Cerca

L'intervento a Genova

Pd, Renzi con Mentana: "Se non pensavamo ai giaguari vincevamo. Basta ossessione Berlusconi"

Il sindaco chiede autocritica ai suoi: "A febbraio ci siamo dovuti impegnare. Qua dobbiamo conquistare i voti dei delusi di Pdl, 5 Stelle e... Pd"

Pd, Renzi con Mentana: "Se non pensavamo ai giaguari vincevamo. Basta ossessione Berlusconi"

"Non dobbiamo essere spocchiosi, dobbiamo prendere il voto utile e quello umile. Dobbiamo prendere i voti dei delusi del centrodestra, dei 5 Stelle, e pure quello dei delusi del Pd". Il congresso, le correnti, la corsa a Palazzo Chigi. E soprattutto il Pd, da rivoltare come un calzino. E' un Matteo Renzi scatenato quello che il direttore del TgLa7 Enrico Mentana intervista a Genova, alla Festa democratica. Il vero mitraglietta è lui, il sindaco di Firenze. Che non le manda a dire a chi, come Pierluigi Bersani, gli ha ricordato che se vuole cancellare le correnti come promesso, allora deve partire proprio dalla sua, quella dei renziani. "Il primo che mi dice di essere renziano gli consiglierei un trattamento sanitario obbligatorio, dico no alla politica che si riduce ad un cognome con un suffisso", scherza dal palco genovese. E poi, serio, va giù duro con l'ex segretario: "A dicembre, dopo le primarie perse, ho giocato per il Pd rinunciando a prendermi il 40% dei posti in Parlamento". 

Autocritica Pd - I punti centrai dell'intervista a Renzi sono due: la corsa alla segreteria del partito e gli errori del passato recente. Innanzitutto le elezioni. "Il 25 febbraio ha perso il Pd. Riuscire a non vincere le elezioni non era facile, ci siamo dovuti impegnare. Se avessimo pensato meno a smacchiare il giaguaro ma ad occuparci di più dei giovani e del lavoro, ora al governo ci saremmo noi, senza Brunetta o Alfano", è l'ennesimo affondo al grande sconfitto, Bersani. E poi l'imboscata su quello che doveva essere il dopo-Napolitano, Romano Prodi. "L'atteggiamento dei 101 è immorale e inqualificabile, ti alzi e lo dici, come io ho fatto con Marini, non fai quello che accoltella alle spalle". L'obiettivo dei franchi tiratori, sostiene il sindaco di Firenze, era "non solo sbarrare la strada a Prodi ma anche immaginare un percorso diverso". Serve, insomma, un po' di sana autocritica: "Alle scorse elezioni noi abbiamo perso 3 milioni di voti, Berlusconi ne ha persi 6 milioni. Tra quelli che hanno votato Grillo, secondo me una parte si era rotta le scatole di noi, della nostra inconcludenza, del fatto che non eravamo coerenti, che dicevamo di abolire finanziamento pubblico ai partiti ed è sempre lì, che dovevamo fare legge elettorale e non se fatto nulla". Il messaggio, forte, è quello dell'ottimismo: "A questo Paese serve una rivoluzione radicale, non qualche manovra col cacciavite. Anche tra i nostri vedo molta rassegnazione. E invece dobbiamo ritrovare forza e coraggio, la pagina più bella è ancora da scrivere". 

Basta ossessione Berlusconi - Da scrivere, di sicuro, è il capitolo su chi guiderà il partito dopo la parentesi Epifani. "Sono disponibile, fissiamo la data del congresso. E al congresso non voglio il voto dei renziani, che sembra una brutta parola, ma di tutti gli italiani, gli uomini e le donne che hanno a cuore il Pd". La battaglia, dunque, è quella di aprire le porte del Pd a tutti gli elettori, non solo quelli di sinistra. Senza parlare sempre e solo di Silvio Berlusconi. "Dobbiamo smetterla di considerare una persona colpevole dopo un servizio del Fatto quotidiano, di Repubblica, di Report. E anche dopo solo un grado di giudizio. Oggi, Berlusconi è condannato in via definitiva. Ne abbiamo parlato per 20 anni, possiamo non passare i prossimi 20 mesi a parlare della sua assenza?". E quando Mentana gli chiede, ultima domanda, cosa significa essere di sinistra, lui conclude così: "Significa anche non ripetersi come siamo belli, come siamo pochi. Voglio una sinistra che governi l'Italia, non una che si compiaccia delle proprie sconfitte".

di Claudio Brigliadori

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frenki

    04 Settembre 2013 - 16:04

    Mi sapete dire come si fa a votare questa marmaglia incoerente dei PD ? Siete in grado di capire se questa gente è in grado di governare il paese ? Se sono in grado di furmulare delle proposte di politica economica? Se sono in grado di tenere a bada il loro sindacato CGIL, ormai fuori dalla realtà? Se sono in grado di gestire la pubblica amministrazione governata di fatto dai sindacati corporativi che difendono a spada tratta i fannulloni, assenteisti, ladri ecc.ecc. Temo che Renzi sia un'altro Berlusconi: da quest'ultimo ha imparato l'arte del venditore di fumo, parla, parla ma non si sa quale siano le proposte di politica economica punto per punto. Quale scelta ci rimane? Il GRILLO parlante con quei voti inutili? Siamo messi male !

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    03 Settembre 2013 - 13:01

    Camerata, io non ho l'elmetto, ma un colbacco con in fronte una falce e un martello dentro una stella rossa, vengo dall'oriente e monto un feroce destrier. Attento che quelli come te e il demente di arezzo ce li mangiamo a cena insieme a 4-5 bambini per contorno.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    02 Settembre 2013 - 18:06

    Compagno proprio tu parli di offese ed insulti, quando sei il primo ad aizzarti contro tutti e tutto con epiteti a dir poco cannibaleschi ....! Non sai che quando si và in guerra bisogna mettersi l'elmetto...?

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    02 Settembre 2013 - 17:05

    il tuo linguaggio è tipico di persone immature e in preda a turbe emotive; la tua unica capacità è quella di offendere e basta leggerti per conoscerti: un povero coglione fascista e miserabile che sta al mondo solo per dimostrare quanto tutti gli altri siano migliori di poveri mentecatti quale tu sei. Ti toccherà morire agganghito come il tu duce del 45 perché Renzi vi farà scomparire e di te e di quelli come te resterà neanche una cureggia. Stupido, vatti a curare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog