Cerca

Cresce il "partito-consultazioni"

Pdl, cresce il partito del voto ad ottobre

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Per paradosso sono le parole di Renato Schifani, paludate e misurate, a far scattare la scintilla più di tutte le altre, più delle parole pronunciate dai falchi che non nascondo la loro voglia di elezioni (Renato Brunetta su tutti). "Mi riconosco nelle parole di Berlusconi - spiega Schifani -: fino a quando il governo attuerà gli impegni presi con gli italiani ed il Popolo della Libertà andrà avanti, saremo leali e lo sosterremo". Già, "fino a quando" gli impegni verranno mantenuti. La nuova deadline è fissata a tre mesi, quando si dovrà decidere sulla miriade di rinvii stabiliti da questo governo: Iva e Imu su tutti, che coincidono proprio con gli impegni presi dagli azzurri con l'elettorato. Cresce insomma il partito del voto. Il Pdl si organizza. Anzi si riorganizza. Anzi cambia faccia. Si torna a Forza Italia, ormai è ufficiale: forse tra un mese, più probabilmente a settembre. Ma il dado è tratto. E la riorganizzazione non può non far nascere il sospetto che abbia come vero obiettivo quello di farsi trovare pronti per una (incombente?) tornata elettorale.

"Voto ad ottobre" - Chi non si nasconde per niente è Denis Verdini. Rassicurazioni? Garanzie? Per lui sono balle, come una balla è la "pacificazione nazionale". Le ultime evoluzioni giudiziarie che hanno al centro Silvio Berlusconi lo dimostrano, e Verdini cavalca l'onda: "Se mi chiedi di obbedire, io obbedisco. Se mi chiedi di crederci, io non ci credo". La tesi del coordinatore è semplice: "Siccome da sola la sinistra non è mai riuscita a fare un boccone di Berlusconi alle elezioni, ha avuto il soccorso di un apparato editorial-imprenditoriale che si è messo all'opera e ha amplificato l'attacco dei magistrati per distruggere il leader del centrodestra". Un concetto che - nonostante le dichiarazioni di facciata e il sostegno (ma non ad ogni costo) al governo Letta - rimbomba anche nella testa del Cavaliere. Così Verdini mette il dito nella piaga, spiega che a suo parere sarebbe stato meglio andare alle urne due mesi fa, e aggiunge che Berlusconi ha ancora una possibilità per sottrarsi al tiro al bersaglio. Quale? Semplice: il voto ad ottobre.  Verdini lo ha spiegato al leader in una serie di report che vengono inviati settimanalmente: "Devi sfruttare la finestra elettorale di ottobre". Berlusconi ci pensa, anche perché - ripete ancora Verdini - è vero che Napolitano non vuole sciogliere le Camere, "ma senza di noi non ci sarebbero i numeri a palazzo Madama". Il punto su cui potrebbero crollare le larghe intese? La legge di stabilità. 

Parole di fuoco - Tra l'agitazione per l'assedio giudiziario, la delusione per i tentennamenti dell'esecutivo e il "tuffo nel passato" col ritorno a Forza Italia, c'è un intero partito in ebollizione. Le dichiarazioni fioccano, le larghe intese scricchiolano, il campo viene preparato. Sandro Bondi insiste sulla giustizia e risponde al segretario del Pd: "Le fibrillazioni, come le chiama Epifani, non dipendono dalle vicende giudiziare di Berlusconi, bensì da una magistratura che travalica i propri confini e non rispetta i principi essenziali della civiltà del diritto. Ormai - aggiunge - ogni cittadino teme per la propria libertà personale a causa di un potere privo di limiti, controlli e bilanciamenti". Quindi il quotidiano siluro di Renato Brunetta, che picchia duro sul ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, invitato a riferire in aula suila certificazione dei crediti vantati dalle aziende nei confronti della pubblica amministrazione. "Time's over, come dicono gli inglesi", sussurra Brunetta, che attaccando uno dei ministri più pesanti dell'esecutivo, di fatto, mina l'esecutivo stesso.

"Giorni contati" - Certo, per ora con il Pdl non c'entra nulla. Ma Roberto Maroni osserva la situazione e trae le sue conclusioni. Il segretario federale della Lega Nord ha una certezza: "Il governo ha i giorni contanti. Mi sembra di sentire un rumore di sciabole in sottofondo, e per il governo prevedo giorni molto duri". Quindi la profezia: "L'esecutivo non arriverà a Natale. La politica del rinvio ha la vita breve. Noi della Lega siamo pronti ad elezioni anticipate". 

di Andrea Tempestini
@antempestini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    10 Luglio 2013 - 19:07

    Tanto la cricca di Letta non produrrà mai niente. con Saccomanni all'economia cosa possiamo aspettarci? solo la difesa degli interessi delle banche e la sottomissione totale ai tedeschi e alle agenzie di rating, che ormai sono i veri padroni dell'Italia. Riprendiamoci il nostro Paese, prima che sia troppo tardi. Deve essere questo lo slogan della campagna elettorale: RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PAESE!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • eaman

    10 Luglio 2013 - 17:05

    Ecco bravi: non solo vi siete presi tutti i contributi elettorali in MArzo ma gia' in Ottobre volete farvi fare un altro giro in giostra. Tanto che vi importa mica fa schifo prendersi qualche altro centinaio di milioni di contributi per ripetere imu - iva - Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    29 Giugno 2013 - 18:06

    Vincesse ora risolverebbe tutti i problemi che non ha risolto in 20 anni, anche quelli che procurato

    Report

    Rispondi

  • spalella

    29 Giugno 2013 - 09:09

    ma che i politici del Pdl vogliano votare mi fà ridere.... a chi pensano di far credere che QUESTA VOLTA faranno ciò che davvero serve, ad es sul fonte del bestiale esercito di Un Milionetrecento mila zecche che infestano la politica e divorano la finanza pubblica ? e tanto per citarne solo uno dei cancri che hanno creato insieme al Pd....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog