Cerca

L'ex premier a Udine

Berlusconi: "Scaldate i motori, governo forte o voto a giugno"

Drappello di contestatori al comizio friulano: "Con quelle barbe lì...". Poi ripete: "Senza un governo forte qui si torna subito alle elezioni"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Quello che non era successo a Roma e a Bari, dove il Cav è stato accolto dall'entusiasmo di migliaia di elettori, è successo ad Udine. Il solito gruppetto di contestatori ha preso di mira Silvio Berlusconi, scandendo lo slogan "In galera-in galera" e ricoprendolo d'insulti quali "buffone" e "venduto". Il Cav, come è noto, nelle battaglie si esalta. E si esalta anche di fronte a una dura contestazione. Così ha riposto per le rime: "Vi stavamo aspettando, così dimostrate che con questo modo di fare non avete rispetto per gli avversari - ha detto Berlusconi dal palco -. Noi nella nostra storia non abbiamo mai fatto cose del genere. Siamo più avanti". Poi si è lasciato andare ad una battuta sui contestatori: "E non vi dico dal lato estetico, perché qui ci sono belle ragazze, perché voi lì con quelle barbe non so come vi svegliate la mattina. Se vi guardate allo specchio capisco perché siete incazzati". 

Elezioni imminenti - Chiusa la pratica, Berlusconi è poi tornato all'attacco, scandendo a chiare lettere ciò che ormai, dopo il fallimento del piano-Franco Marini al Quirinale, è sotto gli occhi di tutti: "State pronti e tenete il motore acceso perchè potrebbe arrivare un’altra campagna elettorale nazionale e questa volta possiamo vincere sia alla Camera che al Senato. O un governo forte per l’Italia o meglio ridare la parola subito agli italiani ed andare a votare a giugno". Nonostante gli sforzi del Pdl - che ha provato fino all'ultimo a trovare con il Pd una soluzione condivisa per il Colle - ora le urne paiono più vicine: probabile che chiunque sia il prossimo presidente della Repubblica, la spaccatura tra democratici e azzurri sarà insanabile. "Sul Colle c'era l'intesa su Marini - ha spiegato il Cav -, ma il Pd è diviso da lotte interne". E la conseguenza del fallimento dell'accordo potrebbe essere il voto. A cui Silvio arriva in grande spolvero: "Siamo tornati ad essere primi in Italia - ha aggiunto -. Siamo cresciuti di quattro punti e abbiamo quattro punti di vantaggio sugli avversari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianfrancorcz

    19 Aprile 2013 - 19:07

    quei signori che insultano berlusconi sono poveri invidiosi !!,tifosi della politica!!!!..nell animo hanno solo cattiveria!!!..che pena!!!!

    Report

    Rispondi

  • Bacillo48

    19 Aprile 2013 - 18:06

    Ah ah ah certo che i commenti qua si sprecano!! Ma è una meraviglia vedere il cav inculato per tre volte sempre dallo stesso Prodi ah ah ah

    Report

    Rispondi

  • enan70

    19 Aprile 2013 - 12:12

    prodi al colle e silvio in tribunale l'8 eheheheh

    Report

    Rispondi

  • tamil

    19 Aprile 2013 - 12:12

    forse è il caso di ripensare al confronto democratico e rimandare in altri modi a casa i contestatori, meglio se tramite pronto soccorso-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog