Cerca

La "cosa nera"

La Meloni ai colonnelli:
"Ma quale An? Siete finiti
Adesso tocca a me"

Alemanno: "Basta farci guerra tra di noi". Ma l'ex ministro: "E' finita la stagione dei furbi. Ora dobbiamo avere più coraggio"

Giorgia Meloni

Giorgia Meloni

A destra si respira un odore acre. C'è tensione. Molta tensione. Con la caduta di Gianni Alemanno a Roma si è aperto un buco da colmare nel panorama politico italiano. Oltre il Pdl, che rappresenta i moderati e che raduna le anime di centrodestra, c'è un vuoto più a destra, quella zona che era rappresentata dai colonnelli di Alleanza Nazionale e, un tempo, da Gianfranco Fini. Ma quella parentesi, ora, è finita. Emblematico il crollo dell'ormai ex sindaco capitolino, per quanto a livello meramente tecnico fosse un esponente del Pdl. Si riaprono i giochi. Inizia la contesa: chi prenderà la leadership della destra? Indiziata numero uno è Giorgia Meloni, indicata da Ignazio La Russa come papabile leader di un nuovo soggetto, quella "cosa nera" di cui si discute da qualche ora su giornali, siti interent e blog.

Destra viva e colonnelli morti -  La Meloni si cala subito nei panni del leader, e come primo atto bacchetta chi ha distrutto quel patrimonio politico. "Non è la destra che è morta. Sono solo tramontati quei colonnelli che hanno fatto finta di niente mentre la destra annaspava nell’acqua alta, come quelli che hanno preferito garantirsi una poltrona mentre tutti gli altri venivano falcidiati, o quelli che oggi sono rimasti disoccupati e s’interrogano sulla ricostruzione di Alleanza Nazionale. Se costoro avessero avuto pietà per il destino della destra avrebbero reagito in tempi più ragionevoli", scrive la fondatrice di Fratelli d'Italia in un commento su Il Giornale. Una frecciata alla vecchia nomenklatura ex missina, quella della Meloni. Una "sentenza" che affossa ancor di più le anime profughe di An: da Andrea Ronchi al già citato Fini, da Italo Bocchino ad Adolfo Urso.

Rottamazione immediata - La Meloni è un fiume in piena e avvisa anche Alemanno, che soltanto poche ore prima aveva cercato di calmare gli animi: "Basta fare la guerra tra di noi, ripartiamo insieme". Un messaggio, quello dell'ex sindaco capitolino, rivolto ai vecchi compagnio di Alleanza Nazionale. La Meloni, se fosse lei il leader, però non vuole farisei e colonnelli tra i piedi. Così lancia subito la rottamazione: "Non significa che non si debba ragionare per rimettere insieme un mondo. Significa però che si deve avere il coraggio di saltare nel domani a piedi pari, accettando la sfida del tempo. Spetta a un’altra generazione scrivere un nuovo capitolo di storia della destra. Fratelli d’Italia si candida a essere il punto di partenza di questa sfida. La destra che vogliamo porta i valori nel cuore e tuffarsi nel progetto dell’Italia del terzo millennio. Con tenerezza e con forza, con gli uomini e le donne che vorranno crederci ancora”.

Il Cav è colpevole - Infine l'ex ministro della gioventù bacchetta anche Berlusconi, secondo lei colpevole per la fine di questa destra: "Credo che neanche Berlusconi sia innocente al riguardo, perché ha, troppo spesso, preferito riassumere solo in se stesso il senso della sfida al pensiero post-comunista. Ha prevalso la tattica, con somma gioia dei furbi. Quelli del 'tanto Berlusconi prende i voti a prescindere', che hanno così minato il futuro del centrodestra, lasciandolo a un presente piuttosto deprimente”. La resa dei conti a destra è solo all'inizio. Ma per chi per anni ha mangiato nel piatto di Fini le porte sembrano chiuse. La Meloni ha dalla sua l'anagrafe. E in tempi di rottamazioni facili vuole sfruttare il vento a suo favore. E' lei la "Renza" della destra? (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • folgore38

    10 Luglio 2013 - 13:01

    La meloni e' una poveretta che non sa quello che dice.E' da parecchi mesi che ama dire a destra e a manca che i cosi' detti colonnelli senza gradi e ex fascisti ,rinnegati e traditori come il giudeo Fini-to hanno capito troppo tardi che il loro destino e' finito!Bene.Ora pero',la deputata miracolata anche come ex ministro della gioventu' senza sapere una mazza di politica , vuole imporre le sue spupide idee (noi semo giovani e,anche un po' fessacchiotti)senza costrutto a personaggi che nella loro vita hanno saputo mercanteggiare uvunque pur di mantenersi a galla.Detto questo,la Meloni crede davvero di fare politica ? e con chi? con quali personaggi accoppiarsi se lei, la Meloni non e' in grado di preparare un uovo al tegamino.Per il momento La Russa la lascia fare ,tra non molto le dira' quello avrebbe dovuto dirle gia da tempo.Ringrazi la Madonna Addolorata e a pari meriti il cuore del CAVALIERE ma, tant'e':la gratitudine non e' figlia della riconoscenza.

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    09 Luglio 2013 - 17:05

    ON. MELONI, LEI E' MOLTO BRAVA, E' STATA CAPACE DI FARSI UN PARTITO CHE LE HA CONSENTIO DI ESSERE ELETTA. MA NO PENSI DI ESSERE CAPACE DI FARE UN PARTITO DI MASSA. DOVREBBE SAPERE CHE FRATELLI D'ITALIA A RICEVUTO VOTI ANCHE E SOPRATTUTTO PERCHE' ERA CON IL CAV.RIFLETTA, QUANDO IO FREQUENTAVO I MINISTERI ,(COLLABORAVO CON 2 MINISTRI, GRATIS) I DIPENDENTI MI DICEVANO CHE INDOVINAVO SEMPRE E MI INVITAVANO A FARE IL CONSIGLIERE.TRA DIRE E FARE CI VOGLIONO I DENARI, SENZA NON SI FA NIENTE. AUGURI

    Report

    Rispondi

  • berserker2

    19 Giugno 2013 - 13:01

    certo che la giorgia cocomeri con quel faccino da volpino, con quella fissità di sguardo è proprio il leader giusto per questa loro Destra che ha contribuito ad affossare. 20 anni che è in politica e sempre senza avere mai lavorato in vita sua, con incarichi pagati da tutti noi. Ho tentato di guardare con interesse alle schermaglie per creare una Destra forte e seria. Non è che bisogna guardare molto lontano. Una Destra vera e seria c'era già. Si chiamava MSI. Ma dobbiamo ringraziare fini e i quattro cialtroni che analmente hanno sempre subito e avallato qualsiasi cosa, compresa la signorina cocomeri e il sor italo pompino. Ora questi vaneggiano di rifondare ambendo ad avere pure un ruolo. Ma il tutto mi naufraga quando vedo che tra i promotori o gli interessati ce sta pure andrea ronchi....ma fatemi il piacere. andate a prendere per il culo qualcun'altro.

    Report

    Rispondi

  • caronte37

    16 Giugno 2013 - 22:10

    Beh, la ragazza ha fegato e merita fiducia. Tuttavia non sono d'accordo con lei quando dice che anche Berlusconi ha colpe. Si vede che è troppo giovane per capire che 20 anni fa fu proprio Berlusconi a togliere dalla merda la destra italiana. Non ha l'età per capire cosa voleva dire ''arco costituzionale'' e chi ne avesse all'epoca il diritto di farne parte. L'MSI, signora, era escluso e ghettizzato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog