Cerca

Il record

Letta, una nomina al giorno

Enrico Letta

Enrico Letta visto da Benny

Le ultime due sono arrivate ieri sera in un comunicato del ministero dell’Economia. Il ministro Fabrizio Saccomanni ha designato per la presidenza di Finmeccanica «il prefetto Giovanni De Gennaro» e per il consiglio di amministrazione della stessa società «l’ambasciatore Alessandro Minuto Rizzo». Sono le nomine numero 73 e 74 del governo guidato da Enrico Letta in appena 67 giorni. Più di una nomina al giorno, con un record assoluto negli ultimi lustri, che vale a mostrare almeno un settore in cui Letta non sta con le mani in mano rinviando le decisioni più in là: l’occupazione delle poltrone. Se in 67 giorni Letta e i suoi hanno insediato i propri prescelti su ben 74 poltrone, nello stesso identico arco di tempo iniziale del loro governo Mario Monti (novembre 2011-gennaio 2012) si limitò a 51 poltrone; Silvio Berlusconi (maggio-luglio 2008) si accontentò di 44 poltrone e perfino Romano Prodi (maggio-luglio 2006), che nei suoi primi 67 giorni fece solo 47 nomine nonostante avesse il giovane Letta sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. 


Poltronissime - Naturalmente le abbondanti nomine del governo attuale sono - a sentire chi le vara - di grandissima qualità. Lanciando De Gennaro e Minuto Rizzo sul ponte di comando di Finmeccanica il ministro dell’Economia ha tenuto a precisare che «le designazioni sono state individuate sulla base dei criteri e delle procedure ispirati a meritocrazia e trasparenza indicati dalla direttiva del 24 giugno». A fine maggio la stampa birichina si interrogava: «Chi faranno a Finmeccanica?». E si rispondeva quasi all’unisono: «De Gennaro!», sottolineando come il prefetto tenesse tantissimo a quella poltrona. Ma per farlo meglio Saccomanni si è fatto una bella direttiva, dove è scritto che le nomine si possono fare solo con criteri di «meritocrazia e trasparenza». Poi ha nominato a capo di Finmeccanica quello stesso De Gennaro che qualunque governo avrebbe dovuto nominare, e si è fatto pure i complimenti per la decisione «trasparente» (e ci mancherebbe: Finmeccanica è una società quotata…) e «meritocratica».  Nel pacchetto di 74 nomine ci sono anche poltronissime, come quella del presidente «provvisorio» dell’Istat, Antonio Golini, vista la vacanza lasciata dal ministro del Lavoro Enrico Giovannini. O quella del nuovo (e definitivo) ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, preso dalla Banca d’Italia. È poi toccata a Letta la nomina insieme al Quirinale e al ministero dell’Economia del nuovo direttore generale della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, che ha preso il posto lasciato vacante da Saccomanni. Importanti anche le nomine della sicurezza: Letta ha scelto insieme al ministro dell’Interno Angelino Alfano il nuovo capo della polizia, Alessandro Pansa, e insieme al ministro della Difesa, Mario Mauro, il nuovo vicecomandante generale dei Carabinieri, Antonio Girone. Alfano ha anche scelto Leonardo La Vigna alla guida dell’ispettorato di polizia della Camera, ruolo delicato e assunto all’onore delle cronache la scorsa estate, per la decisione sulla scorta e relativo albergo vacanziero dell’ex presidente dell’assemblea di Montecitorio, Gianfranco Fini. 

 

Da Paoli a Treu - Sempre il presidente del Consiglio ha fatto approvare dai suoi ministri la nomina di Gino Paoli alla presidenza della Siae. Porta la sua firma pure la scelta anche la scelta di Alessandra Gasparri come nuovo commissario per la prevenzione della corruzione, e pure la scelta di Giuseppe Sala, nuovo commissario unico governativo per l’Expo di Milano 2015.  Di peso anche la nomina di Enrico Bondi a commissario dell’Ilva. Accompagnata poi dalla scelta da parte del ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, di un ex parlamentare verde come Edo Ronchi a sub commissario. A proposito di ex, grazie a Letta e a Giorgio Napolitano anche Tiziano Treu ha ottenuto una poltroncina al Cnel. Nell’elencone ci sono poi raffiche di promozioni e di avanzamenti di incarico dei militari, e qui svetta la nomina congiunta fra Mauro (che lo ha prima promosso di grado) e il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, di Felicio Angrisano all’incarico di comandante generale delle Capitanerie di Porto. 

L'istruzione - Nel pacchetto ci sono le numerose nomine del ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, dei responsabili regionali degli uffici scolastici. O di quelli dei beni culturali e paesaggistici promossi dal ministro titolare, Massimo Bray. E anche qualche scelta per le carie strutture ministeriali per cui è stato necessario informare le Camere: lo stesso Letta ha comunicato così di avere nominato Armando Varricchio suo consigliere diplomatico e Carlo Deodato capo degli affari giuridici e legislativi della presidenza del Consiglio dei ministri. Nelle 74 nomine non sono invece ricompresi gli staff del presidente del Consiglio e dei suoi ministri, che ad ogni cambio di governo vengono profondamente rinnovati per avere collaboratori di stretta fiducia. Non ci sono nemmeno le 35 nomine, pure rese pubbliche dal premier che ne è stato regista assoluto, dei membri tecnici della commissione per le riforme costituzionali: non saranno poltrone stabili, e non godranno di alcuno stipendio, per cui nella tabellona non le abbiamo considerate. 

di Franco Bechis

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iuchi

    05 Luglio 2013 - 08:08

    Ma non credete che Letta poi prende le provvigioni sugli stipendi che fa prendere a queste persone? Tanta bontà per certi posti retribuiti alla grande mi sembra proprio un bel pozzo se poi si pretende da questi una provvigione anche del 15%. Più nomine fai più prenderai quando perdi il tuo posto di lavoro attuale. Letta, come su può notare, sarà un milionario straricco!! Comunque sta tradendo il mandato che ha ricevuto e credo che il governo debba cadere prima di Agosto dato che non è capace a fare altro che nuove nomine e rimandare tutto. L'unica cosa che riesce a fare è prendere i Diktat dall'Europa contro l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    04 Luglio 2013 - 21:09

    fanno schifo voterò grillo e se non sarà sufficiente aspetterò con ansia e desiderio robespierre e poi i giornali dicono che per i sondaggi stanno risalendo ma quando mai

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    04 Luglio 2013 - 16:04

    libero

    Report

    Rispondi

  • frid54

    04 Luglio 2013 - 15:03

    Se dedicassero al mandato avuto dagli elettori la metà delle energie che spendono per dividersi le poltrone, l'Italia potrebbe comprarsi la Svizzera, la Germania e, per buona misura, anche la Gran Bretagna! MANICA DI PARASSITI, SANGUISUGHE, MANGIAPANE A TRADIMENTO!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog