Cerca

Senza poltrona

Napoli, il prefetto sospende dalla carica di sindaco Luigi De Magistris

Napoli, il prefetto sospende dalla carica di sindaco Luigi De Magistris

Dopo una settimana di polemiche sta per arrivare la decisione del prefetto: Luigi De Magistris sarà sospeso dalla carica di sindaco di Napoli. Il destino dell'ex magistrato è nelle mani del prefetto della città, Francesco Antonio Musolino. Luigi De Magistris dovrà lasciare palazzo San Giacomo.  Musolino ha ricevuto da poco, in via ufficiale, gli atti relativi alla sentenza che condanna a un anno e tre mesi per abuso d’ufficio Luigi de Magistris. Il sindaco coinvolto nello scandalo da giorni ribadiva che non aveva intenzione di dimettersi dalla carica. E di recente aveva anche ricevuto il sostegno del “popolo arancione” di Napoli.

"Mi ricandido" - Il caso de Magistris approda anche alla Camera. Il governo, nel corso del question time, risponderà a un’interrogazione sulle iniziative per la sospensione dalla carica di sindaco di Napoli di Luigi De Magistris e gli intendimenti per la possibilità di differire l’elezione del consiglio metropolitano. E sul caso De Magistris è stato chiaro anche il ministro degli Interni, Angelino Alfano: "Oggi il prefetto procederà agli adempimenti previsti dalla legge" e cioè alla sospensione da sindaco condannato. Intanto l'ex pm prepara la contromossa e reagisce così: "Dai mali si può ripartire e ci si può rigenerare: se verrò sospeso farò il Sindaco di strada e sarò così più vicino ai cittadini. Penso che mi ricandiderò, farò la campagna elettorale contro tutti, anche contro Cecchi Paone”. Infine De Magistris ha già un piano "b" qualora non dovesse tornare a palazzo San Giacomo: "Se non farò più il sindaco, farò il giocatore di basket". La battuta è arrivata, durante la presentazione della squadra di basket Ginova, in sala giunta a palazzo San Giacomo. "Sarà certamente più piacevole".

La replica beffarda - "No comment" da parte del sindaco sull’arrivo del dispositivo di sentenza a suo carico alla Prefettura di Napoli. "Salutamela", ha detto il sindaco, a margine di una conferenza stampa, ai cronisti che gli dicevano che la sentenza è arrivata in Prefettura. "Tra 24 ore sarò sindaco sospeso; la prima cosa che farò? Mi vado a piglia’ un caffè sospeso". L’ex pm torna a parlare di "atteggiamenti brutti da parte di importanti esponenti della politica e delle istituzioni, registrando invece tanto affetto dai cittadini, sempre vicini, quelle che io chiamo persone senza potere. Sono motivo di grande forza. Vinceremo anche questa battaglia". E de Magistris respinge la definizione di un cronista di “uomo di legge”: "Preferisco uomo di giustizia - dice - non lo considero un complimento uomo di legge".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frankie stein

    02 Ottobre 2014 - 09:09

    Titolone: 'E intanto sfotte l'Italia...' L'Italia? Quale Italia? Quella degli 'amati 'magistrati o quella del pendolo giornalistico? AhhhhAhhhhhhAhhhhhh...! LIberonzi, nun ce cascamo!

    Report

    Rispondi

  • Franco I

    02 Ottobre 2014 - 08:08

    Sig. Sindaco, da uomo di Stato e di Legge, rispetti le decisioni. Dia l'esempio, provi la Sua "innocenza" e sicuramente sarà nuovamente apprezzato e stimato da tutti. Ma, oggi, RISPETTI la Legge!!!

    Report

    Rispondi

  • gattopardo46

    01 Ottobre 2014 - 21:09

    Gigino stai proprio esagerando con la tua presunzione. Ma chi ti vuole???. Nulla eri e niente sei diventato!!!

    Report

    Rispondi

  • luigi123

    01 Ottobre 2014 - 21:09

    Se un eletto dal popolo non puo' esercitare chi deve esercitare, i NON ELETTI..?? ...oggi a Roma docet. Itaglia, che schifo che fai..! Garibaldi aveva ragione? Ho sentito la figlia di Craxi un po' decisa a ripetere le stesse parole, circa...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog