Cerca

Raduno azzurro a Roma

Berlusconi: "Io innocente. Il governo avanti"

Il Cav in via del Plebiscito: "Il Pdl unico baluardo contro il regime delle toghe. Nessuno può dire che siamo irresponsabili". Al premier Letta: "Sostegno, ma ora riforme"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Il dubbio è stato spazzato via al primo secondo del sit-in del Pdl in via del Plebiscito: Silvio Berlusconi prende subito la parola, appena terminato l'inno d'Italia che ha aperto la manifestazione. Teso in volto, quasi commosso, il Cavaliere esordisce spiegando alla folla: "Il vostro affetto e la vostra vicinanza mi ripagano di tutte le pene e i dolori che ho attraversato in questi giorni". Quindi il leader del Pdl aggiunge: "Sento il dovere di impegnarmi in politica con ancora più passione". Il Cav rilancia l'impegno politico, sostenuto dai fan che sventolavano le bandiere di Forza Italia e scandivano il suo nome: "Se il 4 di agosto di una domenica con 40 gradi all'ombra, con l'asfalto che brucia, dopo ore e ore di viaggio, un mare di gente è venuta qui per dimostrarmi stima, vicinanza e affetto, io mi sento il dovere di impegnarmi con ancora più entusiasmo e passione". E ancora: "Io sono qui, io resto qui. Io non mollo".

"Il governo va avanti" - Quindi l'entrata a gamba tesa contro le politiche degli ultimi giorni con un messaggio ben preciso a Giorgio Napolitano: "Nessuno ci può dire irresponsabili", intima Berlusconi riferendosi alle parole del Capo dello Stato sull'intervento di Sandro Bondi, che aveva evocato scenari da "guerra civile". "Quello che ci spinge non è il nostro interesse particolare, ma prima di tutto viene sempre l'interesse di tutti e della nostra Italia". Poi il messaggio a Enrico Letta, attento ascoltatore: "Abbiamo già detto che il governo deve andare avanti e attuare le riforme economiche". Poche parole, ma chiare: il Pdl appoggia l'esecutivo, che però ora si deve muovere. Il Cav ritorna poi a raccontare quelle che definisce "le giornate più angosciose di tutta la mia vita. Ho ripassato quello che io ho fatto come figlio, come padre, come imprenditore e come cittadino e servitore dello Stato. Quando leggo i giornali - attacca -, quando leggo le cose che stanno scrivendo di me, mi vedo come in uno specchio con una immagine deformata".

"Io innocente" - L'ex premier passa poi alla difesa personale e all'attacco dei giudici. La condanna affibiata dalla Cassazione - quattro anni di reclusione - lo ha sconvolto. Berlusconi grida dal palco: "Vi devo dire, guardandovi negli occhi, come ho fatto con i giudici, che io sono innocente". Poi contro le toghe: "La magistratura ha tentato di buttarmi fuori per 20 anni dalla politica. Ora hanno raggiunto il loro traguardo". Il Cavaliere ricorda che "nella nostra Costituzione c'è scritto che la sovranità appartiene al popolo. Non c'è scritto come dovremmo credere che l'articolo 1 dica che la sovranità appartiene alla magistratura che la esercita come vuole. Questo è ciò che dovrebbe essere scritto nella Costituzione, vedendo la dolorosa realtà".

"Argine contro il regime" - "Non possiamo accettare che ci dicano di non criticare le sentenze - ha proseguito Berlusconi - e di non criticare la magistratura, che non è un potere dello Stato ma un ordine dello Stato, con funzionari che hanno vinto un concorso". L'attacco contro le toghe, poi, diventa durissimo e si mischia al prossimo impegno politico: "Sono consapevoli che la presenza di Berlusconi e Forza Italia è un argine contro un regime, è l'unico baluardo che abbiamo contro un regime illiberale e giustizialista. Quando è nata Forza Italia - ha ricordato Berlusconi - ci hanno lanciato subito contro una accusa di corruzione e hanno fatto cadere il governo eletto dagli italiani. E poi, via via, un calvario di accuse: ho 41 processi alle spalle".

"Vi ringrazio" - Dopo circa 10 minuti di un appassionato intervento, ancora commosso, ringraziando tre volte la folla, Berlusconi ha concluso: "A tutti voi un grande abbraccio, negli anni che mi restano non dimenticherò mai questa giornata. La mia riconoscenza va verso di voi, verso ciascuno di voi per la commozione che mi avete creato e per il fatto che siete riusciti con un atto di amore a trasformare quello che in me era angoscia e dolore. Credo che porterò per sempre questo abbraccio da chi non conosce invidia e odio che ha rispetto per gli altri, che rappresenta la parte buona e di buon senso e quella produttiva, e non si farà mettere sotto da chi ha l'invidia e l'odio come conduttori della loro azione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • manuelebonbon

    05 Agosto 2013 - 16:04

    Sono innocente, lo giuro sulla testa dei miei cinque figli: Non ho mai onosciuto ne sentito parlare di All Iberian. Non ho MAI pagato una donna. Non ho mai corrotto un senatore. Sono stato al compleanno di Noemi Letizia in quanto amico del padre che era l'ex autista di Bettino Craxi...

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    05 Agosto 2013 - 16:04

    cosi almeno per una volta, hai fatto qualcosa per gli altri!

    Report

    Rispondi

  • Ricafede

    05 Agosto 2013 - 15:03

    Bhe, in quanto ad astio e odio, anche tu non scherzi.

    Report

    Rispondi

  • bellanto

    05 Agosto 2013 - 15:03

    hai superato feltri gferrara sallustibelpietro santadeche' e persino capezzone...avrai una riproduzione del sedere di berlusconi in oro falsificato per poterlo baciare a tuo piacimento...auguri..........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog