Cerca

La rilevazione

Berlusconi in galera?
Sale di 300mila voti

Gli esperti: "Il Pdl crescerebbe dell'1%". E i sondaggi lo confermano...

Silvio Berlusconi

Berlusconi arrestato: visto da Benny

Trecentomila voti in più. Pari ad un punto percentuale. Sufficiente, però, a consolidare il Pdl come primo partito italiano. Altro che uscita di scena dalla politica. Se Silvio Berlusconi fosse condannato dalla corte di Cassazione in via definitiva ed estromesso di forza dal Parlamento, la formazione del Cavaliere, secondo i sondaggisti, incrementerebbe i propri consensi. Un boomerang per quella parte del Pd che spera di liberarsi di Berlusconi per via giudiziaria. 

Spiega Alessandro Amadori, amministratore delegato di Coesis Research: «L’elettorato del Pdl è legato a Berlusconi da un vincolo affettivo, non razionale. E quando ci sono relazioni di questo tipo è facile prevedere, da parte di una fetta rilevante della società italiana, l’attivazione di un meccanismo di solidarietà con quello che, in caso di conferma della condanna, sarebbe visto come un martire». E il saldo tra «entrate e uscite a livello di consensi sarebbe positivo». Un guaio per chi, a sinistra, accarezza da sempre il sogno di estromettere Berlusconi dalla vita politica con l’aiuto delle toghe. «Con le dovute differenze e proporzioni, il meccanismo di solidarietà nei confronti di Berlusconi ricorderebbe quello scattato in occasione della morte di Enrico Berlinguer nel 1984», osserva Amadori. «Per il Pd, sarebbe molto meglio avere a che fare con un Berlusconi avviato naturalmente ad una lenta, ma inesorabile e progressiva uscita di scena, piuttosto che con un avversario elevato al rango di martire».

Secondo Alessandra Ghisleri, numero uno di Euromedia Research, attualmente il Pdl è già il primo partito italiano: «Dopo lo scandalo kazako, i suoi elettori hanno fatto quadrato. Mentre il Pd ha perso consensi verso Sel di Nichi Vendola e Movimento 5 stelle». Così il Pdl sfiora il 28%, mentre il Pd è un punto sotto. Un vantaggio destinato a crescere, paradossalmente, nel caso il Cav fosse condannato. «Quando Berlusconi è sotto la luce dei riflettori, il Pdl ne trae sempre vantaggio». E lo stesso potrebbe accadere, a maggior ragione, in caso di conferma della condanna sui diritti tv Mediaset. «Genererebbe un sentimento più verso l’uomo Berlusconi che il politico. E il Cavaliere se ne avvantaggerebbe», sentenzia Ghisleri.  

di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • belbelpietro

    08 Agosto 2013 - 08:08

    Se Berlusconi va in galera lo voto anch'io! Sarebbe la mia prima volta:)!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    31 Luglio 2013 - 18:06

    E SE DOMANI NON LO CONDANNANO?E SE DOMANI NON LO CONDANNANO?E SE DOMANI NON LO CONDANNANO?E SE DOMANI NON LO CONDANNANO?E SE DOMANI NON LO CONDANNANO?Non è l'Alzheimer a farmi scrivere in maniera ripetitiva questa domanda ma,la voglia di proporre alle chiaviche come te una riflessione!...E se domani non lo condannano?

    Report

    Rispondi

  • jack1

    31 Luglio 2013 - 17:05

    per farti capire il tuo livello da muratore bulgaro ti pongo una domandina semplice semplice : Che percentuale ha la Tassa del registro sui terreni edificabili e/o in convenzione .....?? Rispondi a questo bifolco , scommetti che ti faccio piangere dalla vergogna??? rispondi cojlione

    Report

    Rispondi

  • jack1

    31 Luglio 2013 - 17:05

    traduci le stupidaggini che hai scritto perchè non si capisce dove inizia e dove finisce ...tipico dei sinistrati .... Purtroppo non conosco il sinistrese

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog