Cerca

La rilevazione per il TgLa7

Sondaggio Emg per Mentana, effetto Mattarella: Renzi vola, Salvini tiene, Berlusconi sprofonda

Sondaggio Emg per Mentana, effetto Mattarella: Renzi vola, Salvini tiene, Berlusconi sprofonda

Più che effetto Mattarella, è un vero e proprio terremoto: nel sondaggio Emg Acqua per il TgLa7 di Enrico Mentana, Matteo Renzi e il Pd raccolgono i frutti del "capolavoro Quirinale", mentre l'elezione di Sergio Mattarella sembra far male, e tanto, a Silvio Berlusconi e Beppe Grillo. Di riflesso, guadagna (o comunque non perde) la Lega di Salvini.

Tutti i numeri dei leader - Detto che il gradimento per il nuovo Capo dello Stato è alto (complessivamente il 69%, anche se un terzo degli intervistati ha ammesso di non conoscerlo a sufficienza per esprimere una valutazione), la fiducia nei leader sembra rispecchiare fedelmente l'andamento delle trattative per il Quirinale. Matteo Renzi, gran sostenitore di Mattarella, torna a guadagnare terreno dopo settimane di grave difficoltà, aumentando di 3 punti e portandosi al 34 per cento. Cresce anche Nichi Vendola, suo alleato per un giorno, ora al 10% (+1). Male, come detto, Silvio Berlusconi che con l'elezione ha visto spaccarsi il partito: ora il Cavaliere è al 16% (-1), staccato da Matteo Salvini (stabile al 23%) e incalzato da Giorgia Meloni (ferma al 15%). Scende anche Beppe Grillo, pure lui distante da Mattarella: il leader del M5S è al 13% (-1). Angelino Alfano, fregato da Renzi nella partita quirinalizia, resta al 12 per cento.

La Lega stacca Forza Italia - Come il premier, anche il Pd torna a salire portandosi al 36,6% (+1,4), così come Sel al 4,9% (+0,3). Cresce di poco la Lega Nord all'opposizione (di governo e Mattarella), ora al 14,9% (+0,1) e avanti quasi di due punti su Forza Italia: è degli azzurri il tonfo più clamoroso, con un crollo di 0,9 punti che li portano al 13,1 per cento. Giù di 1,1 punti anche il Movimento 5 Stelle (al 19,7%), Ncd-Udc (che politicamente sta scontando la scelta di aver chinato il capo davanti a Renzi) resta al 3,3% mentre Fratelli d'Italia-An sorpassa Alfano al 3,4% (+0,1). Il centrosinistra allunga così sul centrodestra: 42,6% contro 34,7. Certo, resta ancora da capire cosa si intenda per centrodestra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    06 Febbraio 2015 - 00:12

    Non vedo chi potrebbe votare Berlusconi oggi. Mi chiedo chi possa rappresentare. Forse solo sé stesso e qualche imbecille che non ha ancora capito che da 20 anni ci racconta solo bugie e che è la rovina della destra italiana. Per Renzi, al momento è facile per tutti salire sul carro del vincitore. Farebbero carte false, ma un giorno pagherà la sua tracotanza. Il vento cambia in fretta!

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    05 Febbraio 2015 - 21:09

    Visto che non ci fanno votare, accontentiamoci dei polls. Che non valgono niente esattamente come noi nella politica italiana.

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    05 Febbraio 2015 - 08:08

    le prossime elezioni FI28% AN4% Lega 16% altri 1% totale49% vincono la prossime elezioni PD 30% grillo m5s11% sel 3% ecc ecc

    Report

    Rispondi

  • arwen

    03 Febbraio 2015 - 13:01

    Il CDX nn esiste più e nn da adesso ma da anni. Il CSX nn esiste più, anch'esso cancellato dalla realtà (solo le pecorelle rosse nn se ne sono accorte). Siamo oramai in balia di una DC retriva e strisciante che unisce settori di dx e sx e che ha come comun deeominatore l'ipocrisia cattocomunista, la fame di poltrone e potere e quattrini. Renzi è, di questa maggioranza nascosta, splendido esemplare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog