Cerca

Il Cav non ci sta

Berlusconi attacca i democratici:
"Bersani si è preso tutto,
in piazza se il Quirinale va a sinistra"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi analizza il voto di Pietro Grasso e di Laura Boldrini e critica fortemente Pier Luigi Bersani per le sue scelte. Il Cav non accetta il monopolio delle istituzioni da parte della sinistra: "Dopo che in campagna elettorale Bersani ha sempre detto che, anche col 51% si sarebbe comportato come se avesse il 49%, si è smentito e si è già preso tutto. Con il voto di sabato per l’elezione del presidente del Senato il Movimento 5 Stelle ha confermato, come dicevamo noi, di essere di estrema sinistra. La sinistra ha già le due Camere con due nomi che preoccupano". Insomma il Cav non ci sta e chiama i suoi alla protesta democratica per questa occupazione "rossa" delle poltrone. "Consideriamoci già in campagna elettorale, torniamo tra la gente e nelle piazze. Una campagna elettorale che propone un grande sogno complessivo per far ripartire il Paese da opporre alla pochezza della protesta dei grillini". Silvio vuole tornare presto nelle piazze. I sondaggi danno il Pdl 2,5 punti davanti al Pd. Non male per ricominciare una campagna elettorale.

Magistratocrazia - La sinistra con le scelte di Boldrini e Grasso ormai ha scelto la strada del voto anticipato. Berlusconi e gli azzurri sono pronti. Il 37 per cento degli italiani, secondo il Cav, è contro l'elezione di Grasso, perchè "temono una repubblica fondata sulla magistratocrazia". Poi il Cav prova a spiegare come finirà l'avventura di governo della sinistra: "Immagino una prospettiva negativa e cioè che Bersani otterrà l’incarico a formare un governo da Napolitano, anche se non ha la maggioranza perchè si appoggerà ai voti dei grillini e dei montiani. Sarà quindi necessario un impegno parlamentare superiore alle scorse legislature". Infine l'ex premier torna ad attaccare la magistratura che vuole impedirgli di fare politica trascinandolo in tribunale: "All’interno della magistratura c'è una parte che ha formato una specie di associazione a delinquere che usa il potere giudiziario a fini politici". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero42

    20 Marzo 2013 - 21:09

    Farà la stessa fine della nave. Ma prima di sparare le sue c.....e non guarda cosa aveva detto il giorno prima? Vediamo che succede il 23... in piazza. O è sospesa la manifestazione?

    Report

    Rispondi

  • perfido

    19 Marzo 2013 - 19:07

    Sarà già troppo tardi, scendere in piazza, se la sinistra prenderà anche la poltrona del Quirinale. Cavaliere, ho già detto che Le hanno portato via sia la giacca che i pantaloni, restano le mutande. Una volta abbassate queste, succederà solo l'irreparabile. Attenzione a quel che si fa.

    Report

    Rispondi

  • marina58

    19 Marzo 2013 - 19:07

    giuro, mi siete tutti molto simpatici, non riesco a provare nessun tipo di rancore, in quanto essendo io, molto solare e positiva...penso sempre, che nessuno soprattutto virtualmente, sia in fondo, tanto rancoroso e arido e, mi piace quando ne ho l'opportunità, leggere più o meno, gran parte dei vostri pensieri, pro e contro, la cosa mi diverte! no!! ora mentre ascolto musica, sono presa dallo scribacchiare, sul mio diario..."poesiole" impressioni ed emozioni, tenendo a debita distanza, per quanto sia un'impresa, quelle negative! no! renatino...i trinariciuti, la ben detto, l'immenso e buon GUARESCHI...appartengono solo alla sua "razza" ancora aimè, non in via d'estinzione! parli con il Signor Unghianera, che gliene offre l'opportunità, io ho altro da fare, non me ne voglia!! se dovessi esprimermi, dal punto di vista squisitamente estetico, dovrei fare una strage...contro gli appartenenti alla sinistra, donne in primis!! no! non desidero, scadere al vostro livello; Noblesse oblige!!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    19 Marzo 2013 - 14:02

    Dunque caro il mio deficiente preferito tu dici che basta negare una cosa per provocare una crisi!Cioè a Berlusconi è bastato dire che i ristoranti sono pieni o che,è meglio non impaurirsi e avere fiducia,continuare a fare una vita senza negare ogni tipo di consumo,altrimenti il calo dei consumi blocca l'economia con le conseguenze che abbiamo davanti agli occhi!Basta questo per imputare a Berlusconi la causa della crisi che viviamo!In pratica non c'è stato il crack delle banche anglo-sassoni a causa degli eccessi sui prestiti fatti da quelle banche,non c'è stata una invasione mondiale delle economie emergenti ed il loro costo del lavoro a zero,non c'è stata nessuna delocalizzazione a causa di ciò!Il rigore imposto da Bruxelles alla nostra economia e quello tedesco in particolare non c'entra un caxxo!Tralasciamo le operazioni di Monti ma,sei veramente i deficiente che mostri di essere?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog