Cerca

Nel mirino

Cervia, lancio di banane contro il ministro Kyenge

L'episodio a Cervia, dove è stata accolta da dei manichini insanguinati

Cecile Kyenge

Cecile Kyenge

Un nuovo episodio di razzismo contro il ministro dell'Integrazione. Dalle parole, i contestaori di Cécile Kyenge sono passati ai fatti. Due settimane dopo la sparata di Roberto Calderoli, che aveva paragonato Cécile a un orango, c'è chi ha alzato ulteriormente l'asticella della contestazione "sporca". A Cervia, durante la festa del Pd, dalla platea sono state lanciate due banane all'inidirzzo del ministro, che stava rispondendo alle domande del direttore de Il Giorno, Giancarlo Mazzuca

"Cibo sprecato" - Le due banane sono cadute sulla prima fila, senza raggiungere il ministro e sfiorando l'assessore comunale alla Sicurezza, Giovanni Grandu. Il dibattito è stato subito interrotto: "Cervia non merita questi stupidi gesti", ha commentato Mazzuca. La Kyenge, da par suo, senza perdere l'ormai proverbiale aplomb ha stigamtizzato a modo suo il gesto su Twitter. Con una buona dose di ironia, la Kyenge ha cinguettato: "Con la gente che muore di fame e la crisi, sprecare cibo così è triste". Per inciso, l'autore del gesto non è ancora stato indentificato.

I manichini - Il lancio delle banane non è stato il primo episodio anti-Kyenge durante la festa del Pd. Nella serata di venerdì 26 luglio, prima dell'arrivo del ministro per il dibattito, hanno fatto capolino alcuni manichini imbrattati di rosso sangue, corredati da un cartello con scritto: "L'immigrazione uccide - No ius soli". I manichini - troppo semplice identificare il "destinatario" - sono stati lasciati in bella vista nella piazza dei Salinari, a Cervia. Il gesto è stato rivendicato da Forza Nuova, il movimento di estrema destra, che spiega: "Tutelare l'identità italiana deve essere di primario interesse, in quanto essa rappresenta la forza da cui trae linfa la vita stessa del nostro popolo".

di Eleonora Tesconi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • il leghista monzese

    29 Luglio 2013 - 16:04

    Io penso che nessuno di quelli che qui criticano o hanno criticato la Signora, lo faccia per il colore della sua pelle. Io stesso vivo in un paese dove io BIANCO sono minoranza. Io credo che chi critica lo faccia proprio contro le IDEE che questa signora non cessa di manifestare e dato che questa Signora è di fatto un ministro del governo Italiano, prima o poi le sue IDEE si potrebbero concretizzare in leggi. Leggi che non farebbero altro che RIEMPIRE l'Italia di tutti i DERELITTI del mondo, che ovviamente dovremo: SALVARE, MANTENERE, AIUTARE, DARGLI LE CASE (quelle che non ci sono per gli Italiani)DARGLI LAVORO (quello che non c'è per gli Italiani) e potrei continuare ma manca lo spazio. Quindi mi chiedo e Le chiedo, CHI PAGHERÀ TUTTO QUESTO??? PANTALONE! Ovvero Io e tutti quelli che come me hanno lavorato 40 anni ed ora come pensionati si vedono trattenere 16.000 E l'anno di IRPEF sulla loro pensione ed hanno perso l'adeguamento! MEDITI BENE, CHI SONO i RAZZISTI?? Saludos

    Report

    Rispondi

  • mubarak

    29 Luglio 2013 - 10:10

    Ha ragione Calderoli, tutta la vita.

    Report

    Rispondi

  • davideeee

    28 Luglio 2013 - 20:08

    è il contento del suo lavoro a spingere certe reazioni e la signora Kyenge dovrebbe essere rimossa dall'incarico. Molta gente non approva che: - non sia più reato rimanere in Italia senza permesso di soggiorno - piuttosto che gli immigrati hanno la precedenza per i posti pubblici - etc... vedi link http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1244651/Kyenge----Posto-pubblico-agli-immigrati---e-gli-italiani-restano-disoccupati--.html

    Report

    Rispondi

  • alestrac

    28 Luglio 2013 - 14:02

    io non sono in grado di valutare il lavoro svolto dal ministro kyenge, ma fino ad oggi la maggior parte degli insulti che gli hanno rivolto sono stati perche' e' di colore. chi la insulta secondo me NON APPARTIENE AGLI ESSERI UMANI, queste cosidetti esseri vanno processati per direttissima. il popolo italiano non merita anche questo. N.B. io sono bianco e sono italiano alessandro stracuzzi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog