Cerca

Il messaggio delle urne

Matteo Renzi, il partito della Nazione è già morto

Matteo Renzi, il partito della Nazione è già morto

Non ce l’avranno fatta a smacchiare il giaguaro ma il pelo all’ex lupetto gliel’hanno accorciato. I compagni dell’Emilia del rottamato Bersani e dello sbertucciato Landini stavolta sono riusciti ad assestare un bel cazzotto all’immagine vincente del segretario con la battuta sempre pronta. In meno di sei mesi, dalle Europee di giugno, il Pd nella regione rossa perde quasi settecentomila voti su un milione e due e arretra di 10 punti percentuali. Ha un bel dire Renzi che «l’astensionismo è un fattore secondario» e che «ha vinto chi ha fatto le riforme»; le sue parole suonano oggi distanti dalla realtà esattamente come quando parla di tasse tagliate o di Italia che si fa rispettare in Europa. Non che il premier questo non lo sappia, ma ugualmente ha deciso per la linea del “tranquilli, abbiamo vinto noi”; a uso interno per dettare ai suoi lo spartito da suonare poi meccanicamente in tv per tutta la settimana, a uso esterno per precisare agli avversari che comunque stanno messi peggio e la musica la sceglie sempre lui. Ma i modi ancora più spicci e arroganti del solito che Renzi usa per truccare da vittoria una sconfitta dimostrano che il segretario ha fiutato che i tempi sono grami e anche per lui l’aria può cambiare da un momento all’altro.


Il voto di domenica manda infatti al premier diversi, spiacevoli messaggi. Il primo è che “la ditta”, per dirla alla Bersani, non è ridotta alle «percentuali da prefisso telefonico» che vagheggia Matteo. Può ancora far male. Non in Emilia, ma in Parlamento per le riforme, in piazza a rovinare l’immagine - anche internazionale - del leader, nell’elezione del successore di Napolitano e, a primavera, in altre Regioni. Domenica la Cgil ha dato libertà di coscienza ai militanti sul recarsi alle urne o no. I risultati, solo il 37% di votanti, non ammettono discussioni e non si spiegano solo con la scusa dell’elettorato deluso dalla giunta Errani, mandata a casa con 41 consiglieri indagati su 50. Il voto emiliano è un avvertimento, forte ma volutamente non irreparabile. Se non gli riuscirà di andare al voto nel 2015, con la ditta Renzi dovrà cominciare a trattare, perché se l’orizzonte è il 2018 allora sì che il partito è a rischio scissione a sinistra. Anche se, vedendo come i renzini non abbiano avuto alcuna difficoltà a suonare la grancassa della vittoria tra gli sguardi sconcertati di cuperliani e civatiani che li fissavano come fossero dei visitor, l’impressione è che la parte più governativa del Pd debba ancora prendere piena coscienza del possibile prossimo cambio di corso, che passa anche per un cambio di toni verso i compagni di partito, visto che la spocchia che la sinistra fatica a perdonare al premier risulta intollerabile nei ministri e deputati che scimmiottano il capo.


Tra i quasi due milioni di emiliani che non sono andati al voto, gli ricordano Landini e la Annunziata, molti sono i dimenticati da Renzi, quelli che non si illudono di trovare lavoro con il Jobs Act o che guadagnano troppo poco per beneficiare degli 80 euro o che avranno una pensione da fame se le norme in manovra sulla previdenza non verranno riviste. E questo è il secondo punto: malgrado il carisma e le apparizioni a raffica in tv, quattro elettori su cinque dubitano che il premier abbia idea di come condurre il Paese fuori dalla crisi. Al punto che molti ex comunisti si fidano più della via vecchia del sindacato e di Bersani che di quella nuova renziana.


Il terzo è che per convincere l’elettorato ormai neanche a Renzi bastano solo le parole. A giugno ha distribuito 80 euro al mese a 10 milioni di persone, e ha stravinto. A ottobre si è presentato con tagli alle Regioni che sono l’annuncio di un aumento delle addizionali Irpef e delle tasse sulla casa, e la risposta è stata diversa. L’elettorato ha trovato il vaccino all’annuncite e vota col portafoglio in mano.
Il quarto messaggio è che la manovra di sostituire i voti in uscita a sinistra con voti in entrata dal fronte moderato o da Cinquestelle è ancora in alto mare. I grillini sono crollati ma il voto di protesta è andato tutto alla Lega, che ha raccolto anche il malcontento dei forzisti che non hanno disertato il seggio. Il boom padano però è anche un segnale rassicurante per il premier, perché finché il centrodestra non troverà la quadra tra moderati, libersiti e padani, Renzi si potrà permettere ancora di fare il primo della classe pur con risultati modesti o nulli.

Pietro Senaldi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    25 Novembre 2014 - 16:04

    Renzi quando si accorgerà di essersi cacato addosso....sarà troppo tardi !

    Report

    Rispondi

    • imahfu

      25 Novembre 2014 - 18:06

      Se non Renzi, chi? Ruby, forse?

      Report

      Rispondi

  • Atlantideo

    25 Novembre 2014 - 14:02

    Da un voto regionale cpon un tasso bassissimo di affluenza voi arguite tutto questo ? Ma allora siete dei veri e propri fenomeni ! :-))

    Report

    Rispondi

  • marino43

    25 Novembre 2014 - 13:01

    Come si può ricreare una nazione facendola diventare onesta, alleandosi con un delinquente? Vent'anni e più ci hanno messo almeno la metà degli italiani per capire che un delinquente non può governare se non le proprie aziende ed ora?Alameno 10 anni di lega che ha sbandierato la secessione e adesso cominceranno a capire che le tasse aumenteranno con le autonomie!Peggio sarà se usciremo dall'euro!

    Report

    Rispondi

  • marino43

    25 Novembre 2014 - 13:01

    Era scritto nelle stelle che il "partito" fatto con il delinquente non poteva avere vita lunga. Quelli che volevano una Italia normale hanno sempre dato il voto di speranza a l PD, ora che hanno visto che il boy scout è la costola delputtaniere non ne possono più. Gli ebetini pentastellati che avevano il pallino in mano ora hanno un cetriolo nel sedere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog