Cerca

Rosso stinto

Napolitano: "Il comunismo ha fallito"

Il Capo dello Stato prende le distanze dal suo passato: "Impossibile sfuggire alla certificazione storica del fallimento. Oggi di quel pensiero resta solo l'ideologia conservatrice"

Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

 

Il compagno Giorgio Napolitano si pente: "E' stato impossibile, se non per piccole cerchie di nostalgici sul piano teoretico e di accaniti estermisti sul piano politico, sfuggire alla certificazione storica del fallimento dei sistemi economici e sociali d'impronta comunista". Ipse dixit. Il Capo dello Stato prende le distanze dal suo passato nel Pci (dove era uno dei massimi esponenti della cosiddetta corrente migliorista). 

Il crollo delle ideologie - Napolitano, in un lungo intervento pubblicato sull'Osservatore Romano, parla del rapporto tra etica e politica, per poi passare all'analisi del crollo delle ideologie, quella comunista in primis. Parla del "rovesciamento di quell'utopia rivoluzionaria che conteneva in sè promesse di emancipazione sociale e di liberazione umana e che aveva finito - come, con fulminante espressione, disse Norberto Bobbio - per capovolgersi, nel convertirsi di fatto nel suo opposto".

Il conservatorismo - Secondo il presidente della Repubblica, del comunismo è sopravvissuta soltanto "l'ideologia conservatrice". Una posizione, questa, simile a quella espressa più volte da Mario Monti nel corso di questa campagna elettorale. Ciò che resta, insomma, assomiglia a "un fondamentalismo di mercato, tradottosi in deregulation e in abdicazione della politica, che solo la crisi finanziaria globale scoppiata nel 2008 avrebbe messo in questione". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tempus_fugit_349

    16 Febbraio 2013 - 08:08

    Hai voglia di abiurare, compagno napoletano... troppo tardi.... nessuno ti toglierà di dosso il marchio d'infamia.

    Report

    Rispondi

  • robertaccio

    15 Febbraio 2013 - 19:07

    ce ne fossero come Napolitano!

    Report

    Rispondi

    • ludvig53

      13 Settembre 2014 - 12:12

      250 mila euro annui oltre i privilegi ,guardie del corpo, 30 auto parcheggiate in garage 350 giorni all'anno con relativi autisti, creste sui biglietti aerei per Bruxelles,cene offerte a spese nostre, discorsi demagogici ed inutili scritti da altri ecc. ecc. ?????? ce ne fossero 20, la tua tredicesima.................

      Report

      Rispondi

  • mbotawy'

    09 Febbraio 2013 - 15:03

    Si dimenticano le origini,le credenze e le abitudini.Difficile tornare in dietro, difficile ammettere come ben si vive sotto la falce & martello.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    09 Febbraio 2013 - 13:01

    il faraone napoletano è stato, nella sua dichiarazione, ambiguo e subdolo. Dicendo che il comunismo è fallito evita di dichiarare che è ed è stato una ideologia orrenda, falsa e omicida. Troppo facile; chi ha fallito, sono stati i comunisti come persone. Incapaci, falsi, filotirannici, complici di stragi e genocidi. Come lui! Ora chieda scusa, per se stesso e per i suoi complici!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog