Cerca

Divorzi all'italiana

Nozze gay, Vendola contro Monti: "Per fortuna che ero io il conservatore"

Nozze gay, Vendola contro Monti: "Per fortuna che ero io il conservatore"

 

C'è un terzo incomodo nel matrimonio (contro natura, ma fino a un certo punto) tra Pierluigi Bersani e Mario Monti: si chiama Nichi Vendola, ed il motivo del contendere sono le nozze gay. Ufficialmente è lui, leader di Sel, il promesso sposto del segretario Pd per il dopo-voto, ma visto come si stanno mettendo le cose e sondaggi alla mano il buon Pier nell'eventualità di vincere e diventare premier con una maggioranza risicata sta pensando di sostituire il riottoso governatore pugliese con il più compito professore. Pazienza se, dal punto di vista economico, qualche differenza ci sia. In fondo, basterà far fuori Stefano Fassina, il responsabile economico dei democratici storicamente più vicino alla Cgil che alla Bocconi (università da cui, guarda il caso, è uscito). Fassina nei giorni scorsi ha assicurato che l'alleanza con il centro di Monti è plausibile, rinnegando di fatto le sue durissime critiche alle riforme di lavoro e pensioni targate governo-tecnico. Retromarcia che non gli servirà ad assicurargli la poltrona del Tesoro. No, il problema sono, appunto, le "nozze gay". Tema spinosissimo, perché qui si scontrano le sensibilità della sinistra e i timori dei cattolici.

"Chi è il progressista?" - Martedì sera ospite di Ilaria D'Amico a Sky Tg24, aveva commentato la non candidatura nella propria lista del gay Alessio De Giorgi e dal parlare di nozze tra omosessuali il passo è stato breve: "L'unica famiglia è quella composta da un uomo e una donna", ha sentenziato il prof strizzando l'occhio all'Udc di Pierferdinando Casini e rassicurando i vertici della Chiesa. "Meno male che lui era il progressista e io il conservatore...", ha chiosato su Twitter un Vendola sempre più inviperito. D'altronde, che tra i due non ci sia possibilità di dialogo lo aveva confermato, evitando però di dirlo in prima persona, lo stesso Monti, che a domanda della D'Amico "mai con Vendola" aveva risposto, imbarazzato: "L'ha detto lui...". Un modo carino per poter abbracciare forte forte Bersani in un mènage à trois con Casini. Che non a caso ha fatto eco: "E' un film di fantascienza ipotizzare un’alleanza post elettorale con il centrosinistra perché il nostro programma non potrà mai convivere con quello di Sinistra e Libertà". Già, basterà far fuori Vendola e Fassina.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LapuLapu

    19 Gennaio 2013 - 01:01

    Ma che razza di Popolo delle Libertà siete? Li volete lasciare liberi di sodomizzarsi in pace o no?

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    17 Gennaio 2013 - 19:07

    casini ?

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    17 Gennaio 2013 - 18:06

    ... dopo aver costantemente assicurato che non avrebbe mai accettato di governare con Monti, dovrebbe rinunciare all'ammucchiata. La coalizione con Vendola, chiarissimo e lampante, serve a Bersani soltanto per portare a casa voti, ma l'inciucio con Monti e combriccola è stato preordinato e si farà senza dubbio, a spese di Vendola ed i suoi. Caro Vendola, vuoi fare il cornuto e mazziato? Oppure sei anche tu accecato dalla voglia di potere ad ogni costo?

    Report

    Rispondi

  • losaccodomenico

    17 Gennaio 2013 - 17:05

    Vi auguro cent'anni di felicità, sieti bellissimi, quasi quasi Vi invidio

    Report

    Rispondi

blog