Cerca

Lettera sui dati del Pil

Renzi è bollito: ai deputati Pd scrive dal sito del governo

Renzi è bollito: ai deputati Pd scrive dal sito del governo

Doveva essere la giornata del "trionfo", quella in cui celebrare l'ormai certa approvazione della riforma del senato entro i termini stabiliti e previsti. E invece, causa Istat, è stata la giornata delle ceneri: quelle di cui il governo, Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan in testa, hanno dovuto cospargersi il capo. Perchè quel -0,2% che indica la crescita del Pil italiano nel secondo semestre 2014 significa che l'Italia è in recessione. Già ieri il premier si era dovuto difendere sulla stagnazione dei consumi, messo in croce da Confcommercio che aveva definito "invisibile" sulla spesa degli italiani il suo bonus da 80 euro. Oggi è andata ancora peggio. E nel pomeriggio, Renzi ha preso "carta e penna" per scrivere ai rappresentanti della sua maggioranza, rincuorarli e infondergli fiducia. Il premier ha dichiarato che non bisogna procedere "a una solita difesa d'ufficio (ma l'anno scorso era peggio, ma a giugno la produzione industriale cresce, ma gli occupati sono in aumento, ma il problema è l'eurozona, eccetera eccetera). Dobbiamo - prosegue - avere il coraggio e la voglia di guardare la realtà: l'Italia ha tutto per farcela e per uscire dalla crisi. Ma deve cambiare".

Ma, ahilui, lo ha fatto dal sito internet istituzionale del governo. Creando così un "caso diplomatico" con le forze politiche che della maggioranza non fanno parte: "Perchè sul sito istituzionale del Governo compare la lettera del Premier ai soli parlamentari della maggioranza? Gravissimo" ha protestato su Twitter Lelio Alfonso, coordinatore di Italia Unica.

Altri sono andati più nel merito, a partire dall'area non "nazareniana" di Forza Italia: "Leggo molte intenzioni di Matteo Renzi. Ma ora le intenzioni contano poco,servono i fatti. E i fatti (negativi) sono che il governo Renzi ha aumentato le tasse su casa e risparmi. Per quella via sbagliata non si cresce" ha scritto Raffaele Fitto. Non bastasse, la lettera del premier ha ricevuto critiche anche dall'ala "non renziana" dello stesso Pd: "La lettera di Renzi dopo le stime sul Pil è preoccupante perchè indica una grave sottovalutazione dei dati di realtà" scrive l'ex viceministro dell'Economia Stefano Fassina (sì, quello che Renzi apostrofò quando si credeva onnipotente con un "Fassina chi?"). "Non è l’Italia il problema  dell’Europa. Noi dobbiamo andare avanti determinati con le riforme. Ma le riforme strutturali, in uno scenario di deflazione, sono  drammaticamente più difficili perché hanno effetti iniziali negativi sull’occupazione e sull’economia". Insomma, riforme sì. Ma Renzi sta facendo quelle sbagliate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    07 Agosto 2014 - 12:12

    Cari deputati, ricordatevi che se mi fate cadere andiamo tutti a casa e che io, ancora, sono il segretario del partito, quindi decido io chi entro o no nelle liste elettorali. Inoltre, cari deputati, ricordatevi che se oggi potete amministrare potere e denaro pubblico lo dovete a me e se io vado giù voi e il partito venite con me. Distinti saluti. Questa è la sintesi del discorso....

    Report

    Rispondi

  • renatinozero7

    07 Agosto 2014 - 10:10

    al popolo non importa delle riforme cambiare senato o altro del genere servono tagli alla casta e spese inutile e reddito di cittadinanza e pagar ele imprese ora subito

    Report

    Rispondi

  • milibe

    06 Agosto 2014 - 21:09

    era il caso di pubblicare questa foto? forse no

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      07 Agosto 2014 - 08:08

      Perché? Perché ha proprio l'aspetto del pesce lesso? È magari delitto di lesa maestà? Beh, dopo gli incensi tributatigli da mezza Italia quando ancora credeva alle sue panzane, se appare in una foto un po' meno apologetica delle solite, ciò l'aiuterà a tornare coi piedi per terra e a fare i conti coi fatti, oltre che coi suoi sogni di gloria.

      Report

      Rispondi

      • pinodipino

        07 Agosto 2014 - 11:11

        L'ho detto e lo ripeto tu hai il cervello carotato. Silvio ti ha preso per il culo ( insieme al resto degli italiani ) per vent'anni e tu critichi Renzi che è al Governo da quattro mesi. STOLTO!!!

        Report

        Rispondi

        • iclubforzasilvioumbria

          13 Agosto 2014 - 12:12

          Ancora con Silvio? Si hai ragione. La colpa è' tutta sua. Viva Renzi, Prodi D'Alema e compagnia bella; loro si che fanno gli interessi del Belpaese!

          Report

          Rispondi

        • Bolinastretta

          07 Agosto 2014 - 15:03

          pinodipino tu critichi Silvio e ci sta!!! ma stai criticando uno che é uguale in tutto e per tutto a te!! questo venditore di pentole che ti ha preso per il culo con mille promesse (alla Silvio) e non ne sta mantenedo una!! il rottamatore, il tagliatore di costi, il adesso abbsso le tasse, il mai nuove poltrone.... e vogliamo continuare????? STOLTO e CIECO!!

          Report

          Rispondi

  • rozanu

    06 Agosto 2014 - 21:09

    "Invertire la rotta", ora. Ma prima delle elezioni era "La Italia cambia verso". Si ritorna indietro quindi. C(ome) V(olevasi) D(i mostrare). Utili Italicum per votare, ridurre (abolire, no?) il Senato (italico risparmio); ma più utili abbassare le prebende della casta e con esse anche le tasse. Fatti non proclami alla PCI di fredda memoria.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog