Cerca

La campagna elettorale azzurra

Numeri della rimonta sul Pd
e risposte per i talk show in tv
Ecco il "kit del candidato" Pdl

In una cartelletta per tutti gli aspiranti parlamentari anche il nuovo "contratto con gli italiani" e quanto fatto dai precedenti governi Berlusconi
Numeri della rimonta sul Pd
e risposte per i talk show in tv
Ecco il "kit del candidato" Pdl

 

“Ecco il kit del candidato, leggetelo tutto e tenete sempre a mente la nostra 'piramide con i numeri della rimonta'...”. Sul palco del teatro Capranica, ieri, dopo Angelino Alfano (e il suo 'vaffa' a Mario Monti) ha preso la parola Maurizio Lupi, che per mezz'ora ha vestito i panni del professore, con una lezione ai candidati pidiellini in sala in cui ha mostrato slide con i numeri da tenere a mente durante la campagna elettorale per tentare la rimonta in appena 4 settimane. E una cartelletta, in stile Forza Italia, con molto materiale cartaceo ma senza nessun gadget rispetto al '94.

“Mancano 4 settimane, i sondaggi  dicono che siamo indietro di solo 5 punti dal centrosinistra, ce la possiamo fare, dobbiamo recuperare un punto a settimana”, ha spiegato il vicepresidente della Camera. Nel kit c'è il programma 2013 con cinque punti chiave (per la famiglia e il futuro dei giovani; per lo sviluppo di imprese e lavoro; per la riduzione dei costi di Stato e politica; per costruire istituzioni più moderne; per una giusizia degna di un paese civile). Non mancano il 'patto del parlamentare anche questo in sei punti, una sorta di dichiarazione solenne di fedeltà sottoscritta da tutti i candidati, e una sintesi dei precedenti governi Berlusconi 2001-2011, più una copia del 'Contratto con gli italianì stipulato da Bruno Vespa nel 2001 e rinnovato per le politiche del 2008. Infine, c'è un libretto di 8 pagine intitolato 'Domande e risposte', dove ogni candidato troverà le domande più frequenti che  gli verranno poste agli incontri con gli elettori e nei talk show televisivi con le relative risposte.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    31 Gennaio 2013 - 08:08

    Qualcuno sà se nel kit del candidato ci sono anche confezioni di fondo tinta e fard per fare i regali di Pasqua?

    Report

    Rispondi

  • piserik

    26 Gennaio 2013 - 18:06

    Il Berluscone ha trasformato la politica (che dovrebbe essere alta e nobile) in marketing e spettacolo. L'Angelino (quello senza quid) ha imparato bene: sfodera una faccia di bronzo seconda solo a quella del suo padrone; ecco perchè il Berluscone dice che è il più bravo!...

    Report

    Rispondi

  • piserik

    26 Gennaio 2013 - 17:05

    Qualcuno di voi ha mai avuto a che fare nella sua vita lavorativa con organizzazioni di vendita (tipo Folletto, pentole, robot da cucina e roba del genere)? Beh, è esattamente ciò che fa il PdL: creano una catena di S.Antonio per vendere le loro BALLE IMMENSE. Sono una accozzaglia di SFACCIATI VENDITORI (con tutto il rispetto per i venditori professionisti onesti) e di SPERGIURI (Ruby nipote di Mubarak). Se bussano alla mia porta li caccio via.

    Report

    Rispondi

  • Belpietrodefice

    26 Gennaio 2013 - 17:05

    Sondaggi politico elettorali – L’Swg torna a sondare gli umori degli italiani a un mese dal voto, e registra dati ben diversi da quelli usciti in questi giorni, sulla rimonta di Berlusconi e il distacco che si riduce. Tra il 18 gennaio e il 25, il Pd di Bersani è cresciuto dal 28,8% al 29,4%. Mentre il Pdl scende dal 17,7 al 17,5. Variazioni percentuali minime, che però smentiscono i dati sulla rapida rimonta del Pdl. Euromedia Research, della fedelissima berlusconiana Alessandro Ghisleri, nei giorni scorsi parlava di 4 punti di distanza, e di rimonta possibile. Nel sondaggio Swg invece cresce la distanza tra le due coalizione. Il 18 gennaio la coalizione di centrosinistra era al 33%, e il centrodestra al 27,2%. Il 25 gennaio invece il csx al 34,1% e il centrodestra al 26,6%. Se altri sondaggi confermeranno le intenzioni di voto raccolte dall’Swg, vorrà dire che l’effetto sul Pdl dell’esclusione degli impresentabili non c’è stato. Tanto che il partito di Berlusconi, con il 17,5%, è rag

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog