Cerca

La furbata

Ecco il nuovo Mr Spending Review,
taglia gli sprechi ma non lo stipendio
ci costerà un milione di euro

Il "decreto Fare" prevede un "super-commissario" che controlli le sforbiciate per le spese inutili. Ma il successore di Bondi guadagnerà un bel gruzzoletto, che ovviamente... non si taglia

Ecco il nuovo Mr Spending Review,
taglia gli sprechi ma non lo stipendio
ci costerà un milione di euro
Dopo Enrico Bondi, Mr Spending Review, anche Enrico Letta vuole il suo super consulente per i tagli agli sprechi. Così nel "Decreto Fare" spunta il "supercommissario" che vigilerà sui tagli e sull'operazione spending review. "L'espertone", che ancora deve essere nominato, di sicuro non darà una sforbiciata alla sua busta paga. La retribuzione è fissata nel decreto fare. Il commissario verrà nominato con un decreto del presidente del Consiglio, su proposta del ministro dell'Economia, potrà contare su un assegno massimo di 150mila euro per il 2013, 300mila nel 2014, altrettanti nel 2015 e 200mila nel 2016, ultimo anno di incarico. L'ammontare della busta paga è inferiore al tetto massimo delle retribuzioni dei manager di Stato fissata a 340 mila euro. Ma a quanto pare il supercommissario non avrà alcun divieto di cumulo con altre indennità derivanti da altri incarichi (per esempio se si tratta di un membro di qualche consiglio di amministrazione o un revisore dei conti) nè con la pensione.

A chi tocca il bottino? - Inoltre "l'uomo dei tagli" guadagnerèà  di più di Enrico Bondi. Così con una buista p'aga così succossa scatta subito nei palazzi romani il "toto-commissario". Tra i nomi che girano c'è quello del capo-economista dell'Ocse, Piercarlo Padoan, che sarebbe in quota Pd. I dem comunque hanno anche un candidato di riserva che risponde al nome di Lucrezia Reichlin, economista con un passato in Bce e che sarebbe la prescelta del presidente del Consiglio. Per il momento non c'è alcuna candidatura in quota Pdl. Sfuma invece l'ipotesi di vedere nei panni9 del "supercommissario" l'ex ministro Piero Giarda, padre della spending review lanciata esattamente un anno fa con il decreto 95 e autore dell'unico documento ufficiale del Governo che raccoglie tutti gli elementi per una revisione della spesa pubblica. Intanto sullo stipendio destinato al nuovo mister spending review protestano i grillini: "Certi paletti dell'emendamento sembrano fatti su misura per lui...". Chi sarà il "Mister X" che metterà la mano sul bottino per poi tagliare gli sprechi? (I.S.)


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Zek64

    22 Luglio 2013 - 20:08

    Ogni italiano sano di mente farebbe i tagli agli sprechi lavorando gratis e velocemente ! Non servirebbe neanche chiedere un curriculum,uno a caso sarebbe perfetto.

    Report

    Rispondi

  • encol

    20 Luglio 2013 - 07:07

    Chiamate me lo faccio gratis e sicuramente taglierò fino all'ultimo centesimo inutile. Sarà UNA OPERAZIONE CHIRURGICA VERA-

    Report

    Rispondi

  • gino45

    19 Luglio 2013 - 21:09

    spendendo subito un milione di euro.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    19 Luglio 2013 - 19:07

    Comincio a pensare che hanno ampiamente ragione i tedeschi a non voler mollare il portafoglio della UE un mano agli Italiani, ben sapendo che sarebbero capaci di mangiarsi anche quello, oltre al contenuto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog