Cerca

Berlusconi, Salvini e Meloni insieme a Bologna

Sondaggio Ghisleri: il centrodestra unito supera il 31%

Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, in piazza, insieme. È un piccolo evento quello che si compie a Bologna.
Specie se si guarda alla storia recente del centrodestra. Che, dopo il big bang dell' autunno 2013, con la fine del Pdl e l' estromissione del Cavaliere dal Parlamento, non ha avuto mai vita facile.

Poi succede che alle elezioni regionali e amministrative del 2015, quando i moderati sono già rassegnati a farsi "asfaltare" da Matteo Renzi, l' elettorato di riferimento dia un piccolo e generoso segnale di vitalità. Soprattutto in Liguria e a Venezia, dove era tutt' altro che scontata la vittoria. Riprende così il faticoso cammino della coalizione. L' alleanza tra i partiti, con la nuova legge elettorale, dovrebbe essere obbligatoria per competere con gli altri poli in lizza. Ma, nella realtà, è tutt' altro che facile. Con una leadership considerata da alcuni al tramonto, quella berlusconiana, e altre nuove (di Salvini e Meloni) che provano a imporsi.
Domani saranno tutti e tre sullo stesso palco. La forza dei numeri è uno dei collanti principali. Insieme - Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d' Italia - valgono il 31,1%, secondo i sondaggi di Euromedia Research. E sempre le stime di Alessandra Ghisleri danno il Partito democratico al 31,2%. Le distanze sono molto ravvicinate, l' incubo delle Europee 2014 (e dei democratici al 40%) è un ricordo.

Adesso il centrodestra può realisticamente competere. Ma, per farlo, deve fare opposizione convinta. "Liberiamoci e ripartiamo", è lo slogan della piazza di Bologna. Città "rossa" che Salvini ha promesso di sverniciare. Settecento pullman in arrivo da Lombardia, Veneto e altre Regioni del Centro-Nord. Una serie di treni speciali con partenza dal Sud. E questa è la macchina organizzativa messa in moto dal Carroccio, che conta di portare nel capoluogo emiliano centomila persone. Poi c' è il contributo di Fratelli d' Italia e quello last minute di Forza Italia. Sono stati precettati i singoli parlamentari, come il senatore Francesco Scoma, che ha annunciato il suo arrivo da Palermo «con una rappresentanza di elettori e amici». E saranno ovviamente presenti i dirigenti del partito. «Berlusconi a Bologna», dichiara Michaela Biancofiore, «è la certificazione della leadership di un centrodestra che è maggioranza nel Paese. La sua presenza cementifica un' alleanza ventennale in totale coerenza con i sentimenti e la volontà dei nostri elettorati».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    08 Novembre 2015 - 21:09

    Biancofiore?? Ma è ancora viva sta sgallettata ?!?!?!?!

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    08 Novembre 2015 - 19:07

    Timoty Owen Bologna è la vergogna d'Italia. Ha montato gli squadroni della morte peggio che in Sud America per una manifestazione libera pacifica e democratica. Vergognatevi voi bolognesi, fate parte del cancro italiano targato PD, un partito fatto di ladroni e corrotti.

    Report

    Rispondi

  • lonato47

    08 Novembre 2015 - 19:07

    Sognare non costa nulla e alla Ghisleri sondaggista di fiducia costa poco a far felice il povero Banana. Perché non raccontate come è stato accolto il suo sproloquio a Bologna?

    Report

    Rispondi

    • blues188

      09 Novembre 2015 - 08:08

      lonato, intendi dire, visto che sei precisino, accolto dalle zecche sociali? Ce n'era bisogno?

      Report

      Rispondi

  • vincentvalentster

    08 Novembre 2015 - 19:07

    Berlusconi deve farsi definitivamente da parte affinché il centro destra, anche con Fitto, che alla fin fine si alleerebbe con Salvini altrimenti da solo non andrebbe da nessuna parte, possa acquisire una identità. Ora il centrodestra è rappresentato solo da.......Renzi ed il PD !!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog