Cerca

La sparata di mister Casta

Fini: "Gli ex presidenti della Camera non hanno privilegi"

Fini scorda gli appartamenti, le auto blu e i viaggi. Poi sulle sue non-dimissioni: "Ho voluto difendere le istituzioni"

Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

 

La spara grossa. Grossissima, Gianfranco Fini. "Non conosco privilegi o prerogative degli ex presidenti della Camera. Non ci sono appartamenti per gli ex presidenti della Camera. Solo il presidente e i vice presidenti in carica hanno a disposizione un appartamento. Poi ci sono gli uffici che spettano a ogni deputato. Devo solo verificare se c'è un'auto di servizio. Ma io, un'auto mia ce l'ho". Così, senza pudore, il leader futurista in una video chat con il Corriere.it. A chi gli domandava se terminato il suo incarico alla presidenza di Montecitorio rinuncerà ai privilegi ha risposto affermando che i privilegi non esistono. Una balla colossale. Qualche esempio? Luciano Violente e il mini-appartamento. La stanza di Pietro Ingrao. Poi l'auto blu, di cui lo stesso Fini ha ammesso l'esistenza. E i viaggi (leggi l'approfondimento sui privilegi degli ex presidenti della Camera).      

Quante balle sulla Camera - E a bomba segue bomba. Dopo quella sui privilegi di cui mister Casta non godrebbe, c'è quella sul motivo per il quale nonostante le vane promesse non si è mai dimesso da presidente della Camera. Un motivo, francamente, tutto da ridere: "Non mi sono dimesso per non mettere l'Istituzione da me presieduta alla prova". Poi Gianfranco spiega: "Ci ho pensato a lungo alle dimissioni, anche perché il ruolo del presidente di Montecitorio limitava il mio ruolo politico". Secondo quanto dichiarato, Fini non si sarebbe dimesso per "spirito di servizio". Lo spudorato Gianfranco riesce anche ad aggiungere che è stato danneggiato da questa sua scelta: "Per il mio interesse politico se mi fossi dimesso sarebbe stato più facile, sarei stato molto meno ingessato. ma c'era il dovere di preservare le istituzioni", ribadisce.

Sulle elezioni - Gianfranco, senza vergogna dopo la sparata sui "non" privilegi e quella sulle "non dimissioni", cerca di infondersi un po' di coraggio. Si parla delle ormai prossime elezioni: "Sono convinto che il risultato elettorale sarà diverso e migliore rispetto ai sondaggi su Fli. Ne sono convinto per il modo in cui sono condotti i sondaggi. Al campione viene chiesto 'voteberre per Fli?'. Molti non sanno che cos'è. Se la domanda fosse 'voterebbe Fini' la risposta sarebbe diversa". Gianfranco, insomma, vive nelle sue fatue convinzioni. Del suo passato politico condanna "l'errore madornale di sciogliere Alleanza Nazionale per confluire nel Pdl, dove Berlusconi era diventato azionista di maggioranza. E' una colpa che non perdonerò mai a me stesso". Quindi la "stoccatina" al Cavaliere: "Io non sono come Berlusconi che dice che non sbaglia mai".

"Fini il traditore" - Una risposta a Fini è arrivata dal segretario del Pdl, Angelino Alfano: "I sondaggi danno in questo momento Gianfranco Fini inchiodato al prefisso telefonico di Roma, lo 06. E, a quanto pare, è diretto verso il prefisso telefonico di Milano. Quindi, se tutto va secondo le tendenze, può arrivare anche allo 02". Così, tagliente, l'ex Guardasigilli, che poi ha apostrofato Fini come un "traditore" perché "Silvio  Berlusconi non ha potuto completare il lavoro perché Fini gli ha rubato la maggioranza in Parlamento. E poi abbiamo dovuto vivacchiare con una maggioranza stentata che - ha concluso Alfano nel corso di un impegno elettorale a Bologna - non ha avuto più la forza parlamentare di portare avanti quelle riforme per le quali eravamo stati chiamati a governare".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giulana

    20 Febbraio 2013 - 13:01

    Ma questo si e' bevuto il cervello. Dice bugie enormi che facilmente possono essere smentite con prove. Non era necessario sciogliere Alleanza Nazionale per confluire nel PdL, che poi ha tradito. Aveva giurato che avrebbe dato le dimissioni se risultava che suo cognato era proprietario della casa di Montecarlo! E allora? Altro che difendere le istituzioni. Quello ha la faccia come il lato B. Ha tradito tutto e tutti che si vergogni. Io sono una alla quale lui piaceva e anche l'ho votato. Dovrebbe nascondersi per la vergogna. Nessuno ti vuole, altro che sondaggi sbagliati!

    Report

    Rispondi

  • vecchiodeluso

    17 Febbraio 2013 - 11:11

    PENSA DI RIMANERE A GALLA, FORSE SA DI ESSERE UN ESCREMENTO.

    Report

    Rispondi

  • bobbon

    16 Febbraio 2013 - 18:06

    Infatti non ha lo ius primae noctis, anche se per lui sarebbe un privilegio inutile.

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    16 Febbraio 2013 - 17:05

    E' UN PERFETTO MASCALZONE POLITICO SENZA VERGOGNA, HA CONVINTO PER I SUOI COMODI 40 SCILIPOTI A SEGUIRLO SAPENDO CHE QUEI 40 DISGRAZIATI SI SEREBBERO PRECLUSI LE FUTURE RIELEZIONI. OPPORTUNISTA CON LA FACCIA LATO B.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog