Cerca

Il tic delle toghe

Ruby Ter, chiesto il rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi visto da Benny

«Silvio Berlusconi deve essere rinviato a giudizio per corruzione in atti giudiziari nell’ambito del processo Ruby ter». Non c’è pace per il Cavaliere: puntuale, appena torna ad assumere un ruolo politico centrale, la procura di Milano lo azzanna di nuovo. Cosa ha fatto il “pericoloso califfo” di Arcore stavolta? Nulla di nuovo. O di diverso dal passato. Perché anche questo terzo procedimento ruota sempre intorno ai fatti per i quali Berlusconi è stato già assolto nel Ruby uno. Ma alla procura di Milano il fascicolo con le iniziali S. e B. è un evergreen. Non appassisce mai. Neanche quando l’emergenza è la sicurezza dei cittadini. Il terrorismo.

La richiesta dei pm arriva in tarda mattinata, quando l’ex premier è in viaggio da Roma a Milano. Non fiata, ma lascia trapelare tutto il suo «disgusto» a causa dell’ennesimo tentativo di trascinarlo in tribunale per gli stessi fatti che lo hanno visto già assolto. Parlano i dirigenti azzurri. Tutti. A fine giornata c’è un’enciclopedia di dichiarazioni su « Silvio il perseguitato», «il nemico di sempre dei pm», la vittima di una «giustizia ad orologeria» che si scatena appena l’ex capo del governo rimette in naso in politica.

Trenta persone nel mirino dei pm. L’accusa ritiene che Berlusconi abbia pagato 21 ragazze, tra cui Karima el Marough, anche nota come Ruby Rubacuori, e altre persone che hanno testimoniato nel Ruby uno, processo che si è concluso con l’assoluzione di Silvio davanti alla Corte di Cassazione. Sarà adesso il Giudice per l’udienza preliminare a decidere se accogliere o meno la richiesta di rinvio a giudizio. I pubblici ministeri hanno voluto precisare che il ter è un procedimento «autonomo» e svincolato dagli altri due processi Ruby. Il primo riguardava Silvio, condannato in primo e in secondo grado per prostituzione minorile e concussione. Il Ruby bis era a carico di Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede. Anche loro sono stati assolti in Cassazione, con una sentenza che ha ribaltato gli altri due giudizi precedenti. Ora però i magistrati sostengono di avere una mole di materiale documentale molto ampia, fatta di intercettazioni, mail, conversazioni whatsapp e diari personali. Le toghe ricordano inoltre che la Cassazione, pur assolvendo il Cav, ha affermato che «è stata provata oltre ogni ragionevole dubbio l’esistenza di un sistema prostitutivo ad Arcore».

Forza Italia insorge. Il consigliere politico di Berlusconi e governatore della Liguria Giovanni Toti punta il dito contro le «strane priorità» della giustizia milanese: «Nel mondo l’emergenza è il terrorismo. Alla Procura di Milano l’urgenza è chiedere un ennesimo rinvio a giudizio per Berlusconi». Il capogruppo alla Camera Renato Brunetta parla di «accusa assurda», marziana, grottesta» e chiede uno «stop a questa barbarie. Certa magistratura non faccia lotta politica». Per Daniela Santanchè le «toghe rosse» sono terrorizzate dal «consenso berlusconiano e vogliono sentenziare la sua morte politica per via giudiziaria». Mara Carfagna si dice «convinta che Berlusconi, come già accaduto per il famigerato processo Ruby uno, risulterà estraneo alle accuse mossegli nell’ambito del processo Ruby ter, sconfiggendo ancora una volta chi continua ad usare la giustizia per meri fini politici». Per «certa magistratura», commenta Cosimo Sibilia, «Berlusconi è una conclamata ossessione patologica».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    12 Ottobre 2016 - 18:06

    Ma a Milano continuano a gettar soldi pubblici dalla finestra per perseguire Berlusconi e nessuno fiata. Berlusconi viene assolto, ma i pm continuano imperterriti ad indagarlo anche per processi dove è stato completamente assolto. Quando si butteranno fuori dal palazzo di giustizia gli ingiusti e torneranno pm giusti? È una vergogna ed una gogna infinita per chi a Milano la pensa diversamente dai

    Report

    Rispondi

  • totareo

    31 Gennaio 2016 - 12:12

    è normale che berlusconi venga attaccato,lo sanno i partiti,i politici,imagistrati,igiudici,igiornalisti cioè le persone che contano dopo la prova delle ultime elezioni.Bersani andava ai comizi con le mani in tasca con aria di supponenza convinto di avere il gatto nel sacco ma aveva fatto il conte senza l'oste.pensate che i sopre citati vogliono correre il rischio?

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    31 Gennaio 2016 - 12:12

    li si è incantata la puntina del cervello continuando a girare dalla stessa parte ,ci vuole una bella martellata in testa per farli fermare.

    Report

    Rispondi

  • iveco35

    21 Novembre 2015 - 13:01

    cari giudici ma la smetteti di essere comunisti e di vedere dove il vero male dell europa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog