Cerca

L'intervista

Berlusconi da Mentana: "Via subito l'Imu o lascio l'Italia e cambio nome"

Il Cavaliere al TgLa7: "Canea di cialtroni chi ha criticato la mia proposta. Bersani o Monti? Sto con chi riforma la Costituzione"

Berlusconi da Mentana: "Via subito l'Imu o lascio l'Italia e cambio nome"

 

Cinque minuti, una raffica di domande e risposte. Silvio Berlusconi da Enrico Mentana rispetta il copione di mitraglietta e al TgLa7 regala qualche titolo ad effetto. Per esempio, bolla come "canea di cialtroni" chi critica la sua proposta-choc sull'Imu, e poi assicura: "Giuro che se, vincendo, non approviamo al primo consiglio dei ministri l'abolizione dell'Imu e la restituzione di 4 miliardi agli italiani, cambio nome e me ne vado dall'Italia". "Ma come si chiamerà?", incalza scherzoso il direttore del TgLa7, ex Tg5: "Giulio Cesare, va bene?".

Opposizione a Monti - Si parte forte, con Mentana che chiarisce subito: "Cavaliere, abbiamo 5 minuti, non un secondo di più". E Berlusconi, ligio alle consegne, si contiene rispondendo telegrafico. "Farete una legge sul conflitto d'interessi?". "C'è già - risponde secco - e funziona benissimo". "Blind trust?", "Non l'abbiamo in programma". Poi sulla "recente" opposizione al governo Monti, dopo un anno di sostegno, il leader del Pdl spiega: "Noi siamo sempre stati all'opposizione. Io personalmente ho votato pochissime volte. Il nostro sì sull'Imu? Fu una notte dolorisissima perché la casa è sacra. Ma dopo 3 settimane dalla nascita di questo governo non potevamo già mandarlo a casa". Mentana lo sprona: "Ma per un anno lo avete votato, il vostro segretario Angelino Alfano ha partecipato anche a molti vertici a Palazzo Chigi...". "Noi abbiamo provato a modificare provvedimenti - si difende il Cav -, poi il governo è diventato succube di Partito democratico e Cgil, e per questo abbiamo tolto la fiducia al governo. Ormai era stata montata una situazione di imbroglio sullo spread insopportabile".

La promessa e il giuramento - Berlusconi conferma che, in caso di vittoria, non farà il premier ma il ministero dell'Economia: "Molto meglio, il presidente del Consiglio può solo decidere sull'ordine del lavoro. Ma faceva tutto Gianni Letta, e io non avevo alcun potere". Sull'Imu torna all'attacco: "Le critiche alla mia proposta? Una canea di cialtroni, 4 miliardi si possono trovare. Abbiamo pensato anche per una questione di immagine di prenderli dai capitali dei cittadini italiani in Svizziera, una tantum. La cassa di depositi e prestiti può poi dare subito liquidità. Inoltre vogliamo operare subito sulla riduzione della spesa, e sono 16 miliardi all'anno sicuri". "Io ho dato dimostrazione di saper fare le cose che mi propongo di fare - chiude la questione Berlusconi -. Non starò più in Italia se vincendo non approveremo subito l'abolizione dell'Imu e la restituzione dei soldi ai contribuenti italiani, perché l'imu ha prodotto il crollo di impiego e industria". 

Tra Bersani e il prof - Mentana vuole chiudere con un po' di veleno e mette Berlusconi con le spalle al muro: "Se dovesse scegliere, a chi darebbe l'appoggio del Pdl? Bersani o Monti?". Domanda complicatissima, cui il Cavaliere svicola con classe: 
"Darei il nostro sostegno solo a chi accettasse modifiche della Costituzione, che così com'è non va". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • manuelebonbon

    07 Febbraio 2013 - 14:02

    Berlusconi ha sconfitto il comunismo ? Dove ? Quando ? Io credevo tra i tanti fosse stata la miseria, Regan e Wojtyla. Approfondisca, grazie. Ha cercato di fare leggi per il paese ? Le indichi per favore oppure alludeva a quelle utili a Mediaset o necessarie all'imputato berlusconi ? Perché di queste ne ha fatte veramente tante, mi pare una quarantina. Nel PDL non ci sono più traditori ? Bè... all'inizio erano lodi sperticate a Bossi Fini Casini... chi sarà il prossimo ? Farà promesse che potrà mantenere ? Promesse come quando giurò sulla testa dei suoi cinque figli? Berlusconi da più fiducia? Forse lei è rimbambita e non ricorda niente di cosa han significato gli anni di governo del suo prode che aveva maggioranze per poter far tutto e niente ha fatto tranne i ca..i suoi. E a chi usa il cervello vorrei chiedere: come stavate prima di berlusconi ? E come state ora ? E come stava berlusconi prima di entrare in politica? E come sta ora ? Domanda facile signora, vuol rispondere?

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    07 Febbraio 2013 - 14:02

    Berlusconi ha sconfitto il comunismo ? Dove ? Quando ? Io credevo tra i tanti fosse stata la miseria, Regan e Wojtyla. Approfondisca, grazie. Ha cercato di fare leggi per il paese ? Le indichi per favore oppure alludeva a quelle utili a Mediaset o necessarie all'imputato berlusconi ? Perché di queste ne ha fatte veramente tante, mi pare una quarantina. Nel PDL non ci sono più traditori ? Bè... all'inizio erano lodi sperticate a Bossi Fini Casini... chi sarà il prossimo ? Farà promesse che potrà mantenere ? Promesse come quando giurò sulla testa dei suoi cinque figli? Berlusconi da più fiducia? Forse lei è rimbambita e non ricorda niente di cosa han significato gli anni di governo del suo prode che aveva maggioranze per poter far tutto e niente ha fatto tranne i ca..i suoi. E a chi usa il cervello vorrei chiedere: come stavate prima di berlusconi ? E come state ora ? E come stava berlusconi prima di entrare in politica? E come sta ora ? Domanda facile signora, vuol rispondere?

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    07 Febbraio 2013 - 13:01

    è la sua ultima campagna elettorale e sicuramente vuole essere ricordato per colui che ha sconfitto il comunismo e che ha cercato di fare leggi per il paese.Quindi io sono super convinta che lui farà promesse che sa benissimo di poter mantenere.Oggi nel PDL c'è solo il PDL non ci sono più i traditori ...ini,quindi sarà più facile mantenere la promessa.Anche monti bersani casini e fini lo sanno ma fingono infatti i sinistronzi non ci sono arrivati. Sono sicura che gli assenteisti e i delusi faranno riflettere bene il cervello e al momento della croce non avranno dubbi.Chi può votare bersani il ladro con sistema o monti l'incapace zerbino o grillo con buone idee ma difficilmente da mantenere in un governo. Non ci saranno dubbi Oggi Berlusconi che dà più fiducia malgrado tutto.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    07 Febbraio 2013 - 12:12

    Dopo aver scorrazzato al governo per anni e tessuto le lodi di se' stesso come il miglior presidente del consiglio dall'unità d'Italia, scopre che il PDC non ha poteri, ma un ministro qualunque ne ha di più. Non ha potuto fare le cose per colpe di altri, ma tanta leadership da vendere, chissà per farci cosa. Vuole il 100% del consenso, un parlamento di cloni e che nessuno obietti i suoi provvedimenti, che saranno di sicuro giusti e pii. Un paese del genere c'è e si chiama Corea del Nord. Se non si chiamerà Silvio Berlusconi può farsi chiamare Kim Jong-un

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog