Cerca

La decisione

Trattativa Stato-mafia: distrutte le intercettazioni delle telefonate Napolitano-Mancino

La distruzione era stata disposta dopo la decisione della Corte costituzionale sul conflitto di attribuzioni sollevato dal Quirinale

Giorgio Napolitano e Nicola Mancino

Sono state distrutte oggi nell’aula bunker dell’Ucciardone a Palermo le intercettazioni delle telefonate tra l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, eseguite dalla Procura di Palermo nell’ambito dell’inchiesta sulla trattativa Stato-Mafia. Erano presenti il Gip Riccardo Ricciardi, che aveva disposto mesi fa la distruzione a seguito della decisione della Corte costituzionale sul conflitto di attribuzioni sollevato dal Quirinale, un cancelliere e il tecnico che ha materialmente cancellato i file audio. Il giudice ha riascoltato le intercettazioni, per essere certo che fossero quelle da distruggere, e ha quindi personalmente tagliato con delle forbici il CD su cui erano incise. Il tecnico ha invece provveduto alla cancellazuione dei file audio dal server della Procura. 

La sentenza - La distruzione immediata, senza contraddittorio tra le parti, delle intercettazioni che coinvolgevano indirettamente il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, era necessaria per sanare "un vulnus costituzionalmente rilevante". E’ quanto emerge dalla sentenza, depositata oggi, con cui la sesta sezione penale della Cassazione spiega perchè, giovedì scorso, ha dichiarato inammissibile il ricorso di Massimo Ciancimino, il quale chiedeva di poter ascoltare le registrazioni delle conversazioni intercettate tra Napolitano e l’ex ministro Nicola Mancino, nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta trattativa Stato-Mafia.

La vicenda - Le telefonate incriminate sono partite da Nicola Mancino il cui cellulare era stato messo sotto controllo nell'ambito dell'indagine sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Il contenuto non è mai stato divulgato ed è stato considerato penalmente irrilevante dagli stessi pm titolari dell'indagine. L'avvocato di Massimo Ciancimino aveva chiesto di poterle mettere agli atti durante il processo, ma il conflitto d'attribuzione sollevato dal presidente della Repubblica ha deciso, con la sentenza di oggi, la loro distruzione immediata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    23 Aprile 2013 - 18:06

    I magistrati del Nord, provvedono a "costruire" le intercettazioni contro BERLUSCONI mentre i colleghi del Sud, "distruggono" quelle contro Napolitano e Mancino. Poveri noi che ci troviamo tra l'incudine ed il martello.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    23 Aprile 2013 - 18:06

    I magistrati del Nord, provvedono a "costruire" le intercettazioni contro BERLUSCONI mentre i colleghi del Sud, "distruggono" quelle contro Napolitano e Mancino. Poveri noi che ci troviamo tra l'incudine ed il martello.

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    23 Aprile 2013 - 09:09

    ... non pubblicare le intercettazioni? Da adito a chi pensa che ci sia qualcosa da nascondere. Mossa falsa!

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    23 Aprile 2013 - 09:09

    ... durante il discorso di insediamento del presidente, questi, ha dato degli inetti, incapaci, in pratica deficienti a tutti, e loro che fanno? Applaudono entusiasti, se è questo che vogliono sentirsi dire noi glielo diciamo ogni giorno. Avrebbero dovuto tutti cospargersi il capo di cenere, invece... entusiasmo alle stelle mah...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog