Cerca

Guerra interna

Pdl, caos liste: Cosentino resiste, quasi rissa con Alfano

L'ex coordinatore campano non ci sta: "Candidatemi o finisco in galera. Io vi rovino e vi faccio perdere". Quasi mani addosso con Angelino

Pdl, caos liste: Cosentino resiste, quasi rissa con Alfano

Uno scontro violentissimo. Una rissa, quasi: la domenica bestiale a Palazzo Grazioli, dove il Pdl ha deciso chi fare fuori dalle liste, ha avuto il suo culmine verso ora di pranzo, quando Nicola Cosentino, divenuto l'impresentabile per eccellenza, ha liberato la sua rabbia conto il segretario Angelino Alfano. Sarebbe lui, secondo l'ex coordinatore regionale del Pdl campano sotto inchiesta per camorra, l'artefice della "trappola". Proprio così, la chiama Cosentino, che ce l'ha anche con il governatore suo corregionale Stefano Caldoro. Nella residenza romana Silvio Berlusconi non c'è, appena uscito per registrare la sua intervista a Sky. E Cosentino ha campo libero per scatenarsi. Lui, a differenza di Claudio Scajola e Marcello Dell'Utri, di farsi da parte non ne ha alcuna intenzione e grida: "Lo capite o no che così finisco in galera? Ma io vi rovino, ritiro i miei uomini, faccio cadere le giunte, vi faccio perdere le elezioni". Decisamente più aggressivo di quando, qualche giorno fa, ripeteva mite: "Se dovrà andare in carcere, andrò da innocente". Alfano cerca di far capire che la sua esclusione è per il bene del partito, che secondo un sondaggio della Ghisleri con lui e gli altri "impresentabili" in lista perderebbe almeno il 2% dei voti. E qui Cosentino non ci vede più: "E questo sarebbe il partito garantista? Ma io vi rovino, ritiro i miei consiglieri e faccio saltare decine di giunte in Campania: poi vi faccio perdere le elezioni". Una tensione sempre più incontenibile, tanto che tra urla e accuse Cosentino e Alfano arrivano quasi alle mani, divisi soltanto dai pochi presenti a Palazzo Grazioli. E oggi si ritorna sul ring, visto che sono le ultime ore utili per consegnare le liste.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biri

    22 Gennaio 2013 - 09:09

    Se non fosse che questo minus habens, nelle righe precedenti del suo delirante post, afferma di avercela con i "komunisti", questa frase sarebbe da sottoscrivere integralmente. Anche io, infatti, ho sempre pensato che è solo questione di pazienza. Tra qualche annetto (pochi, speriamo) la generazione di pensionati con la coperta sulle ginocchia e la panchina prenotata ai giardinetti che vota per l'omino diversamente giovane sarà impegnata a contrattare con Minosse, e in questa valle di lacrime ce la caveremo da soli. Senza rimpianti.

    Report

    Rispondi

  • biri

    22 Gennaio 2013 - 09:09

    E perché mai? E' un termine dal significato chiarissimo, che sta a indicare gli adoratori del cavalier Banana, ossia di colui che ha fortissimamente voluto che l'Italia ("Il Paese che amo", ahahah!) fosse una repubblica delle banane. Perché mai un banana dovrebbe offendersi di essere definito tale? Per questi individui dovrebbe essere ritenuta un'onorificenza, un riconoscimento del merito. E' proprio vero che non esiste più la gratitudine. Certo, se quel tizio non trova di meglio che usare in modo offensivo un termine che indica una grave disabilità, chiamarlo "banana" è fin troppo gentile. Forse sarebbe più semplice e diretto chiamarlo semplicemente "pirla" ("trottola", in lombardo, per chi pensa che sia una parolaccia).

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    21 Gennaio 2013 - 19:07

    e piace di più Trinariciuto? definizione dal vocabolario: Militante di partito ottuso e fanatico. Trinariciuto fantastico aggettivo inventato da Guareschi per i militanti del pci. oggi trovo che si adatti perfettamente a persone come Voi. Trinariciuto di un BANANAS! e nel frattempo Cosentino scappa. siamo alle comiche finali, anzi alla Sceneggiata Napoletana...povero paese!

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    21 Gennaio 2013 - 17:05

    e te coglione non ti senti preso per il culo ?? primarie pilotate ridicole, primarie parlamentari buffonata. ( bindi finocchiaro ecc..ecc.. sempre li ). vi hanno dato il contentino di " votare" e poi fanno come gli pare. vi prendono per il culo e voi grandissimi coglioni felici e contenti..ahja ha aha h ha ..che fessi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog