Cerca

Lo scenario

Monti prega per il "trenta"
Senza quella cifra di senatori
lui e Bersani sono spacciati

Lo "scenario Turigliatto" agita le notti del Prof: senza il 15%, non potrà nemmeno fare la stampella del Pd. E il Cav imporrà la grande coalizione

Monti, Berlusconi e Bersani

Monti, Berlusconi e Bersani: visti da Benny

 

Il Professore punta al trenta. Chissenefrega della lode. A Mario Monti basta un dieci per tre. Ma niente voti universitari. Sul piatto ci sono i senatori. E se trenta non saranno, il peso dei "centrini" a Palazzo Madama risulterebbe ininfluente. Trionfo o disfatta. Tutto sta nel "trenta", che in termini percentuali si traduce in un tondo 15 per cento. Se Monti, Casini, Fini e montezemolini restassero sotto questa soglia, e soprattutto se Silvio Berlusconi, oltre che in Lombardia e Veneto vincesse anche in Sicilia e Campania, per il Professor-inciucio (con Pier Luigi Bersani) il futuro politico sarebbe un incubo. Di fatto, anche in caso di intesa tra centrini e Pd, la maggioranza al Senato sarebbe nella migliore delle ipotesi risicatissima. Bersani non potrebbe fare il governo e Monti nemmeno la stampella. Una sorta di riedizione (ribadiamo: nella migliore delle ipotesi) della "vittoria" di Romano Prodi nel 2006, un "trionfo" appeso alle bizze di un Turigliatto qualsiasi.

Se il "centrino" conta - Le cifre preoccupano Bersani, ma soprattutto Monti. Non a caso, come rivela il Corriere della Sera, il Professore consulta ossessivamente diverse simulazioni sulla distribuzione dei seggi al Senato. Nel dettaglio, i report contemplano tre casi. Il primo ipotizza la vittoria del centrosinistra in tutte le regioni tranne Lombardia, Veneto e Sicilia. Con questo scenario Bersani e compagni avrebbero 148 seggi, dieci seggi sotto la maggioranza; i trenta centrini sarebbero fondamentali per garantire il varo dell'esecutivo, rendendo impotenti i 106 senatori del Pdl. Anche il secondo scenario vede il Professore determinante, anzi ancor più determinante. Se Berlusconi conquistasse l'intero quadrilatero (aggiungendo la Campania a Sicilia e Lombardo-Veneto), arriverebbe a 116 seggi contro i 138 di Bersani.

Scenario-Turigliatto - Vi è infine il cosiddetto scenario-Turigliatto. Che, per inciso, è anche quello accreditato delle maggiori chance di trasformarsi in realtà. Un incubo, per il centrosinistra. Una vittoria, per Berlusconi, dato per spacciato troppo presto. In questo caso tutto dipende dal Professore: sarà in grado di mantenere le posizioni di cui viene accreditato e avvicinarsi al 15% alle urne? Difficile crederlo. E se ottenesse meno del 15%, Monti otterrebbe soltanto una ventina di seggi al Senato. Se il Cavaliere conquistasse le quattro regioni chiave, di fatto, il risultato della sfida verrebbe rovesciato. Per Pd e compagni sarebbe come nel 2006: i 138 senatori di Bersani e i venti del Professorre arriverebbero a stento, o addirittura rimarrebbero sotto, alla quota necessaria per la maggioranza. La governabilità, di fatto, passerebbe per un difficile accordo con il Pdl e con i suoi 126 ipotetici senatori. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    19 Gennaio 2013 - 15:03

    Ha sempre rifiutato con sdegno tale mansione e disse: " non faccio la stampella a nessuno" ora invece andrebbe bene anche fare il bidello?

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    19 Gennaio 2013 - 15:03

    Ogni postato che può mostrarci quanto sei malato dentro verrà pubblicato,garantito! Me la dai la tua mail che ti spedisco il mio indirizzo di casa?

    Report

    Rispondi

  • Fr

    19 Gennaio 2013 - 14:02

    ma quale "punta al pareggio"? Berlusconi punta a vincere, e ha ottime possibilità di riuscirci!

    Report

    Rispondi

  • encol

    19 Gennaio 2013 - 12:12

    Evidente che lei non legge i giornali d'otralpe di questi giorni circa la " giostra delle marionette" così lo definiscono alcuni giornali l'inciucio italiano di cui abbiamo il marchio di fabbrica. Per quanto riguarda Bersani poi tutti, ma proprio tutti, non capiscono ciò che dice specie quando si riferisce al lavoro e dice:" Bisogna che i privati investono per dare un po' di lavoro....." esi chiedono: questo è appena uscito dall'asilo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog