Cerca

E' ricomparso

Monti: "Io non avrei firmato il fiscal compact"

Il Prof attacca Berlusconi e chiede: "Non smontate il nostro lavoro". Parla un po' di tutto, ma non del cagnetto Empy: come sta? Fa ancora disperare Elsa?

Monti e il cagnetto Empy

Monti e il cagnetto Empy

E' ricomparso il professore delle tasse. Mario Monti traccia le linee guida di Scelta Civica. E stupisce. Già, perché l'ex premier si produce in un improbabile attacco a Silvio Berlusconi: "Io - spiega - non avrei, nell'estate del 2011, accettato di impegnare il governo italiano con una lettera. Non avrei aderito al six pact, con l'impegno di rientro nel fiscal compact, e non direi che l'Italia può fare quello che vuole perché tanto non ci sarebbero ancora conseguenze. Mi rimane ancora da capire perché quella lettera sia stata ritenuta un impegno cogente del governo italiano". Senza stare a ricordare al Prof che, tecnicamente, è alleato del Cavaliere nel governo delle larghe intese, stupisce il fatto che "mister Europa", l'uomo che ha ingollato e metabolizzato (e fatto pagare a noi) tutti i diktat imposti dal Vecchio Continente, rinfacci a Berlusconi di essersi fatto legare le mani da Bruxelles. "Credo che la linea corretta per ogni Paese sia quello di firmare impegni solo se si è veramente fiduciosi di poterli rispettare", ha aggiunto.

Megalomane - Monti, in un altro passaggio del suo intervento, cerca anche di intestarsi i meriti per la creazione del governo Letta. "Se chi ha rappresentato Scelta Civica" durante i colloqui che hanno avuto luogo prima della formazione dell'esecutivo "non avesse insistito per coinvolgere il Pdl, che ci aveva duramente attaccato - spiega il Prof -, non ci sarebbe stata una grande coalizione". Poi sul futuro della sua Scelta Civica: "Non credo che avverrà la fusione con l'Udc, ma la creazione di un soggetto politico riformatore. Quale sarà la sua quantità e qualità - chiosa - lo vedremo dopo, ma il processo costituente di questo soggette non può partire da uin accordo a due Casini-Monti".

Decreto del fare - Quindi un commento sui primi passi del governo Letta. "Il decreto del fare - spiega Monti - è una buona notizia: è un decreto ispirato a un opportuno pragmatismo, che non riguarderà ancora i temi del lavoro e del welfare perché ci sono ancora problemi per quanto riguarda le decisioni e alcuni segnali che provengono dal governo ci lasciano inquieti". Il presidente di Scelta Civica ha ggiunto che "questi segnali potrebbero indicare marce indietro che noi non potremmo accettare. Ora - prosegue - non vorremmo si inserisca un elemento del 'disfare', come la modifica dell'impianto della riforma del lavoro. Da questo punto di vista - ha concluso - alcuni elementi del decreto, come quelli sugli ammortizzatori sociali, sono da noi considerati preoccupanti e non saremo disponibili sotto quell'aspetto". Il Professore, insomma, ha discettato un po' di tutto. A noi resta un dubbio: come sta il cagnetto Empy? E' ancora con lui? Fa ancora disperare la moglie Elsa?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldogam

    21 Giugno 2013 - 16:04

    Ci dica professore, ora che non è più PdC è stato reintegrato nelle sue funzioni di vertice nel Bildenberg e nella Tilateral? Da quanto dice sembrerebbe di si.

    Report

    Rispondi

  • Devogu

    19 Giugno 2013 - 17:05

    Se fossi stato suo allievo mi sarei vergognato di farlo sapere in azienda

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    19 Giugno 2013 - 14:02

    Non solo bisogna smontare il lavoro (leggi porcate) che hai fatto, ma bisognerebbe anche smontarti a te! Testa di legno, per non dire altro!

    Report

    Rispondi

  • gilucas

    19 Giugno 2013 - 14:02

    visto che è in vena di ciance, ci spieghi anche, caro Monti, che cosa è l'equità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog