Cerca

Il retroscena

Renzi disposto a dare due presidenze di commissione a Verdini in cambio dell'appoggio sulla legge di stabilità

Renzi disposto a dare due presidenze di commissione a Verdini in cambio dell'appoggio sulla legge di stabilità

Due presidenze di Commissione al Senato in cambio dell'appoggio sulla legge di stabilità. Il "Nazareno" tra Matteo Renzi e Denis Verdini potrebbe portare i primi benefici al gruppo dei responsabili messo insieme dall'ex forzista. Secondo Il Messaggero, il premier è intenzionato a disinnescare le insidie sulla manovra rappresentate a Palazzo Madama dai maldipancia della sinistra Pd, "quella che contesta sempre, a prescindere". E così per assicurarsi i voti dei verdiniani, si sussurra, sarebbe già pronto un premio. La nomina di Giorgio Tonini alla presidenza della commissione Bilancio, con il voto anche di Barani, potrebbe rappresentare un segnale in questo senso. Chi farebbe posto ai verdiniani? Due presidenti di Commissione forzisti, naturalmente: Altero Matteoli (Lavori pubblici) e Francesco Nitto Palma (Giustizia). La mossa per Renzi sarebbe inoltre meno imbarazzante che imbarcare nella squadra di governo i transfughi berlusconiani.

"Operazione lavatrice" e rimpastino - Lo stesso premier, a Otto e mezzo da Lilli Gruber qualche sera fa, aveva avvertito sibillino: "Se escludo che Verdini possa entrare in maggioranza? Ad oggi assolutamente sì. Poi, da qui al 2018 non so cosa accadrà. Verdini però ha compiuto un gesto di coerenza sulle riforme". Un avvertimento ai dissidenti dem in diretta tv. Anche perché in ballo c'è sempre la cosiddetta "operazione lavatrice": sarebbero i centristi di Ncd e Udc a inglobare i responsabili, rendendo meno imbarazzante la loro presenza nella maggioranza per il Pd. Da lì all'eventuale "rimpastino", il passo sarebbe ben più breve.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grazialofo

    23 Ottobre 2015 - 15:03

    Ecco, Signori, così si vendono a chi comanda. Basta una poltroncina ed è tutto fatto. Ecco cosa sono i politici: "venduti" per avere un posto al potere.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Ottobre 2015 - 15:03

    Quando c'è da commentare una notizia sul vegliardo di Arcore, tutte le pecorelle rosse si destano e corrono a postare banalità vagamente moralistiche e battute becere, facendo orgogliosamente mostra delle loror virtù. Invece, quando c'è da commentare Matteo, che si comporta esattamente come B, tutte le coscienze tacciono....La compravendita nn si fa solo mediante contanti.....Ipocriti!

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    23 Ottobre 2015 - 11:11

    Questo è il senso di responsabilità che deve contraddistinguere i cambi di casacca. Berlusconi, pagando con bonifico bancario, avrebbe comprato il grassone, mentre Renzi non comprerebbe i traditori con poltrone. Sbaglio oppure ricevere "denaro o altra utilità" sono la stessa cosa? Naturalmente nessun magistrato indagherà mai su Renzi e Verdini.

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    23 Ottobre 2015 - 10:10

    Di questi pezzi di merda non si ha da parlare....mai.

    Report

    Rispondi

blog