spesa del governo, alle dirette dipendenze di Antonio Di Pietro. Ben dentro i palazzi della «casta».

Ma più che la polemica, è utile qualche domanda. Il 2007 è l’anno in cui matura la svolta «politica» del movimento: come detto a settembre il V-day crea più di un problema al governo Prodi. In un certo senso, anzi, la progressiva evaporazione dell’Idv viene sostituita dalla forza anti-sistema di Grillo. Tanto che l’ex pm nel 2012 si schermisce alla inevitabile domanda su una possibile fusione col Movimento 5 Stelle: «Io alleato con Beppe? È come se mi chiedessero se voglio sposare la Schiffer. Prima bisogna sapere se lei vuole sposare me...». È successo che la Schiffer (Grillo) si è mangiata l’aspirante Tonino. E il M5S si è guadagnato l’attenzione delle cancellerie, come mostra l’incontro con l’ambasciatore inglese nell’aprile 2013, rivelato da Casaleggio a Travaglio.

C’è qualcosa che è sopravvissuto tra i due partiti, oltre all’aura di movimento dal basso, di «nuova politica», di «è tutto un magna-magna» che li rende - in anni diversi - catalizzatori di un voto di protesta? Sui presunti legami americani di Di Pietro si è detto e scritto molto: destò scalpore l’intervista alla Stampa (2012) in cui l’ex console Usa a Milano Peter Semler disse che l’allora toga gli anticipò l’inchiesta Mani Pulite addirittura alla fine del 1991: «Mi preannunciò l’arresto di Mario Chiesa e mi disse che le indagini avrebbero raggiunto Craxi e la Dc. Poi fece il viaggio negli Stati Uniti organizzato dal Dipartimento di Stato». E aggiunse: «Di Pietro mi piacque molto», definendolo «un personaggio straordinario». Un «endorsement» simile arrivò nel 2008 (fu rivelato più tardi, ancora dalla Stampa) col telegramma che l’ambasciatore Ronald Spogli spedì a Condi Rice spiegando che Grillo, con cui aveva pranzato, era «bene informato, competente sulla tecnologia, provocatorio e grande intrattenitore, \[...\] unico, una voce solitaria nel panorama politico italiano. \[...\] ha un grande potere di attrazione». Nuovo ambasciatore, altro endorsement: Davide Thorne, agli studenti del liceo Ennio Quirino Visconti disse (2013): «Voi giovani potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento», con annesso Pd a denunciare la «gravissima ingerenza nelle vicende italiane». Ora tra i due «americani» c’è anche un link più istituzionale.

di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    23 Maggio 2014 - 16:04

    se ha avuto un rapporto di stima con Di Pietro allora è tutto più chiaro.

    Report

    Rispondi

  • sotnaile38

    23 Maggio 2014 - 14:02

    E questo sarebbe lo scoop dell'ultimo giorno su Casaleggio?A parte che della collaborazione con Di Pietro si sapeva, ma il guru si era candidato in un piccolo comune per Forza Italia. Col senno di poi, questo qui è veramente bravo se ha fatto prendere l'8% a Di Pietro.Ci chiediamo come mai il Cav si sia lasciato sfuggire uno così x affidarsi ai Gasparri di turno...

    Report

    Rispondi

blog